Dovremmo vietare Tintin e Snowy?

I personaggi dei fumetti belgi compiono 90 anni questa settimana, pregiudizi intatti.

copyright Fumiste Studios

Le Trésor de Rackham le Rouge di Hergé

Fonte: copyright Fumiste Studios

Tintin, l’eroe di due dozzine di avventure a fumetti per bambini scritte e illustrate dall’artista belga Hergé, compie oggi 90 anni. Il suo compleanno solleva di nuovo la questione di come affrontare storie divertenti e popolari concepite in tempi in cui gli atteggiamenti imperialisti, colonialisti e individualmente razzisti erano la norma occidentale e si riflettevano nei comportamenti e negli atteggiamenti di personaggi come Tintin, nei libri per lettori sia giovani che vecchio.

Per celebrare il compleanno di Tintin, l’editore di Hergé sta pubblicando una versione digitalizzata del primo libro pubblicato, Tintin in Congo, un libro che presenta maldestri africani disegnati con labbra a forma di salsiccia, perizomi e lance, aiutati dalle maledizioni lanciate dalle streghe e altre situazioni dal gentile,
esperto di tecnologia belga.

Considerata la storia del comportamento dei belgi nella loro ex colonia – durante la quale, a seconda di quali account si crede, tra 1 milione e 10 milioni di congolesi sono morti per lavoro eccessivo, abuso, tortura e fame indotta sotto il dominio belga – la scelta di Tintin in Congo per celebrare l’apparizione del giovane giornalista investigativo che indossa la giacca a quattro zampe sembra insensibile nel migliore dei casi. Nel peggiore dei casi, dato il contesto, sembra legittimare il genocidio.

“Ci chiediamo davvero se è il momento giusto”, ha commentato un artista congolese di fumetti chiamato Barly Baruti, riferendosi a una recente rinascita in gruppi razzisti di destra in Europa.

Va anche notato che le storie di Tintin sono massicciamente, e ridicolmente, orientate verso il maschile. L’unica figura femminile che ricorre nella serie è Bianca Castafiore, una cantante lirica imponente, prepotente e non particolarmente intelligente, degna di nota per i suoi seni enormi e la sua pigrizia e temuta per la sua passione per il canto delle arie di Gounod in un volume che letteralmente rompe le finestre.

E ancora.

Eppure le storie di Tintin sono eccitanti, ben raccontate, splendidamente illustrate e ancora oggi apprezzate dai bambini di tutti i generi. Sono anche molto divertenti, pieni di pratfalls, personaggi sciocchi e disavventure, molti dei quali imbarazzanti per l’eroe.

Eppure: il comportamento di Tintin, sebbene egregiamente condiscendente, anche un po ‘sprezzante, dell’intelligenza e dell’istruzione di particolari gruppi etnici e africani in particolare, è in realtà abbastanza illuminato dagli standard del suo tempo.

Per prima cosa, dagli africani congolesi ai cinesi sotto il dominio giapponese alle tribù sudamericane ai nativi americani negli Stati Uniti, Tintin sostiene sempre il perdente e cerca di aiutarlo. Ovviamente è una forma di aiuto paternalista e condiscendente, ma dato ciò che stava accadendo nella vita reale a quelle etnie negli anni ’20, ’30 e ’40, sicuramente supera gran parte della competizione.

Dovrei anche notare che i due gruppi di persone che Hergé descrive quasi invariabilmente come spregevoli sono i giapponesi tecnologicamente esperti (specialmente in Cina) e gli americani, specialmente gli uomini d’affari americani.

copyright Fumiste Studios

“E se gli egiziani venissero a saccheggiare i nostri cimiteri?” Il relativismo culturale a Les Sept Boules de Cristal

Fonte: copyright Fumiste Studios

È una certezza che, anche se si ignorasse il razzismo e il sessismo insiti in queste storie, Tintin non chiarirebbe nemmeno i più lievi ostacoli della correttezza politica. Il suo migliore amico, il capitano Haddock, ad esempio, è un alcolista esasperante e incorreggibile. Il maggiordomo di Haddock, Nestore, non ha altra vita che la servitù domestica. Il cane di Tintin, Snowy (Milou in francese – come un franco-americano, sono cresciuto nelle versioni originali), regolarmente se viene accidentalmente intonacato con whisky e altre forme di alcolici. Le battute ricorrenti circondano la sordità del professor Calculus, alias Professeur Tournesol.

La polemica che circonda Tintin riflette il dibattito su una sfilza di altri libri scritti prima dei nostri tempi apparentemente più illuminati. Joseph Conrad, per esempio, ha ambientato Heart of Darkness in gran parte nel Congo, ritraendo gli africani come selvaggi, incapaci e moralmente carenti che hanno trascinato giù anche gli europei, apparentemente “civilizzati”, che li governavano. Ernest Hemingway ha usato la parola N in riferimento agli afro-americani e agli ebrei denigrati attraverso personaggi come Cohn in The Sun Also Rises . Uomini che abusano delle donne o almeno trattano con condiscendenza i romanzi permeati scritti prima degli anni ’60, e anche dopo.

Quindi dovremmo vietare Tintin, Conrad, Hemingway? I nostri figli non dovrebbero leggere la serie di Little House on the Prairie perché alcuni dei personaggi bianchi di Laura Ingalls Wilder hanno abbracciato gli stereotipi negativi dei nativi americani prevalenti all’epoca, il che ha portato, in un caso recente, al nome Wilder che viene postumo spogliato da un bambino premio del libro?

Percorrere quella via avrebbe diversi importanti effetti negativi. Sarebbe logicamente necessario censurare la stragrande maggioranza della letteratura mondiale. Ciò consentirebbe alle autorità di varie bande, molto probabilmente non elette, di vietare libri basati su valori culturali popolari in quel momento, ma suscettibili di cambiare in seguito. E creerebbe ancora un altro motivo per le persone già dipendenti dalle ipnotiche, spesso socialmente deleterie, blandizie della cultura dello schermo, per evitare i piaceri più meditativi (e strutturalmente meno manipolativi) della lettura.

E ancora-

È anche importante che i bambini che leggono Tintin, o gli studenti delle scuole superiori che leggono Hemingway, o lettori adulti mossi da una storia di Conrad ambientata nell’Estremo Oriente, non assorbano per osmosi i valori razzisti, sessisti o omofobi radicati nei personaggi che seguono.

Dobbiamo trovare un modo per tenere questi libri in giro, segnalando anche che portano messaggi culturali dannosi per vari generi o gruppi di persone; messaggi che dovrebbero essere, non ignorati, ma scontati su basi razionali, etiche e umanistiche.

Non sarebbe così difficile. Romanzi come quello di Hemingway possono essere classificati da A a F, come un termine, sulla base della quantità e del potere di atteggiamenti socialmente dannosi che impregnano i personaggi o la narrativa del libro, con il voto chiaramente indicato sulla copertina o sul foglietto illustrativo. Nessuna burocrazia sarebbe necessaria per fare questo; i bibliotecari e gli insegnanti locali possono classificare tali libri secondo necessità e spiegare le ragioni di un determinato grado su base ad hoc. Gli eccessi in una direzione o nell’altra sarebbero trattati normalmente, nelle riunioni del consiglio scolastico o attraverso la stampa locale. La posizione legale di default che garantisce la libertà di parola, in questo caso la libertà di leggere e scrivere ciò che si sceglie, esiste e deve essere mantenuta: in particolare, i libri non possono e non devono essere vietati a meno che non rappresentino un chiaro e presente pericolo per la società civile , come la richiesta di atti di violenza sostanziali,

Il corollario cruciale sarebbe che i buoni libri non finirebbero per essere vietati o bruciati, ei bambini potrebbero ridere delle buffonate di Snowy, e gli adulti saranno commossi dalla situazione di Jake Barnes, mentre prendono con il proverbiale granello di sale i valori obsoleti e inumani implicati altrove nelle loro pagine.

Riferimenti

Fumiste Studios