Dovremmo bloccare tutti i ragazzi?

Un collega si riferisce ad esso come "TT", tossicità del testosterone.

Per qualsiasi ragione, il fenomeno è indiscutibile: i maschi di vent'anni e adolescenti commettono crimini più violenti di altri gruppi demografici. L'ultima, profondamente inquietante forma di violenza giovanile maschile è il cosiddetto "gioco a eliminazione diretta" in cui un aggressore mira a rendere la sua vittima casuale inconscia con un solo colpo di pugno. Attacchi "knock-game" sono stati segnalati dalla polizia in diversi stati in tutto il paese. Alcune vittime subiscono solo lievi ferite. Altri non sono così fortunati. Robert Santiago del New Jersey è morto per le sue ferite. Tre adolescenti, due tredicenni e un quattordicenne sono stati accusati del suo omicidio. In un video diventato virale puoi guardare un insegnante di 50 anni che cammina per strada, viene colpito in faccia, cade e colpisce la testa sul cordolo. Lui rimane lì, immobile.

Forse ancora più terrificante della stessa violenza sono le interviste video con altri studenti che spiegano il gioco in termini concreti o anche leggermente divertiti. Siamo diventati così abituati alla violenza – o così indifesi, apatici o distratti – che siamo arrivati ​​ad accettare l'inaccettabile? Sembra in questo modo:

La violenza di gruppo, dove sia i tiratori che le vittime sono giovani maschi, raramente fa notizia nazionale. Anche le sparatorie di massa, il cui numero è triplicato negli ultimi anni, secondo il procuratore generale Eric Holder, sono diventate di routine.

Sono i maschi di vent'anni che causano questo caos.

Anche i serial killer, generalmente più anziani quando vengono catturati, iniziano la loro carriera omicida all'età di 27,5 anni (vedi Hickey, Eric, Serial Murderers and Their Victims , 2a edizione. Belmont, CA: Wadsworth, 1997)

La violenza assume molte forme e coinvolge diversi fattori. La violenza di gruppo, come il gioco a eliminazione diretta, implica una mentalità da branco, una possibilità di mettersi alla prova, un'occasione per ottenere lo status nella gerarchia maschile. Non tutte le violenze sono le stesse. Tuttavia, dove si trova la violenza, si trovano maschi nella loro adolescenza – primi trent'anni.

Possiamo invocare l'evoluzione (il maschio più aggressivo sopravvive a riprodursi), la biologia (ormoni impazziti) e la psicologia dello sviluppo (sviluppo incompleto della corteccia frontale, scarso controllo degli impulsi, necessità di appartenere, sviluppare identità) per aiutarci a capire il fenomeno. Ma non ci aiuteranno a frenare l'epidemia di violenza se non agiremo.

Abbiamo bisogno di resistere all'attrazione dell'apatia, dell'indifferenza e dell'impotenza e di essere coinvolti. Funziona. I ragazzi in gruppi di età target hanno bisogno di più relazioni positive con i maschi adulti. Hanno bisogno di sentirsi vicini e al sicuro con gli uomini buoni di cui cercano l'approvazione. Abbiamo bisogno di studiare cos'altro hanno bisogno per esercitare e testare la loro mascolinità senza vittimizzare gli altri.

Si può fare. C'è stato un tempo, non molto tempo fa, che la violenza domestica era considerata inevitabile. C'era la stessa scrollata di spalle di "non è terribile?" Quando le storie sono state raccontate. Ma una volta diventato veramente inaccettabile colpire tua moglie, leggi e costumi sono cambiati, prevenzione, trattamento, interventi sviluppati … e l'incidenza degli abusi domestici si è abbassata.

Possiamo farlo. Prestiamo attenzione ai ragazzi.

Solutions Collecting From Web of "Dovremmo bloccare tutti i ragazzi?"