Dove sono finiti tutti i finanziamenti per la sofferenza dei veterani della guerra?

Appena pubblicato su http://whenjohnnyandjanecomemarching.weebly.com/blog.html

© Copyright 2011 Paula J. Caplan Tutti i diritti riservati

Soldi mancanti e mancanza di sostegno sociale per i veterani di guerra

Se sei uno di quegli americani che si riposa facilmente, certo che qualcuno nel governo deve avere a che fare con tutti coloro che hanno sperimentato la carneficina psicologica provocata dalla guerra, spero che continuerai a leggere.

È una notizia importante e profondamente preoccupante che l'Ufficio per la responsabilità del governo, spesso definito il "cane da guardia" del governo federale, abbia scoperto che i Centri di eccellenza del Pentagono, istituiti per aiutare i veterinari con devastazione emotiva o traumi cerebrali dopo lo scandalo del 2007 su terribilmente povero il trattamento all'ospedale militare Walter Reed, è pieno di problemi finanziari inspiegabili e di una missione poco chiara. Il GAO si è trovato in grado di determinare anche ciò che sta accadendo a DCOE, e gli stessi portavoce della DCOE hanno riconosciuto i problemi.

Un rapporto pubblicato su Propublica.org [1] includeva questa affermazione: "A causa delle preoccupazioni irrisolte sull'affidabilità dei dati sui finanziamenti e sugli obblighi forniti dal Dipartimento della Difesa, noi [il GAO] non possiamo confermare l'accuratezza delle cifre relative a DCOE . "Includeva anche l'osservazione che il rapporto GAO" riproduce questo disclaimer non meno di cinque volte ".

Questa notizia si avvicina all'ordine del 9 ° Circuit Court of Appeals affinché il sistema di salute mentale VA subisca una revisione completa a causa dei suoi "vergognosi" funzionamenti e ritardi "eclatanti". [2]

Come ho già detto prima, i miei saggi sui veterani che appaiono sul mio blog di Psychology Today ricevono ordini di grandezza meno numerosi dei miei saggi su una qualsiasi delle varie materie su cui pubblico post. Molti americani credono di sostenere i veterani mettendo dei nastri gialli sui loro paraurti delle auto o dicendo "Sostieni le truppe!" Ma il loro sostegno non va oltre. Alcuni non riescono a pensare a cos'altro fare. Alcuni credono erroneamente che se non sono terapeuti addestrati, non c'è nient'altro che dovrebbero o possono fare. Ad alcuni non piace pensare a qualcosa di spiacevole come le esperienze di guerra.

Ma come ho scoperto alcuni anni fa, e come una ricchezza di eccellenti ricerche psicologiche ha dimostrato, alcuni passi importanti per aiutare i veterani a guarire sono presi da qualsiasi civile che sia disposto ad ascoltare la storia di un veterano senza giudicare, interpretare o addirittura chiedere molto di tutto tranne che se il veterinario vorrebbe parlare. [3]

Considera questo: le persone che si descrivono come esperti di traumi da guerra – che di solito sono erroneamente patologizzate come una malattia mentale chiamata disturbo da stress post-traumatico piuttosto che una comune, ordinaria, comprensibile, risposta umana agli orrori della guerra – spesso esprimono sconcerto sul perché i segni di sofferenza sembrano spesso apparire alcuni mesi o addirittura anni dopo che il veterano è tornato a casa. Durante le interviste che ho fatto con i veterani di tutte le guerre americane a partire dalla seconda guerra mondiale, ho più volte imparato che quelli che hanno più problemi sono spesso quelli che sono stati i più isolati da relazioni strette e affettuose con persone non giudicanti. Non sono qui a incolpare nessuno, certamente non con un ampio pennello dei familiari di veterani, che sono spesso (anche se non sempre) facendo del loro meglio per essere premurosi e solidali di fronte a ciò che spesso sono sconcertanti, lontani, diffidenti, e a volte comportamento violento dal veterinario. Altrove [3] Descrivo in dettaglio alcune delle ragioni per questo tipo di comportamento. Ma il punto al momento è che i veterani che mi hanno colpito come i più isolati, giudicati, derisi e rifiutati sono quelli che sembra abbiano avuto maggiori difficoltà a superare persino il loro trauma.

Oggi ho sentito dal dott. Thomas Dikel alcune ricerche accurate che ha condotto sui traumi di guerra. [4] Lui ei suoi colleghi hanno scoperto che dopo il trauma della guerra stessa, il prossimo fattore predittivo – e uno forte – della continuazione della sofferenza emotiva era l'assenza di un supporto interpersonale profondamente premuroso. Purtroppo, questa scoperta importante, nonostante si adatti bene all'ampia ricerca che mostra l'importanza del supporto sociale, o al capo del veterinario del VA Vet Center (Salem, OR), il dott. David Collier, veterano del Vietnam e uno psicologo, chiama l'importanza dell'amore – è troppo spesso ignorato.

Spero che chiunque legga questo tema si impegni ad ascoltare la storia di almeno un veterano … da ascoltare senza giudicare in modo che una connessione di guarigione abbia la possibilità di iniziare.

[1] http://www.propublica.org/article/gao-raps-pentagon-centers-for-post-tra…

[2] http://articles.latimes.com/2011/may/11/local/la-me-0511-veterans-ptsd-2…

[3] Paula J. Caplan. (2011). Quando Johnny e Jane vengono a casa di marcia: come tutti noi possiamo aiutare i veterani. Cambridge, MA: MIT Press (vedi in particolare il Capitolo 6 per semplici linee guida sull'ascolto della storia di un veterinario, e vedi anche whenjohnnyandjanecomemarching.weebly.com)

[4] TN Dikel, B. Engdahl, e R.Eberly. PTSD negli ex prigionieri di guerra: fattori prebellici, bellici e postbellici. Journal of Traumatic Stress, Vol. 18, No, /, febbraio 2005, pp, 69-77.

Solutions Collecting From Web of "Dove sono finiti tutti i finanziamenti per la sofferenza dei veterani della guerra?"