Dove la gomma colpisce la strada: Sage Advice In Unwise Times

Adyashanti è oggi tra gli insegnanti spirituali più dotati e originali che praticano nel mondo. Benché addestrato nel Buddismo Zen, Adyashanti da allora ha abbandonato le trappole del dharma tradizionale, e ha sviluppato un insegnamento non secolare, senza linguaggi e lungimirante tutto suo, consegnato nel suo stile senza pretese stile californiano. Insegna con sua moglie Mukti in tutto il Nord America e in Europa, e offre intensivi durante il fine settimana, ritiri silenziosi e una trasmissione radio in diretta attraverso la sua organizzazione, Open Gate Sangha (http://www.opengatesangha.org/). Adyashanti è l'autore di molti libri, tra cui La via della liberazione , Cadere nella grazia , La vera meditazione , La fine del mondo e Risurrezione di Gesù . Recentemente abbiamo parlato del blues post-elettorale, del temperamento di Gesù e di come vivere saggiamente in tempi imprudenti.

Mark Matousek: Fin dalle elezioni, hai detto "È qui che la gomma colpisce la strada". Che cosa significa in questo senso, spiritualmente parlando?

Adyashanti: Qui è dove scopriamo la profondità della nostra saggezza, pace e chiarezza. È relativamente facile sentirsi equilibrati quando siamo lasciati soli sul cuscino della meditazione, ma questo è uno di quei momenti in cui molte persone sono innescate da ciò che è accaduto e da ciò che sta accadendo. Tiene uno specchio su ciascuno di noi e arriviamo a chiederci quale sia la profondità delle nostre realizzazioni. Cosa significherebbe mettere in gioco quella profondità, rispondere dal punto più profondo dentro di noi?

MM: Quali pratiche consigli per le volte in cui ci sentiamo innescati?

A: Questa prima cosa che consiglio è di guardare dentro e chiedere: "Come sarebbe se dovessi rispondere a questo?" Non intendo semplicemente in termini di ciò che facciamo, ma di come reagiamo emotivamente ad esso. Chiediti: "Come sarebbe se mi riferissi a quello che sta accadendo dal luogo più centrale che conosco?" Quando succede qualcosa e ci sentiamo sfidati in un modo importante, questo tipo di domanda diventa davvero rilevante. Basta chiedere alla domanda di fornire uno specchio per vedere da dove veniamo, e vedere se siamo spaventati o turbati. Qualunque sia l'emozione potrebbe essere.

Chiedere a queste domande e non rispondere immediatamente, consente al nostro corpo di rispondere, piuttosto che alla nostra mente. Quindi, può aiutare le persone a riconnettersi, specialmente se abbiamo fatto una sorta di pratica contemplativa, che si tratti di meditazione o preghiera. Ci sono molti modi per accedere alla nostra profondità.

MM: Conosco molti ricercatori spirituali che stanno realizzando quanto sono giudicanti, loro stessi. Quanto sono gli "altri" in realtà.

A: Sì. Vediamo quanto è facile entrare in un luogo giudicante. Sta sostenendo uno specchio, e questa è la sfida per molte persone, incluso me stesso. Intellettualmente, posso capire come l'attuale presidente potrebbe fare appello a persone che non si sentono come se fossero state ascoltate politicamente o date una voce, ma questo è molto diverso dall'essere in grado di comprenderlo emotivamente. Un sacco di persone stanno avendo una vera sfida con questo. Anche quelli che cercano di essere riflessivi e vedono dove le loro menti vanno in giudizio quando vengono confuse o in uno stato negativo. Questa è una vera e propria disconnessione per un sacco di gente, ottenerla intellettualmente, pur avendo difficoltà a comprenderla in termini di sentimento. È allora che si attivano le parti più reattive della nostra struttura e sorge un sacco di giudizi.

MM: Il momento di riconoscere "l'altro" in sé è un momento di intuizione spirituale, almeno.

A: Assolutamente. Dal punto di vista dello sviluppo spirituale, è umiliante quando vediamo che possiamo andare in giudizio e rabbia. Molte persone hanno paura e si chiedono se possono entrare in quella paura senza reagire prima.

MM: C'è un posto per oltraggio nella vita spirituale?

A: C'è la versione saggia e imprudente di ogni emozione, anche nella vita spirituale. Se guardiamo alla vita di Gesù, c'erano momenti in cui poteva essere veramente arrabbiato. Tuttavia, quando ci arrabbiamo, smettiamo di pensare chiaramente, diventiamo nuvolosi. È più difficile per noi vedere chiaramente. Ma c'è anche una sorta di rabbia che può effettivamente produrre chiarezza se non è in conflitto.

Spiritualmente, possiamo rimanere molto bloccati pensando che ci sia tutta una serie di emozioni che non dovremmo sentire. Quello che dobbiamo guardare è se l'emozione proviene da uno spazio conflittuale. In altre parole, possiamo essere in disaccordo con qualcosa, usare la nostra discriminazione e dire: "Non sembra vero" o "Non mi sento come se fossi parlato in modo onesto". Possiamo vedere che da un posto molto chiaro, anche con un'emozione alle spalle. Oppure possiamo vedere quelle cose e andare in resistenza e cadere nella paura. Poi sorge la rabbia, si trasforma in rabbia, e diventiamo emotivi e nuvolosi.

È molto importante non sbagliare le emozioni, perché possiamo lavorare con loro. Se li giudichiamo e li sbagli, abbiamo un conflitto.

MM: E poi qualsiasi azione positiva che potrebbe sorgere da quella rabbia si annebbia.

A: Giusto. Quando parlo con gli attivisti, cerco di enfatizzare l'importanza di questo. Invece di rimanere totalmente attaccato a ciò che sei contro, fai più attenzione a ciò che sei. Quando siamo in un posto negativo, questo oscura il nostro pensiero e diminuisce il potere dell'impatto che possiamo avere.

Martin Luther King soleva enfatizzare molto questo aspetto e Gandhi era solita dire: "Non sono contro gli inglesi, sono per il dominio indiano". Quindi stava cercando di rendere la tua energia in quello che sei per . Questo è molto più efficace e quindi non stai aggiungendo all'energia del conflitto che tende a girare intorno a tipi politici di problemi.

MM: Ha senso. Qual è la relazione tra psicologia e spiritualità? Trovi che ci siano problemi che possono essere affrontati solo attraverso qualcosa come la terapia, piuttosto che la pratica spirituale?

A: La spiritualità e la psicologia non sono nella stessa banda di coscienza, ma sono certamente correlate. Negli ultimi sette o otto anni, sono diventato più incline a riconoscere che un certo tipo di problema sarebbe stato trattato in modo molto più efficace con un buon terapeuta e l'ho raccomandato ai miei studenti. Questo è particolarmente vero quando si tratta di cose come i traumi della prima infanzia.

Come qualsiasi cosa nella vita, ti è meglio servire nel vedere qualcuno che ha esperienza in quello che stai vivendo, anche se la maggior parte degli insegnanti spirituali affronterà questo tipo di problemi perché è quello che verrà fuori. Ma la maggior parte degli insegnanti spirituali non sono specificamente addestrati su questioni traumatiche. Più possiamo essere sinceri su questo, più saremo in grado di aiutare gli altri. Inoltre, da un punto di vista pratico, puoi andare da un terapeuta che può essere con te impegnato per un lungo periodo di tempo. La maggior parte degli insegnanti spirituali potrebbe essere in grado di incontrare un individuo, ma non ti avvicinerai allo stesso tipo di attenzione. L'unica cosa che è rilevante per me è ciò che funziona.

Ho scherzato con gli amici su questo, dicendo che mi piacerebbe per la stragrande maggioranza delle persone che vengono a vedermi per aver trascorso due o tre anni in terapia. (ride) Questo renderebbe il mio lavoro molto più semplice. Possiamo avere grandi salti e intuizioni spirituali, possiamo anche risvegliarci senza avere il nostro atto psicologico insieme, che è una buona notizia. Ma solo perché ti risvegli non significa che ti occuperai del tuo bagaglio psicologico.

MM: Conosco e ho lavorato con un discreto numero di insegnanti e nessuno di loro era privo di nevrosi.

A: Ci sono molti mezzi potenti per aprire la nostra coscienza a dimensioni trascendenti, quindi è molto facile saltare il nostro materiale psicologico e quando abbiamo questi momenti trascendenti, ci sentiamo come se tutte le nostre difficoltà psicologiche fossero scomparse. Ma molto raramente rimane così. Essenzialmente, in questi potenti momenti spirituali, abbiamo trasceso il dominio personale, ma ciò non significa che ciò che abbiamo trasceso sia stato sostanzialmente modificato. Ad un certo punto i nostri conflitti tornano indietro con materiale psicologico irrisolto. Questo può essere fonte di confusione e delusione perché molte persone sperano che se avranno solo la giusta esperienza spirituale, che tutto il conflitto psicologico scomparirà misteriosamente. A volte una grande quantità di esso sarà, ma non si sa mai quanto e differisce davvero da una persona all'altra.

MM: Sì, e il desiderio di fuggire – ciò che chiamiamo "salto al ventre" – può essere una cosa così insidiosa nella vita spirituale. Ciò che sembra trascendenza può essere evasione, senza realmente trasformare i materiali più oscuri.

A: Sì, e quando lavori con materiale oscuro, devi essere disposto a non trascenderlo, ma a stare con esso, a rimanere in esso. Quando le persone hanno accesso a un dominio più trascendente, se hanno ancora a che fare con un pezzo difficile della loro psicologia, consiglierò loro di non andare in quel luogo trascendente perché si sentiranno meglio per un momento o un'ora o un giorno , ma chiaramente non stanno risolvendo una parte particolare della loro psicologia. Devono temporaneamente trattenersi dall'entrare in una dimensione più profonda della saggezza in modo che possano davvero guardare al loro conflitto. Esploralo e prova a vedere all'interno del suo dominio. Ci vuole molta onestà e umiltà per fare i conti con il fatto che siamo questi esseri molto complessi e allo stesso tempo esistiamo su molti livelli di coscienza.

MM: L' illuminazione è una parola incompresa, l'ho trovata. Come la parola misticismo . Quali sono alcuni fraintendimenti riguardo all'illuminazione che hai incontrato?

A: Lo chiamo il tono di vendita dell'illuminazione. Quando sarai illuminato sarai in un eterno stato di beatitudine e sarà come avere un orgasmo senza fine. O questa idea che quando hai un'esperienza di illuminazione risolverà immediatamente qualsiasi problema tu abbia. O che le persone illuminate sono trattate più gentilmente dall'universo e non hanno le sfide di altre persone. La lista va avanti all'infinito, in una sorta di mito.

Odio le descrizioni semplicistiche, ma fondamentalmente, l'illuminazione mostra l'unità di tutta l'esistenza. Dimostra dalla nostra stessa esperienza che siamo molto di più e molto meno di quanto avessimo mai immaginato. Più nel senso che non siamo definiti o contenuti all'interno della struttura dell'Io, tanto meno perché la nostra natura essenziale non ha davvero nulla da afferrare; non c'è niente a cui aggrapparsi. I nostri occhi non possono girare e afferrare se stessi, le nostre orecchie possono sentire i suoni ma non possono sentire se stessi, e così via. Molto di più e molto meno.

Si nota che questo lascia un sacco fuori dall'immagine. Tradizionalmente, fino a poco tempo fa, alcuni dei nostri più profondi problemi personali riguardanti le relazioni, la sessualità, il potere e il denaro, venivano trattati spiritualmente non affrontandoli. Ad esempio: con i ragazzi, la sessualità è un grosso problema, quindi basta essere celibe. Il denaro può essere molto corruttore, quindi a certi monaci non è stato permesso di occuparsene. È stato un tentativo di affrontare aspetti preoccupanti di ciò che significa essere umani rifiutandosi di impegnarsi.

Penso che siamo venuti a vedere che non è un modo molto efficace. Penso che sia il motivo per cui, negli anni '60 e '70, molti insegnanti e guru orientali venuti in Occidente hanno avuto tremende cadute di grazia. Non penso che abbiano avuto intenzioni terribili sin dall'inizio, o che fossero ciarlatani, ma sono usciti da questi sistemi in cui erano relativamente protetti. Forse erano celibi o qualcun altro aveva a che fare con i soldi. I problemi di potere sono stati affrontati da un'organizzazione più grande e all'improvviso, quando sono in America, tutti i confini e le misure di sicurezza sono stati portati via. Molti di loro non avevano ancora sviluppato quelle parti di se stessi che avrebbero permesso loro di affrontare efficacemente quelle cose.

Stiamo parlando di persone che probabilmente hanno avuto un significativo grado di realizzazione, quindi ognuno di noi sarebbe stato ben servito dall'umiltà intorno a questi problemi e dal rendersi conto che non possiamo semplicemente ignorarli come modi per affrontarli. Fanno parte dello sviluppo umano. Abbiamo bisogno di avere almeno una sorta di competenza di base attorno a queste potenti forze in tutte le nostre vite.

MM: Stai dicendo che l'illuminazione è un processo che va avanti all'infinito. Non c'è una destinazione, non c'è una fine.

A: Uno dei più comuni equivoci è l'idea che l'illuminazione stia attraversando un traguardo cosmico. È una specie di paradosso, da un punto di vista strettamente esperienziale. Toccarsi sulla natura della nostra realtà assoluta si sente sempre integro, completo e totale. È bello ma può anche essere ingannevole perché quel senso di completezza e completezza non si sta evolvendo. D'altra parte, l'immutabile è in continua evoluzione e ha una diversa esperienza di sé. Nella nostra mente, i paradossi non siedono confortevolmente, ma nelle esperienze, arriviamo a sperimentare tutto questo. Tutto è intrinsecamente completo e tuttavia all'interno di ciò, qualcosa sembra sempre e per sempre si sta completando. C'è un'esperienza ovvia in questa esperienza diretta, ma anche se l'abbiamo vissuta, le nostre menti sono più a suo agio inserendole in piccole categorie.

MM: bellissimo. Un'ultima domanda. Cosa diresti al nostro attuale presidente se avessi dieci minuti da solo con lui?

ADYASHANTI: Questa è una bella domanda, ma non ne sono sicuro. Il mio istinto è che sarebbe lo stesso di quando parlo con molte persone. Vorrei comprenderlo meglio se è possibile per me farlo. Perché quello che il mio lavoro negli ultimi decenni mi ha mostrato è che per tutti noi, qualunque sia il nostro comportamento, tutto sta venendo fuori da qualcos'altro. Ci sono ragioni per il modo in cui ci comportiamo, ragioni per il modo in cui ognuno si comporta. Le ragioni possono essere giustificate o no.

Ognuno e tutto hanno una storia e siamo molto più bravi a trattare gli uni con gli altri quando abbiamo un intuito o un senso di ciò. Anche le azioni non qualificate in genere provengono da una vita di conflitto e dolore. Ciò non significa che nessuno togli l'aggancio. Sarei interessato a conoscere la storia che lo porta a muoversi nel mondo come fa lui. Non che probabilmente mi avrebbe detto qualcosa.

Non proverei a cambiarlo. Ci sono molte persone che vogliono farlo e non sembra che stia succedendo. Né presumo che io sappia necessariamente come qualcuno dovrebbe essere cambiato. Tendo a rispondere solo a come potrebbero volere. Non vado con idee preconcette su come sarebbero le persone. Penso che stia tenendo uno specchio su alcuni tratti americani che ho visto nella psiche collettiva di questo paese da molto tempo. Questi tratti sono saltati in aria in una versione molto grande in questo presidente. Sta tenendo uno specchio per tutti noi, per la nostra intera cultura. Uno specchio che dice "Ehi guarda, guarda".

È importante, in quanto cultura, vedere cosa ci viene riflesso, ma è importante che le persone rispondano in modo positivo.

Solutions Collecting From Web of "Dove la gomma colpisce la strada: Sage Advice In Unwise Times"