Dove finisce il nostro cervello e inizia la nostra mente

irishwildcat / Creative Commons
Fonte: irishwildcat / Creative Commons

Osservando il comportamento umano di routine tanto quanto me nel corso del mio lavoro, trovo interessante quanto spesso trattiamo le nostre menti e i nostri corpi come se fossero separati. Dagli assicuratori sanitari agli amici e ai vicini, non posso fare a meno di notare come tendiamo a mettere a parte la malattia mentale come essenzialmente diversa dalle altre malattie. È facile pensare al nostro vicino colpito dal cancro come una sventurata vittima. Eppure, il nostro collega al lavoro che lotta per anni di depressione, molti guardano come se, in qualche modo, portino uno stigma.

Questa mentalità non è diversa nei confronti degli animali. Un gatto sfigurato da orecchie nodose e croste e labbra scabbiate dal pemfigo (una malattia sfigurante in cui il sistema immunitario decide di attaccare le cellule del proprio corpo) viene coccolato con tenerezza da tutti nella sua famiglia. Eppure, un altro gatto con una coda calva e sanguinante che lo insegue e lo rode maniacalmente per ore è sorvegliato dalla sua famiglia con una certa riserva e, non di rado, persino disprezzo. Ascoltando i racconti dei miei clienti, sorge un tema comune. Le persone, per loro natura, si identificano con il comportamento del loro animale e spesso, nel farlo, si relazionano ad esso proprio come fanno con gli umani.

Certamente, possiamo influenzare ciò che accade nei nostri corpi ma, tutto sommato, non possiamo dirigere le funzioni delle nostre cellule e tessuti. In larga misura, sono governati da fattori al di fuori del nostro controllo: genetica, fisiologia e ambiente, per citarne alcuni. Nelle nostre condizioni di salute e malattia, le nostre cellule seguono il loro destino. Proprio come i nostri epatociti possono involontariamente andare in tilt, trasudando fiumi di enzimi che si insinuano nelle nostre pance, così i nostri neuroni possono entrare in confusione nel modo in cui comunicano. Quando i neuroni e le loro connessioni funzionano male, i nostri sensi, sentimenti, ricordi e pensieri possono vagare, a volte lontano dal campo.

Nonostante tutto ciò che ora sappiamo, o pensiamo di sapere, del nostro cervello, dobbiamo ancora capire così tante domande fondamentali. Come fa un fascio di cellule a dare vita a pensieri e sentimenti? Come si trasformano piccole ondate di sostanze chimiche in un ricordo prezioso? Perché un'ondata di emozioni può influenzare ciò che percepiamo e pensiamo? Come può un gruppo di neuroni percepire istintivamente che siamo in pericolo, nonostante tutto ciò che i nostri occhi e orecchie potrebbero dirci?

http://astralpowers.wordpress.com
Fonte: http://astralpowers.wordpress.com

La domanda su dove finisce il nostro cervello e dove inizia la nostra mente rimane un mistero per gli scienziati quanto i contadini. Il cervello, ovviamente, è costituito dalla materia: atomi e molecole che costituiscono le cellule e il mare di sostanze chimiche all'interno e intorno a loro. Al contrario, la mente è senza corpo: un campo di energia nebuloso e misterioso fatto di speranze e paure, pensieri e sentimenti, idee e ricordi, desideri e sogni. In che modo la materia manifesta l'astratto?

CH Vanderwolf, lo stimato neuroscienziato, osserva:

"La teoria convenzionale del cervello come organo della psiche o della mente ci offre l'illusione confortante che comprendiamo già il quadro generale".

È ingenuo credere che la mente non sia altro che un prodotto cellulare. Senza dubbio, le nostre cellule cerebrali danno origine ai campi di energia delle nostre menti. Allo stesso tempo, i nostri pensieri, letteralmente, modellano e riconnettono il nostro cervello. Ogni forma inconfondibilmente e trasforma l'altro.

Mentre faccio il mio giro attraverso lo zoo, dai Tropici all'Australasia, devo costantemente ricordare come il cervello differisce da specie a specie. La quantità di spazio all'interno del cranio; la dimensione dei centri per la visione, l'olfatto e l'udito; la superficie della corteccia incluse tutte le pieghe e le scanalature riflettono ciascuna le specializzazioni in anatomia, ma anche la funzione. Queste misurazioni mi dicono come ogni specie si sia evoluta e adattata dal loro punto di vista. I carnivori, rispetto alle loro prede, hanno cervelli proporzionalmente più grandi, presumibilmente consentendo loro di creare strategie per catturare la loro preda. I cani hanno un paio di bulbi olfattivi che, insieme, pesano quattro volte quelli degli umani, permettendo loro di sentire l'odore di feromoni secreti dalla gente. L'area del cervello che integra i suoni è molto più sviluppata nei delfini che nell'uomo, dotandoli della capacità di sapere dove sono e di vedere, dal suono, sotto le onde.

Mariamichelle / Pixabay
Fonte: Mariamichelle / Pixabay

Anche se le scimmie e gli orsi della luna sicuramente differiscono, sono colpito molto più dalle loro somiglianze. Dalle migliaia di sinapsi che collegano ciascun neurone ai nuclei in cui si raggruppano, l'anatomia del nostro cervello è notevolmente simile da specie a specie. Ancora più sorprendente per me sono le somiglianze tra i comportamenti delle specie. Indipendentemente dalle specie, ci affidiamo ai nostri neuroni, secondo per secondo, per la nostra stessa sopravvivenza. Dagli umani alle scimmie e dai dingo ai cani, il nostro cervello ci aiuta a dare un senso al mondo. Luci, suoni, odori, trame e ciò che notiamo che gli altri fanno vengono ricevuti, ordinati, elaborati e intrecciati in un'immagine. Rispondiamo a questa immagine con i nostri istinti, emozioni, pensieri e azioni.

L'insegnamento è l'insegnamento e l'apprendimento è l'apprendimento, sia con gli scimpanzè, i procioni o le balene beluga. E mentre adattare la mia tecnica per ogni specie, i principi rimangono costanti. Una ricchezza di ricerche sul cervello nel secolo scorso ci ha fornito incredibili intuizioni sul funzionamento interno delle menti degli animali. Ciò che questi studi rivelano, attraverso una vasta gamma di specie, è che gli animali vivono una vita intensamente riflessiva. Questa ricerca è affermata ogni giorno nel mio lavoro con i pazienti. Non ho dubbi sul fatto che i neuroni degli animali siano molto simili ai nostri, generando costantemente immagini, emozioni, ricordi e pensieri – alcuni banali, altri profondi. Anche se, forse, potrebbero farlo in modo leggermente diverso da quello che tu o io potremmo, gli animali percepiscono chiaramente con consapevolezza, pensano con riflessione e agiscono con intenzione. Come facciamo noi, guardano regolarmente alle loro circostanze, così come a quelle degli altri, valutano le situazioni e prendono in considerazione le conseguenze prima di decidere come risponderanno. Fare ciò richiede attenzione, previdenza e considerazione – tutti i tratti condivisi in comune sia dagli uomini che dagli animali.

Solutions Collecting From Web of "Dove finisce il nostro cervello e inizia la nostra mente"