Dov'è il limite?

"È una questione di confine", dissi al mio supervisore, per quella che sembrava la centesima volta.

Stavamo rivedendo la sua terapia con una coppia che mi ricordava un vecchio cartone di Jules Feiffer. L'approccio minimalista di Feiffer lo catturò perfettamente: la moglie si sporse verso il marito, implorando "ma ti amo!" Mentre indietreggia, con le mani protese in un gesto di autoprotezione … "non mi minacci!"

"È una questione di confine", ha osservato il supervisore, quando ha descritto la vicina amichevole che ha fatto sentire al suo cliente come se fosse perseguitata. Il vicino aveva allegramente confidato la sua abitudine di controllare se le luci erano accese nella finestra del cliente … indicando che era a casa. Il cliente era "spaventato" per apprendere che qualcuno nonostante la cordialità teneva sotto controllo. Era una questione di confine.

I problemi al contorno si presentano frequentemente nella pratica clinica. Ed ecco perché:

Nei disegni di bambini piccoli, i confini sono sempre chiari e distinti. Le loro figure umane sono racchiuse in contorni duri e continui. Non così con artisti maturi. La figura dell'artista si affievolisce dolcemente nello spazio intorno a sé, come fanno i bordi "reali" nella nostra percezione. La natura non ha confini chiari: il mare si sovrappone alla terra e la spiaggia scivola sotto le onde, senza alcuna linea di separazione. E dov'è il confine tra giorno e notte? Quel momento sfugge alla cattura: il giorno si dissolve nel crepuscolo nella notte. La notte si fa strada verso l'alba e il giorno.

La caccia è ancora attiva per il confine tra la vita e la morte. Nonostante i nostri sforzi per individuarlo, quel confine rimane inafferrabile, così come il momento in cui la vita inizia. Il meglio che possiamo fare è concordare collettivamente cosa che facciamo con notevole disagio sui confini sociali, tecnici, legali ed etici per l'inizio e la fine della vita. I confini sono spesso ambigui.

I confini sono luoghi di vulnerabilità. Sono luoghi pericolosi, che confondono l'ignoto. Oltre il confine possono essere ostili, dominanti, aggressivi e caotici. In altre parole, pericolo. Solo nelle nostre relazioni più intime, quando ci sentiamo particolarmente sicuri e al sicuro, possiamo rischiare di violare i nostri confini o addirittura di scioglierli … per un po '.

Come i confini tra individui, i confini tra paesi sono luoghi di vulnerabilità e quindi paura e pericolo. A volte anche la morte.

Quando le autorità statunitensi hanno aperto il fuoco contro messicani che lanciavano pietre da oltre confine, un giovane messicano è stato ucciso. Non è chiaro che sia stato coinvolto nel lancio di pietre.

· Quando le guardie di frontiera israeliane si sono sentite minacciate da un uomo di 38 anni che ha cercato di impossessarsi del fucile, un magistrato giordano-palestinese è stato ucciso. Non è chiaro quali fossero le sue intenzioni.

Uomini provenienti dalla disperatamente povera Africa sub-sahariana hanno tentato di entrare nella città spagnola di Ceuta, nel Nord Africa, nuotando attorno a una recinzione che la separa dal Marocco. Le guardie di frontiera spagnole hanno sparato proiettili di gomma ai nuotatori. Quindici africani sono annegati mentre si trovavano ancora in territorio marocchino.

I confini e i confini sono luoghi pericolosi. Maggiori informazioni su http://blogs.timesofisrael.com/boundaries-barriers-and-bridges/

Solutions Collecting From Web of "Dov'è il limite?"