Dov'è casa?

La vita ha un modo di sollevare questioni di cui ho bisogno per parlare o scrivere, così posso provare a dare un senso a loro. Quindi, sto ritardando il blog che stavo progettando di scrivere; quello su quello che mi è successo dopo aver fatto il fatidico salto nel mio futuro decidendo di emigrare dalla Florida a New York City … a favore di questo.

Ho menzionato di tanto in tanto la mia difficoltà nel trovare buoni amici dopo essere venuta nella Grande Mela. Non ripeterò le precedenti osservazioni sull'argomento. Ma dirò che negli otto anni in cui sono stato qui, c'è stata una sola persona, a parte mio figlio e mia nuora, e il mio migliore amico la cui casa è la mia casa, che mi ha mai invitato a casa sua. Lo ha fatto per i musical, per le cene e con i suoi tanti altri amici che, come lui, sono nati all'estero. Io scrivo per lui per aiutare a promuovere il suo lavoro e col tempo siamo diventati buoni amici. Abbiamo sfondi molto diversi ma lui è un amante della musica profondo e ben informato, ha un grande intelletto e una sensibilità acuta. La nostra non è una relazione romantica ma un'amicizia gratificante.

La scorsa domenica mi ha invitato alla sua festa di compleanno. Sono andato con piacere. Conoscevo la maggior parte dei suoi ospiti, circa 25 in numero, ma non ero preparato al fatto che avrebbero parlato la loro lingua madre per l'intera serata. Alcuni mi hanno salutato in inglese e mi hanno parlato un po 'e poi sono andato a cercare i loro amici e conversare più liberamente, suppongo. Non erano spiacevoli o cattivi. Dato che la maggior parte di loro lavora, sono sicuro che devono parlare inglese per gran parte della giornata, e capisco perché si godano il cameratismo di "Mi piace" e la facilità della loro lingua. Ma, se non fossi stato seduto a tavola accanto a una giovane donna ea sua madre che ha scelto di parlare solo l'inglese, sarei rimasto nel vuoto.

Sono stato davvero sorpreso dalla profondità dei sentimenti emersa mentre la serata andava avanti. Vedendo la felicità della mia amica e della sua bellissima ragazza, circondata dai loro amici e membri delle loro famiglie, mi sentivo come se fossi al tavolo da pranzo della scuola media, alla ricerca di un posto dove sedermi dove sarei il benvenuto. Inoltre, ha reso acuta la perdita di mio marito e la vita piena e ricca che abbiamo condiviso con gli altri e con gli amici e la famiglia; e il fatto che io abbia così raramente i miei figli e nipoti intorno a me.

Dopo che tutti avevano cenato, diverse persone furono invitate a suonare il piano. La giovane donna che si è seduta accanto a me a cena e che è una studentessa di musica, ha suonato diversi pezzi. Poi un altro pianista ha suonato. E poi il mio amico venne da me e mi chiese di suonare le mie composizioni che avevo appena registrato. Ho detto no.' Fu sorpreso e chiese se avessi bevuto troppo vino. Ho detto che non era il motivo, ma che non avrei giocato. Non gli ho detto che non potevo suonare le mie canzoni che sono sensibili, create in momenti molto stressanti e molto personali per me, per un gruppo di persone rimosso e impersonale. Mi guardò preoccupato e poi andò al piano per suonare e cantare.

Me ne sono andato poco dopo, mentre la festa era in pieno svolgimento, portando con me la mia giovane amica e sua madre. Una volta a casa mi sono seduto con il mio cagnolino e ho pianto. Quello che so di questi ultimi 11 anni di assenza di mio marito è che devo stare fermo e sentire ciò che sento, piangere quando voglio e permettere a me stesso di essere triste e solo quando sono. E che passerà.

Non mi sento sempre solo o solo. Apprezzo la mia solitudine per la maggior parte del tempo. E poi arriva una festa come quella che ho frequentato e che improvvisamente mi riporta alla consapevolezza della mia assenza di accoppiamenti e del mio sentimento di tristezza per non appartenere veramente a nessuno o dovunque.

Ho viaggiato per il mondo. Ho vissuto all'estero e in molte città in questo paese. Ho fatto delle case meravigliose e confortevoli per la mia famiglia. Ma ho sempre sentito un estraneo cercare di diventare un insider. Sono venuto a New York perché era un posto in cui pensavo di sentirmi a mio agio. Potrei 'sciogliermi' in quel grande 'piatto'. Eppure, sebbene nato a New York e cresciuto in New Jersey, non mi sento ancora un insider. Se dovessi tornare nella mia città natale nel New Jersey, mi sentirei a casa? No. Neanche lì, forse in particolare non lì. La mia città è andata avanti. I miei vecchi amici si sono trasferiti. Sarei di nuovo alla periferia cercando di arrivare al centro. Per parafrasare TW, non posso tornare a casa.

So che sentirsi come un insider ovunque si terra è un lavoro interiore. E la cosa strana è che sono veramente a mio agio con me stesso. Ho passato anni ad arrivare al punto di poterlo dire e dire sul serio. Quindi, in quel senso, non importa dove sono, sto bene con me. Ma poi se la casa è dentro di me, perché mi sento sempre come se non avessi una casa? Perché invidio le persone che sono cresciute in un posto che hanno chiamato a casa, sono rimaste lì, o sono tornate, sposate, hanno avuto figli, hanno avuto una cerchia di amici e un giorno saranno sepolte sul terreno che potrebbero chiamare terra natia?

Forse perdere il mio compagno mi ha reso impossibile sentirmi come se appartenessi da qualche altra parte.

Forse sento solo quella solitudine esistenziale. Sai, quello in cui in qualche modo stiamo ricordando il posto meraviglioso da cui siamo venuti e non riusciamo a trovare la strada per tornare?

Forse è tutto quanto sopra.

E starò bene.

Solutions Collecting From Web of "Dov'è casa?"