Dottore Versus Patient

Quando le parole non significano la stessa cosa

Se ci sono quindici trattamenti per una malattia, è probabile che molti non funzionino molto bene. Questo è il caso del dolore cronico.

Il dolore è davvero un problema di informazione . Il cervello percepisce che qualcosa è molto storto. Allora chiamiamo quel sentimento di dolore.

E il nostro senso del dolore potrebbe non avere nulla a che fare con i risultati dei test medici.

Esempio: l'intestino non ha recettori del dolore. Abbiamo i recettori della pressione. La pressione è percepita come dolore.

Fai esplodere i tuoi colon con aria per eseguire una colonscopia e le persone potrebbero sentire molto dolore. Ma metti un poker rovente nell'intestino di un animale vivo e potrebbe esserci poco dolore per un bel po '.

Esempio: mia nonna aveva una colonna vertebrale che sembrava una rovina romana. Non si lamentava del mal di schiena, anche se i chirurghi avrebbero potuto essere piuttosto desiderosi di trattarla.

Come lo sappiamo? Un famoso studio di San Francisco su 100 persone senza dolore alla schiena le cui scansioni TC hanno mostrato "anomalie" nel 39%. I chirurghi ritenevano che il 6% necessitasse di chirurgia, il 3% "in modo emergente".

Traduzione – le persone possono avere risultati di test orribili senza dolore. Possono avere raggi X "perfetti", risonanza magnetica e risultati dei test e sperimentare un dolore orribile.

L'ottanta per cento della popolazione adulta lamenta il mal di schiena. Ma cosa succede quando diventa così grave da distruggere la tua vita?

Questo è uno dei molti posti in cui medici e pazienti arrivano a quote.

Racconto di un'operazione

Uno dei miei pazienti è una donna che è stata infelice. Il dolore governa la sua vita.

È passata dal chirurgo al chirurgo, dal medico del dolore al medico del dolore. Molto intelligente ed empatica, ha apnea del sonno e depressione come parte del quadro, così come una storia tragica.

Ma come chiunque altro nella sua situazione, farà quasi di tutto per sentirsi meglio – o almeno diminuirà il dolore.

Non ha funzionato molto.

Così, quando un chirurgo le disse che poteva aggiustare un'articolazione "davvero traballante" nella sua schiena, ne colse l'occasione.

Secondo lei, inizialmente le aveva detto che ci sarebbero voluti 3 mesi per sentirsi meglio; tre mesi in cui potrebbe essere in gran parte legata al letto. Ha detto che lei ha capito.

L'intervento è andato secondo i piani, ma il dolore non è diminuito. Il fluido è apparso attraverso la parte bassa della schiena.

A volte il dolore era peggiore.

Ha iniziato a cercare cose su Internet. Molte persone hanno scritto che dopo un intervento chirurgico simile ci è voluto un anno per migliorare.

Le conversazioni tra lei e il chirurgo vanno così:

Paziente – Ho ancora un sacco di dolore.

Dottore – L'intervento è andato bene. Lascia che ti mostri. Tutte le viti sono nel posto giusto L'articolazione sembra buona.

Paziente – Sto ancora soffrendo. Cosa puoi fare a riguardo?

Definizioni diverse di salute

Gli obiettivi del paziente e del medico possono sembrare uguali. Eppure spesso non lo sono.

L'obiettivo del mio paziente era di ridurre almeno il suo dolore. Un'articolazione traballante era scomoda ma qualcosa con cui poteva convivere. Che stava aumentando il suo dolore intollerabile, tuttavia, non era tollerabile.

Il chirurgo ha visto una "lesione". L'articolazione era fuori pericolo. Potrebbe sistemarlo. Se avesse riparato quell'articolazione, il suo dolore dovrebbe andare via.

Io non l'ho fatto. Ma quello non era il "suo" problema. Aveva riparato il giunto. Sembrava fantastico ai raggi X.

Il suo lavoro era finito.

Sia il paziente che il medico sono ora insoddisfatti. La paziente continua a sentirsi male – che le difficoltà che ha attraversato con la chirurgia sono state inutili. Il chirurgo è insoddisfatto del fatto che il paziente non abbia rispettato la sua buona opera d'arte.

I diversi interessi del paziente e del medico erano discussi prima dell'operazione?

Sta andando bene

Dal punto di vista della "scienza" medica, il dolore cronico spesso non ha senso. Le persone con risultati di test orribili non hanno dolore, persone con risultati "buoni".

Da un modello rigenerativo basato su informazioni, tuttavia, questi sintomi sono più comprensibili.

Il dolore è una percezione del corpo. Le percezioni possono e sono modificate dall'ambiente; umore; circostanza; età; sesso; altre condizioni mediche intercorrenti; la vita familiare; supporto sociale; aspettative religiose e cultura, solo per citarne alcuni.

Tutti loro cambiano la matrice delle informazioni. Tutto cambia ciò che le persone percepiscono. Negli esperimenti sul dolore, le aspettative possono aumentare o diminuire notevolmente il senso di dolore delle persone.

Eppure pochi pazienti hanno una visione così completa di ciò che sta accadendo.

E pochi medici.

Ai medici viene insegnato a guardare ciò che possono vedere e misurare. È difficile misurare "ambiente", "depressione" o "cultura". Spesso quando è difficile misurare le cose è più facile non farlo.

Quindi fai quello che puoi fare. Vedi un giunto che puoi aggiustare. Lo aggiusti.

Se il paziente non si sente meglio – beh, questo è fuori dal mio dipartimento. Ho fatto il mio lavoro

I pazienti notano i loro sintomi. Se stanno meglio, il medico è fantastico. Altrimenti, è un perdente.

Ma i sintomi spesso non si allineano con i test – o molto di ciò che le persone possono misurare.

Una via d'uscita

Il paradigma di rigenerazione della salute prende un approccio diverso. La salute riguarda il benessere: fisico, mentale, sociale e spirituale.

Sotto questo paradigma, il paziente può guardare a tutti i diversi aspetti di ciò che influenza la salute – e quindi fare ciò che può per migliorarlo da solo.

Può anche guardare a quali cure mediche ha da offrire – dove potrebbe aiutare il suo corpo a rigenerarsi – e dove potrebbe non farlo.

Come parte di questa diversa prospettiva di salute, i medici potrebbero ascoltare il problema, spiegare i limiti della loro comprensione e talento, spiegare cosa probabilmente potrebbe aiutare, e cosa no.

E avrebbero trattato il paziente non l'articolazione. Se la chirurgia non ha aiutato, potrebbero indicare altri trattamenti, altre terapie, altri supporti sociali e psicologici, altri punti di vista che potrebbero aiutare.

Ma un simile approccio rigenerativo richiede tempo e molto impegno. I medici sono generalmente pagati per i trattamenti, non per l'educazione.

Con poche eccezioni, minore è il tempo che passano a parlare con i pazienti, più soldi possono guadagnare. Procedure di pagamento: non lunghe visite in ufficio che descrivono i limiti e il probabile successo delle cure mediche.

Quindi paziente e medico rimangono in disaccordo. Spesso non si rendono conto che i loro obiettivi sono diversi.

O che stanno parlando di cose diverse.

Solutions Collecting From Web of "Dottore Versus Patient"