Doppio dovere: quando il padre e il bambino condividono un disturbo da deficit di attenzione

Noi genitori di bambini diagnosticati con Disturbo da deficit di attenzione / iperattività vengono usati per essere giudicati.

Scansionando Internet a tarda notte, cercando disperatamente qualsiasi tipo di supporto, abbiamo invece, inevitabilmente, trovato commenti sgradevoli ai lettori, incollati alla fine di tutte le notizie dell'ADHD, dicendo che quello di cui questi bambini hanno davvero bisogno è un bel calcio nei pantaloni. Altri arrivano al punto di suggerire che i genitori non disposti a dare il calcio non dovrebbero mai aver avuto figli in primo luogo.

E poi c'è il dannato-se-non-fai-o-non-dibattito sulla droga. Medica il tuo bambino, dì i critici (spesso disinformati) e lo trasformerai in uno zombi, un nano e un demone della droga. Trattenete i farmaci, dite i medici (spesso disinformati), e lo priverete di un supporto vitale che lo aiuterà a fare amicizia, a rimanere a scuola ea preservare la sua autostima.

Milioni di genitori americani stanno cercando di farsi strada attraverso questo campo minato di accuse, esagerazioni e disinformazione, di solito nel bel mezzo di una crisi, e con un supporto davvero poco affidabile. Più spesso, stiamo facendo del nostro meglio, ma con forti probabilità contro il nostro successo. Di certo non abbiamo bisogno che qualcun altro indichi dove siamo in ritardo.

Tuttavia, probabilmente dobbiamo essere più consapevoli di uno dei nostri maggiori potenziali ostacoli, che è la natura ereditaria molto forte dell'ADHD. Sono stato preso alla sprovvista lo scorso autunno quando un intervistatore di un programma radiofonico nazionale ha messo in discussione il mio punto di vista secondo cui il modo principale in cui un bambino finisce con una vera e propria menomazione dell'ADHD proviene da uno o entrambi i suoi genitori. Ho pensato che la maggior parte delle persone fosse a conoscenza di tutti gli studi che hanno inchiodato questo particolare problema.

Certo, ci sono altri modi per finire con gravi problemi cognitivi, che vanno da una madre che fuma o beve mentre è incinta a condurre o dall'esposizione ai pesticidi a ferite alla testa. Eppure il gruppo di sintomi ammisamente vago, ma classico, che costituiscono l'ADHD deriva normalmente da un'eredità genetica. È quasi ereditario quanto l'altezza.

Ciò significa che i genitori devono prestare particolare attenzione, ironico come potrebbe essere questa sfida, alla qualità della nostra stessa attenzione e anche a dove è focalizzato. Probabilmente non ho bisogno di sottolineare quanto questo sia sempre più difficile nella nostra era della TMI, dove sentiamo di non poter vivere per un'ora senza email o messaggi di testo, e siamo bombardati e interrotti al punto che tutti sembrano essere diretti per un posto nello spettro ADHD. Tuttavia, ogni genitore che spera di aiutare veramente suo figlio deve fare di questo un primo passo. Altrimenti, non importa che potresti non essere mai in grado di offrire la consistenza e la struttura per tuo figlio che tutte quelle guide genitoriali che non riesci a finire di avvertire sono così essenziali: probabilmente sei così frustrato dal suo comportamento, e lui con il tuo , che voi due siete costantemente in conflitto.

La meditazione aiuta, la ricerca mostra. Così fa lo yoga. Studi recenti hanno rilevato che il neurofeedback è anche promettente, per coloro che hanno investito molto tempo e denaro. La cosa più importante di tutte, comunque, è iniziare semplicemente prestando attenzione all'attenzione, mentre c'è ancora tempo per prestare maggiore attenzione a tuo figlio.

Non c'è tempo come il presente.

Copyright: Katherine Ellison

Solutions Collecting From Web of "Doppio dovere: quando il padre e il bambino condividono un disturbo da deficit di attenzione"