Dopo la morte di Dr. Rose Polge – Chi si prende cura dei dottori?

I media britannici riportano che un corpo trovato in riva al mare nel Dorset è stato formalmente identificato come quello del giovane medico scomparso Rose Polge. La stampa aveva dichiarato che quando era scomparsa per la prima volta poteva aver scritto una nota che menzionava il Segretario della Salute Jeremy Hunt.

Jeremy Hunt, Ministro della Sanità del Regno Unito, è attualmente impegnato in una battaglia con la British Medical Association – il "sindacato dei medici" – su proposte di modifiche al contratto dei medici con il Servizio Sanitario Nazionale. Tra le molte ragioni per cui la professione medica sta resistendo a queste proposte, i medici sostengono che questi cambiamenti renderanno le loro vite ancora più stressanti proprio come le condizioni di lavoro per i medici nel Regno Unito diventano sempre più impossibili.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

La famiglia del Dr Rose Polge ha richiesto la sua privacy in questo momento molto difficile.

Speculazione su quanto accaduto sarebbe inappropriato. Ma è inevitabile che questo tipo di tragedia attiri l'attenzione sullo stress che i medici subiscono e la loro campagna sulle condizioni di lavoro.

Uno studio pubblicato nel "Journal of Epidemiology and Community Health", intitolato "Suicidio nei medici: uno studio del rischio in base al genere, l'anzianità e la specializzazione in medici in Inghilterra e Galles, 1979-1995", ha rilevato che il tasso di suicidi in le dottoresse erano più alte che nella popolazione generale, mentre la percentuale di medici maschi era inferiore a quella della popolazione generale.

Questa indagine, condotta da un gruppo guidato dal professor Keith Hawton, dell'Università di Oxford, ha rilevato che la differenza tra i tassi di mortalità dei medici di sesso femminile e quelli di sesso maschile era statisticamente significativa. C'erano anche differenze significative tra specialità, con anestesisti, medici della comunità, medici generici e psichiatri che avevano tassi significativamente più alti rispetto ai medici in medicina generale ospedaliera.

Keith Hawton, Aslog Malmberg e Sue Simkin del Center for Suicide Research, Dipartimento di Psichiatria dell'Università di Oxford, hanno pubblicato uno studio nel 2004 che rimane una delle più grandi indagini psicologiche sul suicidio nei medici.

Gli autori descrivono la loro ricerca come uno "studio di autopsia psicologica", di 38 medici che sono morti per suicidio in Inghilterra e Galles tra il gennaio 1991 e il dicembre 1993. La maggior parte delle morti sembra essere stata pianificata e due terzi dei medici hanno lasciato un suicidio nota, mentre un terzo era noto per aver parlato di suicidio prima della loro morte, la maggior parte entro la settimana precedente.

Venticinque dei medici avevano problemi significativi legati al lavoro, 14 avevano problemi di relazione e 10 avevano difficoltà finanziarie.

Data l'attuale atmosfera di lavoro nel Servizio sanitario nazionale del Regno Unito, è particolarmente interessante che lo studio abbia rilevato che la maggior parte dei medici ha avuto problemi significativi al lavoro. Sette hanno dovuto affrontare lamentele, che in cinque casi sembravano essere state un fattore chiave che portava al suicidio. La maggior parte di questi medici stava anche affrontando altre difficoltà sul lavoro o a casa. Altri problemi professionali comuni includono il sentirsi sovraccaricati dal volume di lavoro, lunghe ore e lottando con la responsabilità del lavoro.

Lo studio intitolato "Suicidio nei medici: uno studio di autopsia psicologica" è stato pubblicato sul "Journal of Psychosomatic Research". Ha studiato 28 uomini e 10 donne. Il 44% aveva meno di 35 anni. Il 47% era sposato, il 29% era single e il 10% era divorziato o separato. Di 25 persone che lavoravano per il NHS, 15 erano consulenti o direttori di medicina generale e 10 erano membri del personale junior. Dodici lavoravano nella medicina generale.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Lo schema delle diagnosi era simile ad altri studi, ma con tassi più bassi di malattie psicotiche e disturbi della personalità, come ci si aspetterebbe, gli autori dello studio sostengono, in un gruppo così professionale.

Gli autori sostengono che i medici in generale tendono a minimizzare i propri problemi di salute, spesso non riescono a cercare un aiuto adeguato, non prendono tempo libero dal lavoro e diffidano dei servizi di medicina del lavoro. I medici di questo campione, spiegano gli autori, riflettono questo schema. Avevano meno probabilità di consultare i loro medici generici poco prima della morte rispetto a quelli di altri studi sul suicidio basati sulla popolazione. Una percentuale sorprendentemente alta, dicono gli autori, aveva ricevuto un trattamento per la depressione rispetto ai soggetti di altri studi. Tuttavia, la loro probabile capacità di nascondere la profondità della loro disperazione e la spinta suicida dagli altri potrebbe spiegare perché così pochi erano stati ricoverati in ospedale o visti dai loro medici generici prima della morte.

Gli autori dello studio concludono che l'impatto di reclami, superlavoro e onere amministrativo su alcuni dei medici studiati è di grande preoccupazione. Dato lo studio è stato fatto nel 2004, David Casey e Kartina Choong dell'Università del Central Lancashire, nelle loro più recenti indagini sui suicidi del dottore, citano un rapporto pubblicato dal Royal College of Physicians nel 2012. Questo ha dimostrato che c'erano un terzo meno letti di fiducia acuta di 25 anni fa, ma un aumento del 37% dei ricoveri ospedalieri negli ultimi 10 anni.

David Casey e lo studio di Kartina Choong citano prove che il 75% dei consulenti medici ha riferito di essere sotto pressione più di 3 anni fa e il 25% dei registrar medici ha dichiarato il loro carico di lavoro ingestibile.

Niall Dickson, amministratore delegato e cancelliere del Consiglio medico generale (l'autorità britannica con la responsabilità della regolamentazione dei medici) ha recentemente fornito consulenza alla luce dell'azione industriale dei giovani medici, che è stata ampiamente riportata dalla stampa come consulente dei medici contro i rischi di sciopero ai pazienti.

La dichiarazione GMC comprende diversi titoli, tra cui: "Consigli per i medici che contemplano azioni sindacali", "Consigli per i medici in ruoli di comando", "Consulenza per medici senior e non in formazione" e "Consulenza per i datori di lavoro".

La proclamazione di Niall Dickson non sembrava avere un titolo di consulenza per i medici sottoposti a un enorme stress da parte dell'NHS e che ora sono in perdita per sapere come far fronte.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Tale intestazione potrebbe essere stata prevista dal GMC in seguito alla pubblicazione di un'indagine intitolata "Suicidio mentre era idoneo a svolgere le indagini presso il GMC: sarebbero state evitate quelle morti?" – un articolo di recensione pubblicato nel "Journal for Forensic and Legal Medicine", a gennaio 2016.

Nel loro articolo, David Casey e Kartina Choong sottolineano che 28 medici si sono suicidati tra il 2005 e il 2013 mentre erano sotto inchiesta GMC fitness-to-practice (FTP). Queste cifre scioccanti sono state rivelate in seguito a una richiesta di Freedom of Information (FOI) presentata in modo indipendente dal General Medical Council nel 2012 dalla psichiatra, la dottoressa Helen Bright.

David Casey e Kartina Choong sottolineano che di tutti i 28 medici che si sono suicidati, il sistema del coroner non ha mai ritenuto che le loro circostanze prevalenti potrebbero contribuire al futuro decesso dei medici. Questo nonostante il coroner, in un caso, chiede al GMC di commentare una nota di suicidio, che ha chiaramente implicato il GMC nella morte del medico.

Eppure i coroner hanno un dovere, gli autori di questo studio spiegano, se del caso, di riferire su una morte al fine di prevenire future morti. Rivedendo le raccomandazioni del coroner principale su quando emettere un tale rapporto, si può chiaramente vedere da questa inchiesta che ci sono stati futuri rischi di morte.

David Casey e Kartina Choong sottolineano che se ci fosse stato un gruppo di morti per la salute mentale, un coroner avrebbe pubblicato un rapporto.

Questi autori sottolineano anche che, se dovesse esserci stata una serie di decessi ospedalieri prevenibili, un coroner avrebbe rilasciato un rapporto. La preoccupazione deve essere che 28 medici si siano suicidati, al di là di ogni ragionevole dubbio, mentre erano sotto inchiesta GMC, eppure non vi sono prove che il coroner abbia pubblicato un rapporto.

David Casey e Kartina Choong sostengono che sebbene la responsabilità dei regolatori nei confronti di coloro che regolamentano non sia chiara, il caso di Watson contro British Boxing Board of Control (BBBC) Ltd55 dimostra che un organismo di regolamentazione deve un dovere affermativo di prestare attenzione a coloro che concesso in licenza come pugili professionisti.

Pertanto, concludono gli autori, la relazione tra un regolatore e coloro che sono autorizzati rientra in una categoria di responsabilità stabilita per la quale si pone l'obbligo di diligenza.

Il GMC e il NHS sembrano sempre più preoccupati per l'obbligo di cura del medico nei confronti dei pazienti, mentre le proteste dei medici britannici contro le loro ore e condizioni di lavoro continuano ad aumentare, culminando in un'azione industriale sempre più ampia.

Ma che dire del dovere di diligenza del NHS e della GMC nei confronti dei medici?

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/@DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'app gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo 'Raj Persaud in conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662

Il nuovo romanzo del dottor Raj Persaud "Non posso farti uscire di testa" sul narcisismo dell'amore stalking e ossessivo è pubblicato a sostegno della settimana nazionale britannica di sensibilizzazione stalking il 18 aprile, tutti i proventi delle vendite donate al Trust Suzy Lamplugh -configurazione di carità di sicurezza personale.

Solutions Collecting From Web of "Dopo la morte di Dr. Rose Polge – Chi si prende cura dei dottori?"