Dopo il massacro di Utoya

Il 22 luglio 2011, un'autobomba è esplosa nei pressi di edifici governativi nella città di Oslo, in Norvegia. La massiccia esplosione potrebbe essere udita a più di quattro miglia di distanza e creato un'onda d'urto che ha dato il via a incendi e riempito di vetro e detriti le strade vicine. Otto persone sono state uccise a prima vista nell'esplosione e altre 209 persone sono rimaste ferite, alcune seriamente. Testimoni hanno riferito che l'autista del furgone in cui era stata piazzata la bomba era stato vestito da poliziotto e aveva una pistola in mano. Sebbene diverse persone abbiano chiamato la polizia e segnalato questo comportamento sospetto, l'autista era ancora libero di lasciare il furgone incustodito e di camminare per diversi isolati dove aveva parcheggiato una seconda macchina. Ma quella esplosione fu solo l'inizio.

Due ore dopo, mentre la polizia stava ancora collegando il sito dell'esplosione di Oslo, l'autista del furgone, un estremista di 32 anni di nome Anders Breivik, salì su un traghetto per l'isola di Utoya, non lontano da Oslo. Breivik era ancora vestito come un ufficiale di polizia e portava un'identificazione ufficiale che dava il suo nome di "Martin Nilsen" del dipartimento di polizia di Oslo. A quel tempo, l'isola era il luogo del campo annuale della gioventù ospitato dalla Lega dei giovani del Partito operaio norvegese. Circa 600 adolescenti erano presenti e nessuno aveva idea dell'orrore che stava per colpire.

Quando arrivò Breivik, dichiarò di essere un agente di polizia che stava conducendo un controllo di sicurezza in seguito all'attentato di Oslo. Dopo che i membri del personale si sono insospettiti, Breivik li ha uccisi e poi ha chiesto alla gente di radunarsi attorno a lui prima di estrarre le armi dalla borsa e sparare indiscriminatamente tra la folla. I sopravvissuti in seguito descrissero ciò che seguì come una scena di terrore quando Breivik sparò a chiunque riuscì a trovare e poi sparò a persone nel lago cercando di nuotare per la sicurezza. Le riprese di massa sono durate 90 minuti prima che Breivik si arrendesse tranquillamente a una task force di polizia arrivata sulla scena. In tutto, 68 persone sono state uccise a titolo definitivo (una è morta dopo le ferite) mentre altre 110 persone sono rimaste ferite. La maggior parte delle vittime erano adolescenti con il più giovane di quattordici anni. È stato l'attacco più mortale in Norvegia dalla fine della seconda guerra mondiale.

Breivik in seguito disse alla polizia che lo scopo dei suoi attacchi era salvare la Norvegia da un'acquisizione musulmana. Il suo lungo e sconclusionato manifesto era stato pubblicato su Internet quella stessa mattina. Breivik ha preso di mira il campo della gioventù perché il primo ministro norvegese ha tenuto un discorso lo stesso giorno. Per fortuna, era già partita quando riuscì a raggiungere l'isola.

La furia omicida di Breivik, sia i bombardamenti che le sparatorie di massa, hanno scatenato una tempesta di notizie che è durata per settimane. Insieme alle richieste di una più stretta sicurezza, le famiglie delle vittime si sono trovate sotto un intenso controllo pubblico mentre si lamentavano delle loro perdite.

Anche se tutti coloro che hanno subito una perdita traumatica sperimenteranno un dolore estremo mentre cercano di filmare con le loro vite, perdere una persona amata per un attacco terroristico può essere particolarmente devastante. Lo scopo stesso delle atrocità come il massacro di Utoya è di provocare la massima perdita di vite umane e ispirare la paura in nome di una causa specifica. Non sorprende affatto che studi di ricerca abbiano dimostrato che il lutto causato dal terrorismo sembra particolarmente probabile che porti a problemi di salute mentale come il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e il disturbo da depressione maggiore (MDD).

Un altro problema di salute mentale legato alla perdita traumatica è il dolore prolungato (noto anche come dolore complicato). Il dolore prolungato è caratterizzato da sintomi come l'intensa angoscia di separazione, desiderio e nostalgia per il defunto, pensieri e ricordi frequenti del defunto, elucubrazioni sulle circostanze della morte e difficoltà nell'accettare che la morte sia realmente avvenuta. Sebbene sia simile al dolore normale o non complicato, di solito è molto più estremo e può portare a un funzionamento sociale o lavorativo compromesso che dura sei mesi o più dopo la perdita. Mentre il lutto prolungato è considerato diverso dal PTSD o MDD, può ancora esserci una considerevole sovrapposizione in termini di sintomi.

Per i sopravvissuti e i familiari delle vittime di un attacco terroristico, affrontare la valanga di notizie che seguono spesso può essere un'ulteriore fonte di traumi, specialmente se la copertura delle notizie è troppo dettagliata o dettagliata. Poiché molte di queste notizie possono includere sopravvissuti o membri della famiglia che descrivono come sono stati colpiti, i sopravvissuti sono spesso assediati da promemoria emotivi che possono ritradararli.

Anche dopo che la tempesta mediatica iniziale è diminuita, ci sono altri richiami che possono spesso affiorare. Nel caso di Anders Breivik, il suo processo ha aggiunto il trauma delle sue vittime e delle loro famiglie fornendogli una soapbox per condividere le sue convinzioni e giustificazioni personali per le sue azioni.

E poi c'erano le inevitabili retrospettive del massacro di Utoya nel primo anniversario e dopo nuovi attacchi in altri paesi. Come ci si potrebbe aspettare, gli studi di ricerca mostrano costantemente una forte correlazione tra esposizione mediatica ad attacchi terroristici e problemi psicologici come lo stress post-traumatico. Per esempio, molto tempo dopo gli attacchi dell'11 settembre, la ricerca ha dimostrato che la copertura mediatica spesso produceva sintomi post-traumatici, sia per i sopravvissuti che per il pubblico in generale. Ma questo può valere anche per il dolore prolungato?

Per esaminare il ruolo che i media possono avere nel dolore prolungato, un nuovo studio condotto da un team di ricercatori norvegesi ha intervistato genitori e fratelli di molte delle vittime dell'attacco del 2011. Lo studio, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Psychological Trauma, ha mostrato quanto appreso dai 103 genitori e fratelli delle vittime Utoya che hanno accettato di prendere parte alla ricerca. Secondo il ricercatore principale Pal Kristensen e i suoi coautori, lo scopo dello studio era quello di esaminare il dolore prolungato vissuto dai membri della famiglia sopravvissuti diciotto mesi dopo l'attacco e di determinare come l'esposizione mediatica possa contribuire ai problemi psicologici a lungo termine che spesso si sviluppano .

Come previsto, quasi l'80% dei genitori o dei fratelli delle vittime ha riferito sintomi di dolore prolungato diciotto mesi dopo l'attacco. Questa prevalenza nel dolore prolungato è molto più alta di quanto riferito per i familiari che si occupano della perdita di una persona cara da suicidi, incidenti o disastri naturali (ma simili al dolore riportato dai familiari che si occupano di un parente assassinato). Complessivamente, il dolore prolungato è stato più alto nei membri della famiglia femminile (indipendentemente dal fatto che sia un genitore o fratello), in familiari che riferiscono di trascorrere quattro ore o più al giorno a guardare la copertura delle notizie nel primo mese dopo l'attacco, e quei familiari che erano stati effettivamente in contatto telefonico con una vittima durante l'attacco.

Come affermano Pal Kristensen e i suoi coautori nelle loro conclusioni, le persone direttamente colpite dal terrorismo restano particolarmente vulnerabili alla copertura di notizie grafiche che si vedono spesso nei giorni o nelle settimane successivi a un attacco. Dopo il massacro di Utoya del 2011, fotografie e video di Anders Breivik si possono trovare ovunque in televisione e su Internet. E anche dopo che la tempesta iniziale di notizie si è spenta, il suo successivo processo, a cui hanno partecipato molti dei familiari delle sue vittime, ha probabilmente traumatizzato i parenti del lutto ancora di più.

Mentre sono necessarie ulteriori ricerche, questo studio mette in evidenza come il flusso costante di notizie a seguito di un attacco terroristico possa prolungare il dolore traumatico che molti parenti delle vittime devono sopportare. Sebbene la copertura delle notizie sia essenziale per tenere informato il pubblico sugli attacchi terroristici, le agenzie di stampa devono essere più sensibili riguardo all'effetto che possono avere sulle famiglie delle vittime immagini o video eccessivamente grafici o sensazionali.

Man mano che si verificano più attacchi terroristici, le lezioni apprese dal massacro di Utoya possono guidare i professionisti della salute mentale che si occupano dei membri della famiglia che si occupano della perdita. Riconoscere quanto l'osservazione ossessiva dei media possa portare a un dolore prolungato può aiutare con i lunghi membri della famiglia di recupero che molti membri della famiglia devono affrontare.

Solutions Collecting From Web of "Dopo il massacro di Utoya"