Donne obese: attenzione al sistema giudiziario!

Uno dei tratti distintivi del sistema giudiziario americano è che dovrebbe essere cieco ai descrittori idiosincratici delle persone, tra cui sesso biologico, razza, etnia, religione, orientamento sessuale o attributi fisici. Numerosi studi hanno già stabilito che questo ideale è spesso violato (ad esempio, gli uomini di colore potrebbero ricevere pene più severe rispetto alle loro controparti bianche per lo stesso crimine). Riesci a pensare a un tratto fisico che potrebbe avere un'influenza negativa sulla capacità di un imputato di ricevere un processo equo?

In un documento del 2013 pubblicato sull'International Journal of Obesity , Natasha A. Schvey, Rebecca M. Puhl, Katherine A. Levandoski e Kelly D. Brownell si sono proposti di esplorare se i pesi degli imputati e dei partecipanti e il sesso biologico interagissero nel produrre differenziali sentenze per un determinato caso legale.

I ricercatori hanno creato due foto segnaletiche ciascuna di un imputato maschio e femmina manipolando digitalmente il loro peso producendo quattro condizioni sperimentali: maschio magro, maschio obeso, femmina magra e femmina obesa. I partecipanti (n = 471) sono stati assegnati in modo casuale a una delle quattro condizioni (ad esempio, un disegno tra soggetti) in cui sono state mostrate le immagini insieme a una vignetta che descriveva un caso di frode di controllo. I falsi giurati (cioè i partecipanti) dovevano quindi riportare le loro percezioni di colpevolezza su una scala Likert di cinque punti e le loro convinzioni sulla consapevolezza a priori dell'imputato di fondi insufficienti (necessari per stabilire la colpevolezza per un addebito per frode) e la futura probabilità dell'imputato di commettere lo stesso reato. Diverse altre variabili sono state raccolte dai partecipanti tra cui il loro "pregiudizio grasso" e le loro attribuzioni di causalità per l'obesità (ad esempio, geni, scarsa forza di volontà). Infine, i ricercatori hanno calcolato i punteggi dell'indice di massa corporea (BMI) dei partecipanti in base ai loro pesi e altezze auto-riportati, consentendo così agli autori di classificare i giurati finti in categorie magre e sovrappeso. Le analisi successive sono state condotte separatamente per ciascuno dei quattro gruppi di partecipanti: partecipanti maschi snelli (n = 94), partecipanti maschi in sovrappeso (n = 72), partecipanti femminili magri (n = 182) e partecipanti donne in sovrappeso (n = 123 ).

Limiterò la mia discussione alle conclusioni relative ai pesi dei partecipanti e degli imputati e al sesso biologico. I lettori interessati potrebbero fare riferimento all'articolo originale per la discussione completa di tutte le variabili studiate insieme a tutte le analisi statistiche dettagliate. Ecco i principali risultati rilevanti:

1) I partecipanti di sesso maschile hanno giudicato l'imputato femmina obeso più colpevole della sua controparte femminile magra (p <.05). Ciò è vero a prescindere dalla categoria BMI dei partecipanti maschi.

2) I partecipanti maschili magra avevano più probabilità di affermare che l'impoverita femminile obesa aveva una conoscenza a priori dei fondi insufficienti nel conto bancario (cioè un'ulteriore misura della propria colpevolezza) rispetto alla sua controparte sottile (p = .04). In altre parole, gli uomini magri erano l'unico gruppo di partecipanti che esibivano un "fat bias" lungo questa metrica.

3) I partecipanti maschili magra hanno ritenuto che l'imputato femmina obeso abbia maggiori probabilità di emettere un cattivo assegno in futuro rispetto alla sua controparte sottile (p = .019). In altre parole, gli uomini magri erano l'unico gruppo che mostrava un pregiudizio grasso lungo questa misura.

4) Non c'erano differenze statisticamente significative lungo nessuno degli ultimi tre parametri quando si contrapponeva il difensore maschio magro e obeso per uno qualsiasi dei quattro gruppi di partecipanti.

Conclusione: in questo studio, gli uomini, ma non le donne, manifestavano un pregiudizio grasso e solo verso le imputate. Come gli autori alludono nella sezione di discussione, un'area per la ricerca futura potrebbe essere quella di esplorare se questa forma di pregiudizio si verificherebbe nella stessa forma attraverso una vasta gamma di crimini. Dovrei concludere dicendo che questo non dovrebbe essere considerato un atto di accusa nei confronti del sistema giudiziario americano. Piuttosto, ogni sforzo che coinvolge le persone potrebbe a volte offrire un forum per i pregiudizi umani.

Ti preghiamo di seguirti su Twitter (@GadSaad).

Fonte per immagine:

http://frsky.me/1gDFP4Q

Solutions Collecting From Web of "Donne obese: attenzione al sistema giudiziario!"