Donne e gestione emotiva al lavoro

Sei al lavoro e un collega scarica il boss, di fronte agli altri colleghi. Mentre ascolti, pensi a te stesso: "Ha talmente ragione su quanto può essere ingiusto il capo." Potrebbe avere ragione nella sua valutazione del capo, ma il suo comportamento non è professionale. Stai pensando: "Oh no, non qui, amico. Non adesso. Sei così sbagliato a farlo. Sei fregato se questo torna al capo. "

L'idea di professionalità è fondamentale per la gestione delle emozioni sul posto di lavoro. Il posto di lavoro ci richiede di mascherare i nostri sentimenti, specialmente le nostre emozioni negative. Quando trattiamo le domande interminabili di un cliente a cui abbiamo già risposto, dobbiamo mascherare la nostra frustrazione e impazienza. Potresti essere deluso o infelice da una decisione presa dal quartier generale, ma faresti meglio a schiaffeggiarti un sorriso! Aspetta fino a quando non arrivi a casa, dove è sicuro scaricare come ti senti veramente. Questo può sembrare emotivamente limitante, specialmente per le donne. Ma la gestione emotiva sul posto di lavoro è nell'interesse di tutti. Ora, non vogliamo creare un'immagine robotica delle persone che agiscono e parlano in un modo altamente prescritto, ma esiste un equilibrio tra esprimere le emozioni spontaneamente ed esprimerle strategicamente. Esprimere le emozioni in modo efficace non è una questione semplice. Non importa se si tratta di emozioni negative, come la noia o la rabbia, o emozioni positive, come l'amore o l'affetto. Mostrare questi sentimenti non è sempre saggio. D'altro canto, rifiutare sempre le emozioni può ostacolare i rapporti di crescita e sviluppo.

Alcune regole emotive di coinvolgimento possono aiutarci a monitorare le visualizzazioni appropriate sul posto di lavoro:

Conosci te stesso. Cosa senti?

Controlla il tuo impulso di agire. (Non essere reattivo, sii proattivo).

Vai in quel posto felice o da qualche altra parte nella tua testa. Questo potrebbe significare solo fare 10 respiri profondi, fare una passeggiata o pensare a cose che ti rendono felice.

Scegli le tue parole con attenzione. Sii intenzionale, non impulsivo.

Sostenete e mantenete durante la resistenza. Non cedere alla pressione.

Alice, un ingegnere impiegato presso una delle più grandi società di telecomunicazione del mondo, aveva uno stile comunicativo problematico e alienante. Molte delle sue colleghe hanno affermato che ogni volta che erano intorno a lei, lasciavano il tipo di interazione diverso. La maggior parte non riusciva a capire cosa facesse o dicesse questa donna ingegnere [md], si sentiva come se fosse stata "assottigliata" (le parole di una persona). Si sentivano male. Una donna ci pensò e disse che Alice aveva sempre un modo per diminuirla, facendo in modo che qualsiasi contributo da lei reso sembrasse privo di significato e insignificante. "Vorrei solo picchiarla. È così offensiva ", ha detto una donna.

Questo impulso era una fantasia. Tutte le emozioni sono impulsi per agire. E questo impulso ha radici evolutive. Il modo in cui scegliamo di agire ha molto a che fare con la storia familiare e le norme culturali. La radice dell'emozione è motere, il verbo latino "muoversi". Quindi sappiamo che dobbiamo agire, ma la domanda diventa "Come?" Cosa diremo o faremo? Abbiamo una scelta Fare la scelta giusta ha molto a che fare con il successo sul posto di lavoro.

Interruttore di codice: controllare l'impulso di agire è enorme. La maggior parte di noi soffre di vocaboli emotivi impoveriti. Ma non lasciare che qualcosa salti fuori dalla bocca non appena l'altra persona ha finito di parlare. Prenditi un momento o due. Esitate quindi non venite da un posto reattivo.

A volte potresti essere così sconvolto che sei senza parole. Prova uno dei seguenti suggerimenti per calmarti:

Chiedi una pausa : "Vorrei fare una pausa di 15 minuti" o "Riprendiamo questa discussione più tardi questo pomeriggio, quindi ho un po 'di tempo per elaborare ciò che hai detto." Questo ti dà il tempo di riflettere e riflettere. Aiuta ad eliminare la possibilità di una risposta reattiva. Se fare una pausa non è una pratica manovra logistica per le tue circostanze, vai in un altro posto nella tua testa e conversa con te stesso.

Esercitati a parlare da soli: "Ahi, era meschino. Ma ho la laurea di mia figlia a guardare al futuro. La mia vita è piena di cose buone, e questo sgradevole commento non ha intenzione di dettare il mio comportamento o di abbattermi. "

Sviluppa un pulsante "reset emozionale": quando Mandy ha qualcosa di duro sul lavoro, ha un semplice codice di incoraggiamento con il suo fidanzato. Lei gli manda un messaggio che dice "Notifica di allegria di emergenza!". Sa che è successo qualcosa di sconvolgente ma che non ha il tempo (o il desiderio) di parlarne. Quasi sempre risponde con un semplice "Ti amo" o "Pensa a quanto buffo Fluffy guarda nel suo nuovo maglione rosa." Solo una piccola connessione con qualcosa di positivo è come il pulsante di reset emozionale di Mandy. Mette il problema in prospettiva. La vita va avanti

Fai una pausa per il bagno : un altro modo in cui le donne possono sempre comprare un po 'di tempo è una pausa per il bagno. Il bagno può diventare un luogo per essere centrato. Ciò non significa lamentarsi in un angolo o lamentarsi con la prossima donna che entra; le donne amano farsi reciprocamente le proprie opinioni e analizzarle insieme. Ma al lavoro potrebbe essere rischioso e apparire pettegolo. Invece, fai un respiro profondo, allunga, prendi un po 'd'acqua e metti un po' di spazio e tempo tra il problema e la tua reazione.

  • Quindi ti piacerebbe fare un sacco di soldi in vendita
  • Il mito personale erotico e l'ascesa della sessualità fetish
  • Consigli di carriera post-presidenza per Obama Con lezioni per tutti
  • Abuso di sostanze: aumento dell'empatia, riduzione degli stigmi
  • Diventare serio sul tuo matrimonio non è uno scherzo
  • Spanx for Work: come rimodellare il tuo lavoro per adattarti meglio
  • Essere single non è tutto ciò che è rotto per essere
  • Mancanza di motivazione e ispirazione? 5 segreti per sbloccare
  • Dis-agio del cuore: parte II
  • Il problema con "Sesso positivo"
  • Cosa stai dicendo? Seconda parte
  • Prendendo sul serio i padri fondatori
  • Jed Diamond sulla psicoterapia individuale
  • La gentilezza è debolezza?
  • Santa e Saturnalia
  • Risposte brevi: apprendere un lavoro, essere opportunamente ambiziosi
  • Perché le donne sono pagate meno degli uomini?
  • Fai attenzione a ciò che desideri
  • Quindi umano un animale: Homo Sapiens?
  • The Dejobbing of Society e What to Do About It
  • La correttezza politica è cattiva, se applicata in modo errato
  • Auto-compassione parte II
  • Cosa c'entra l'introversione con Occupy Wall Street?
  • Cosa aspettarsi durante il ricovero psichiatrico
  • Perché i media violenti sono importanti
  • Una connessione delicata
  • Una breve storia d'amore
  • L'uscita di amicizia
  • Fatto o finzione: le coppie senza figli sono più felici delle coppie con bambini
  • Sono Billy
  • In Praise of Serious People
  • Costruire la resilienza dopo il trauma: lezioni dal Cile
  • Le persone che spendono liberamente non spendono saggiamente
  • Trumpcare: quando l'assicurazione sanitaria non è realmente assicurativa?
  • Il rovescio della compassione
  • L'obesità è un disturbo psichiatrico?