Donald Trump è un maschio alfa?

Avviso spoiler: questa non è la diatriba di un altro accademico contro Donald Trump. Non sono qualificato come commentatore politico al di fuori della privacy della mia stessa casa (e anche lì, la mia saggezza politica viene spesso considerata come una canzonatura). Invece, quello che sto per dire è più sulla falsariga del libro Eats, Shoots, and Leaves, in cui l'autrice Lynne Truss si lamenta dei pericoli dell'uso impreciso della punteggiatura. Se non hai letto il suo libro divertente, si apre con una storia su un panda che entra in un bar, ordina qualcosa da mangiare, poi tira fuori una pistola, spara diversi colpi e si dirige verso l'uscita. Quando il cameriere urla: "Perché?" Il panda gli lancia un libro malamente modificato sul comportamento dei panda, e dice "guarda su". Certo, il panda è descritto come "un grande mammifero in bianco e nero dalla Cina" che mangia germogli e foglie ", ma purtroppo un editor sciatto aveva messo una virgola dopo che la parola mangiava.

Stamattina stavo ascoltando una discussione su NPR sulla salute mentale di Donald Trump, e mi sono trovato leggermente infastidito, non dall'uso della punteggiatura, ma dalle parole tra le virgole. In particolare, vi è stato un abuso di termini psicologici da parte di persone appartenenti a diverse fasce dello spettro politico, che ha gettato i termini "disturbo della personalità" e "maschio alfa" nei confronti di Donald Trump (Puoi ascoltare la conversazione qui: Dibattito sulla poltrona Valutazioni psicologiche di Donald Trump.)

È corretto e accurato per i professionisti della salute mentale usare termini psichiatrici riferendosi a Donald Trump?

I commentatori dell'NPR coinvolti nel dibattito sulla poltrona delle valutazioni psicologiche stavano, in sostanza, discutendo se Donald Trump potesse essere correttamente diagnosticato come affetto da qualche forma di disturbo mentale.

Un commentatore è stato Amy Ellis Nutt, uno scrittore del Washington Post , che ha suggerito un nuovo fenomeno nell'attuale ciclo elettorale che ha chiamato Trumpology (in cui i critici accusano Trump di avere qualche forma di disturbo psicologico, con particolare attenzione al termine "disturbo narcisistico della personalità"). Fece riferimento a uno studio che classificò i presidenti in termini di "tratti grandiosi e narcisistici". Lyndon B. Johnson arrivò in cima, a quanto pare. Ha notato che nelle sue discussioni con i professionisti della salute mentale, ha appreso che gran parte della sofferenza che circonda il disturbo narcisistico di personalità è la sofferenza degli altri, non della persona stessa. Le persone che sono vicine a quelli con disturbo di personalità narcisistico sono quelle che hanno maggiori difficoltà e soffrono le peggiori conseguenze. Seguendo queste linee, ha osservato che Donald Trump ha dichiarato in pubblico che "la sua più grande emozione nella vita sta diventando persino … molti la vedono come una caratteristica inquietante".

Il dott. Paul Appelbaum, professore di psichiatria alla Columbia, ha messo in dubbio l'accuratezza dell'approccio basato sulla diagnosi psicologica sulle prestazioni pubbliche di personaggi politici. Ha sottolineato che Barry Goldwater è stato anche oggetto di numerose diagnosi da parte di professionisti della salute mentale negli anni '60. Appelbaum suggerì che, sebbene potesse offrire un'opinione sulla salute mentale di un candidato, sarebbe davvero, dalla distanza di un osservatore degli spettacoli televisivi di Trump, non più psichiatricamente valido di chiunque altro, e forse inferiore a un'opinione fatta da qualcuno con più esperienza nel campo politico.

Bill Doherty, uno psicologo dell'Università del Minnesota, d'altra parte, ha affermato di sentirsi responsabile di parlare di Donald Trump come una "minaccia per la salute mentale pubblica". Doherty ha raccolto 2.200 firme da altri professionisti della salute mentale su cosa Diane Rehm ha definito un "manifesto contro il trumpismo".

Quando la signora Rehm ha chiesto a Doherty: "Che cosa ti preoccupa di più di Donald Trump?", Ha risposto:

"Sta proiettando un'immagine di iper-mascolinità, critiche avvilenti, fragilità di fronte alle critiche e l'idea forte dell'uomo che 'fidati di me e io mi occuperò di tutti i tuoi problemi'. Questo uomo forte, fragile iper-mascolinità ha bisogno di essere nominato. "

Doherty ha anche suggerito che i professionisti della salute mentale (e altri) hanno bisogno di "parlare dell'approccio malsano ai rapporti interpersonali che stiamo vedendo in Donald Trump, e cosa c'è dietro di lui". Chiesto a Trump accusando Obama di essere un fondatore dell'ISIS, quindi Ritirandolo, Doherty disse che, come terapeuta di famiglia, era molto simile a quello che vedeva spesso nel suo ufficio: la comunicazione interpersonale che è "altamente disfunzionale, che sferza tutto il paese, come accade in alcune relazioni molto disfunzionali".

Appelbaum ha risposto, tuttavia, che "ciò che non sappiamo è se è altamente coreografato … qualcosa che funziona per la campagna di Trump in quel modello apparentemente erratico di comportamento … Lo terrei a mente come possibilità (e) indietro L'esperto di film Ron Elving, editore senior di Washington per NPR News, ha osservato che le persone che conoscono Trump personalmente affermano che non assomiglia affatto al personaggio pubblico che stiamo vedendo sulla pista della campagna elettorale, ma è invece caldo e gentile in faccia. interazioni faccia a faccia.

Nel tuo intestino, sai che è pazzo?

Negli anni '60, la campagna di Barry Goldwater utilizzava la frase orecchiabile "Nel tuo cuore sai che ha ragione." A cui LBJ ha risposto: "… e nel tuo intestino sai che è pazzo." Naturalmente, LBJ stava scherzando, ed è certamente comune accusare le persone che non sono d'accordo con noi di essere "pazzi" o "pazzi". Ma a volte la discussione diventa seria. I relatori di Diane Rehm hanno anche parlato delle speculazioni del passato sul fatto che una possibile commozione cerebrale abbia interferito con la capacità di Hillary Clinton di elaborare le informazioni. Se non altro, tuttavia, i relatori meritano un elogio per non aver effettivamente attribuito alcuna diagnosi a nessuno dei candidati. Come ha osservato il Prof. Appelbaum, il manifesto di Doherty è una critica politica di ciò che Doherty chiama Trumpismo e in realtà non supera la linea per diagnosticare Donald Trump. Doherty fu d'accordo e suggerì di stare attenti a "diagnosticare le armi".

Se volevi un uso sensazionalistico del linguaggio, la cosa più vicina che potresti ottenere erano i riferimenti al possibile narcisismo di Trump e l'affermazione di Doherty che soffre di "fragile iper-mascolinità". Come ha osservato Appelbaum, c'è uno spettro di disturbi della personalità, che sono disturbi che non sono contrassegnati da alcun chiaro disturbo del pensiero. Appelbaum ha sottolineato, come esempio, che sebbene "tutti noi abbiamo del narcisismo", tali caratteristiche diventano solo disturbi "quando attraversano la linea causando disagio personale o disfunzione sociale".

È corretto descrivere Donald Trump come un "maschio alfa?"

Chimp Leipzig Zoo, Donald Trump, both from Wikimedia Commons. Public domain
Fonte: Zoo Chimp di Lipsia, Donald Trump, entrambi di Wikimedia Commons. Dominio pubblico

Un paio di ascoltatori che hanno partecipato allo show hanno espresso preoccupazioni riguardo alla discussione di candidati politici usando il linguaggio della psicopatologia. Altri non erano timidi nell'offrire le proprie diagnosi psichiatriche.

Ma uno ha anche fatto un punto leggermente diverso:

"Penso che uno dei tuoi relatori che descrive Donald Trump come ipermascelico e un altro che lo descrive come Hitler, penso che la maggior parte dei sostenitori di Trump vedono questo tipo di esame di lui come una risposta timorosa, castrata, politicamente corretta a un maschio alfa".

Dato che questo chiamante non si è fatto passare per un esperto di scienze comportamentali, è forse meno biasimevole di uno dei relatori, che ha accettato la descrizione di Trump come un maschio alfa, poi ha continuato a fare riferimento ai gorilla, e ha detto un tale comportamento è "degradante e avvilente" in un leader maschile o femminile.

Ma ho avuto uno di quei momenti linguisticamente schizzinosi di Lynne Truss nell'udire il comportamento pubblico di Trump descritto come quello di un "maschio alfa". In un gruppo di scimpanzé, i maschi alfa a volte usano la forza nel controllare i loro subordinati e occasionalmente agiscono in modo prepotente. Ma sono anche normalmente imperturbabili e calmi nel loro comportamento. Nei gruppi umani, il bullismo ha meno probabilità di funzionare altrettanto bene, e la capacità di rimanere imperturbabili e calmi di fronte alla minaccia è probabilmente ancora più importante. Pensa a Ronald Reagan o John McCain sul lato repubblicano oa John F. Kennedy o Bill Clinton sul lato democratico.

Donald Trump certamente presenta spesso un volto aggressivo e dominante al pubblico, come quando si rifiuta di arrendersi da commenti potenzialmente controversi. Ma se davvero stava tentando di proiettare un'immagine di un maschio alfa, non risponderà in modo difensivo ai critici (come ha fatto nei suoi commenti su John McCain, Megyn Kelly oi genitori di un soldato americano caduto). Preferiva invece ignorarli o dire qualcosa che indicava che era tranquillamente al di sopra di tutto.

Ovviamente, gli umani non sono gorilla, ei nostri leader si impegnano in dimostrazioni molto più complesse di semplici manifestazioni di bullismo o compiacimento di fronte alla minaccia.

Come ho discusso in un recente post, Joe Henrich e Francisco Gil-White hanno scritto sulla distinzione tra " dominanza " (che è caratteristica di alto status in altri mammiferi e spesso implica un po 'di bullismo), al contrario di " prestigio " "(Che coinvolge lo status acquisito dall'avere esperienza e informazioni, che porta gli altri membri del gruppo a voler essere intorno a te, piuttosto che concederti un posto più ampio come farebbero con un maschio alfa) (vedi Che tipo di leader sei?). Nella scelta dei presidenti, la maggior parte degli elettori è probabilmente più preoccupata di scegliere qualcuno che ha acquisito il suo status tramite il prestigio piuttosto che il dominio. Sarebbe ingiusto sostenere che la strategia di Trump non implichi una certa quantità di ricerca di prestigio (si pensi alle sue argomentazioni sul fatto che il suo background economico gli doni credibilità come decisore economico) o che Hillary Clinton non implichi una certa quantità di stabilire la sua posizione dominante (pensa alle affermazioni fiduciose che ha espresso sulle decisioni militari o sul suo coinvolgimento nelle decisioni a livello presidenziale in passato).

Per andare oltre la semplice distinzione tra dominio e prestigio, vale la pena di approfondire la letteratura sulla leadership nelle organizzazioni umane, come Personalità di Robert Hogan e il destino delle organizzazioni , che ho anche raccomandato in un altro post recente (vedi Who is Psychology's Geniuses ?)

Panda, scimpanzé e politici

L'errata applicazione dei termini "disturbo di personalità" e "maschio alfa" a un candidato politico è linguisticamente egregio come lo smarrimento di una virgola nella frase "mangia, spara e lascia?" Forse no, ma forse è più consequenziale per quelli di noi che non frequentiamo ristoranti con orsi panda armati di fucile, ma che godono di un'accurata discussione sulla psicologia politica.

Douglas Kenrick è autore di: The Rational Animal: come l'evoluzione ci ha resi più intelligenti di quanto pensiamo e il sesso, l'omicidio e il significato della vita: uno psicologo indaga su come l'evoluzione, la cognizione e la complessità stanno rivoluzionando la nostra visione della natura umana.

Blog correlati

Che tipo di leader sei? I pro ei contro del dominio e del prestigio.

Crediti fotografici:

Donald Trump: Wikimedia Commons: file con licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic.

Scimpanzé: Zoo di Lipsia. Wikimedia Commons: permesso concesso per copiare, distribuire e / o modificare secondo i termini della GNU Free Documentation License.

Solutions Collecting From Web of "Donald Trump è un maschio alfa?"