Dolore, rabbia, tristezza, paura e speranza

Ho avuto un raro mal di testa da tensione dalle 21:00 di ieri sera. Sta strisciando sul retro del lato sinistro del mio collo. E c'è una sensazione di affondamento nel mio stomaco. Da dove vengono questi sentimenti? Quale esigenza principale viene influenzata? Non ho bisogno di guardare lontano per capire. Il valore relazionale è la sensazione di essere conosciuti e apprezzati da altri importanti. A questo punto, non mi sento né conosciuto né apprezzato dal mio paese. Nel complesso, i miei compatrioti hanno ripudiato i valori fondamentali che mi sono cari. Ora sto vivendo un profondo senso di alienazione.

Come spesso accade per gli umani, il dolore profondo che provo diventa secondariamente in rabbia e poi disprezzo. Come potevano essere così ignoranti, così sciocchi, così fuorviati?

Quindi la perdita colpisce. Otto anni in cui ho sperimentato un leader che ha mostrato integrità, grazia, bellezza in frantumi. Un vuoto profondo e oscuro mi insinua.

Poi guardo i miei figli e penso a domani. In che modo questo li influenzerà? Un profondo senso di incertezza genera visioni catastrofiche. La mia paura e angoscia è profonda.

Grazie alla mia formazione, so che ho bisogno di inclinarmi nei miei sentimenti e piuttosto che respingerli, devo prima essere curioso e capirli. So che il mio mal di testa e la nausea sono risposte somatiche al fatto che, nel suo nucleo, il mio corpo sta elaborando informazioni emotive che sta trovando molto difficile da digerire.

Voglio sfuggire a questi sentimenti. Voglio che tutto sia un brutto sogno. Ma riconosco che un aspetto fondamentale di avere il privilegio di essere autoriflessivo su questo pianeta è che la consapevolezza implica sofferenza. E i miei sentimenti sono qualcosa da cui non posso correre, ma inclinarmi. Le lacrime bene come me.

Comprendendo e accettando la mia sofferenza, so che, con il tempo, lavorerò per coltivare un atteggiamento di compassione amorevole per gli altri. I miei connazionali stavano cercando di fare il meglio che potevano. Anche se certamente capisco la mia rabbia e il mio dolore, è anche il caso che ciò che sento è stato sentito da molti che hanno reso possibile questo giorno. Non intendono distruggere. Quello che è successo è il loro modo di comunicare la propria alienazione e il bisogno di una voce e di un cambiamento.

Con questa prospettiva emerge un barlume di speranza. So come clinico che con la crisi arriva l'opportunità. E anche se oggi i miei sentimenti non mi permetteranno di vederlo, credo che forse c'è una speranza che questa forza dirompente possa essere canalizzata in modo costruttivo. Spero che questo sia vero per il bene di tutti noi.

Solutions Collecting From Web of "Dolore, rabbia, tristezza, paura e speranza"