Dolore indicibile

Il romanzo di Paul Harding, Enon, racconta la peggiore storia possibile. È la storia di perdere un figlio. Ma è anche la storia di fare ciò che i genitori fanno ogni giorno: calcolare quotidianamente quanta libertà di dare ai nostri figli rispetto a quanta protezione offrire. Nel caso del personaggio principale di Charlie, alla fine, e inaspettatamente, ottiene questo calcolo terribilmente sbagliato.

Charlie permette a sua figlia di 13 anni, Kate, di andare in bicicletta con un amico in spiaggia. Pedalare lungo una strada tortuosa, proprio come aveva fatto (e gli era stato permesso di fare) quando era bambino. Charlie spiega:

"Volevo dirle che non mi importava se fosse giusto, o se fosse pensieroso o cattivo o capriccioso o cattivo genitore o altro. Volevo dirle: "Perché non voglio che tu lo faccia, e io sono il genitore e per questo no". Invece, chiusi gli occhi e aggrottò la fronte e simulai un sospiro esausto e dissi, poteva andare. "Ma fai attenzione, specialmente intorno al lago e lungo la strada costiera," dissi. (Harding, 2013, 173). "

Emily Ganem/ freeimages.com
Fonte: Emily Ganem / freeimages.com

Durante quella cavalcata, la figlia di Charlie è stata colpita da un'auto e uccisa all'istante. In seguito, Charlie stesso iniziò una spirale discendente nel peggiore incubo di ogni genitore, uno che potesse rimettere in discussione il nostro vero senso di scopo, valore e significato.

"Non sentivo alcuna gratitudine per il dolore che provavo in ogni momento di veglia", spiegò Charlie, "e questa solitudine non sembrava altro che un distillato di dolore e rabbia. (Harding, 2013, 99). "

A conti fatti, aneddotici e quantitativi, perdere un figlio è una forma di devastazione come nessun altro. Uno studio sugli effetti a lungo termine della morte di un bambino sulla vita dei genitori ha rilevato che 20 anni dopo la morte, i genitori in lutto erano più depressi, meno sani fisicamente, meno generalmente "bene" e più probabilmente avevano sperimentato depressione o interruzione coniugale (Rogers, Floyd, Seltzer, Greenberg e Hong, 2008). Un altro studio ha rilevato che i genitori in lutto hanno sofferto di aumentati tassi di mortalità e dipendenza, oltre a una maggiore suscettibilità al cancro, malattie infettive e malattie cardiovascolari (Li, Precht, Mortensen & Olsen, 2003).

Inoltre, i genitori in lutto affrontano livelli di isolamento senza precedenti in altre forme di dolore. L'unica persona la cui esperienza potrebbe approssimare un genitore in lutto è quella dell'altro genitore in lutto. Ma troppo spesso si sviluppa un abisso tra i genitori in lutto, un abisso che affermazioni empatiche o sentimenti condivisi sono spesso inadeguati a colmare. Molti matrimoni falliscono. E per entrambi gli sposi, le loro situazioni sono così tristi e così terrificanti che gli amici non sanno cosa dire. Quelli di noi che hanno sempre sofferto profondamente hanno qualche idea di ciò che il dolore fa al sostegno sociale, al matrimonio, alle relazioni con i colleghi. Abbiamo avuto l'esperienza di colleghi, colleghi, amici e amici che hanno dato la priorità alla loro paura di dire la cosa sbagliata sul nostro bisogno che qualcuno dicesse qualcosa, di connettersi in qualsiasi modo, per quanto imbarazzante.

È già abbastanza difficile trovare il modo di parlare dell'essere depressi. Quella conversazione è intrinsecamente deprimente per gli altri, e indossa le persone. Ma parlare di perdere un figlio può essere immediatamente emotivamente intollerabile, anche per chi non ha la più pallida idea di cosa si prova.

Come Charlie, potremmo vacillare tra il senso di diritto al nostro dolore e un senso di colpa e vergogna per quanto sia importante e consumante per noi. Charlie spiega: "La mia persistenza nel sentire che la morte di Kate era la fine del mondo era un imbarazzo, perché sapevo di persone che avevano sofferto la morte di bambini dal suicidio e colpi di arma da fuoco e cadendo da finestre, la morte di fratelli di annegamento e valanga , la morte di amici e amanti e sposi alla febbre, alla caduta, al ghiaccio e al fuoco (Harding, 2013, 98). "

Ma è proprio il senso del diritto al nostro dolore, e quanto è profondo quel dolore che taglia, che può anche farci attraversare. Come per la maggior parte dei sentimenti, la censura e l'autocritica tendono a spingerlo più in profondità e renderlo più irremovibile.

Mentre il nostro silenzio può sembrare risparmiare la gente intorno a noi, interiorizzando la nostra colpa, la paura, l'orrore e la tristezza, ci sacrifichiamo in un modo molto più brutale. La storia di Charlie è una di quelle versioni di quel modo brutale, che si basa sulla depressione, sull'uso di droghe, sul matrimonio fallito, sull'isolamento e sulla totale negligenza personale. E la sua guarigione lo porta all'unico modo in cui è davvero possibile attraversare il suo dolore: dritto attraverso – riconoscendo ricordi dolorosi, rimpianti devastanti e insopportabili dubbi su se stessi.

Riferimenti

Harding, Paul (2013). Enon. New York: Random House.

Li, JL, Precht, DH, Morenson, PB & Olsen, J. (2003). Mortalità nei genitori dopo la morte di un bambino in Danimarca: uno studio di follow-up nazionale. The Lancet , 361) 9355), febbraio 363-367.

Rogers, CH, Floyd, FJ, Seltzer, MM, Greenberg, J. & Jinkuk, H. (2008). Effetti a lungo termine della morte di un bambino sull'adeguamento dei genitori nella mezza età. Journal of Family Psychology, 22 (2), aprile, 203-211.

Solutions Collecting From Web of "Dolore indicibile"