Dogs and Object Permanence

I cani ricordano dove si trovano gli oggetti nascosti?

Art Markman

Fonte: Art Markman

Il lavoro di Jean Piaget ha modellato la nostra comprensione dello sviluppo cognitivo nei bambini, e ci ha dato anche diversi compiti che possiamo usare per studiare altri animali. Una questione classica studiata da Piaget è la permanenza dell’oggetto. Cioè, i bambini si rendono conto che esiste ancora un oggetto che scompare dietro qualche ostacolo?

Questa domanda non è banale. Quando un oggetto viene messo dietro ad altri oggetti, non può più essere visto. Sebbene gli adulti sappiano chiaramente che gli oggetti continuano ad esistere, forse i bambini operano con l’assunto “lontano dagli occhi, lontano dalla mente”. Decenni di lavoro su questo argomento suggeriscono che la performance dei bambini piccoli con oggetti nascosti è mista. I bambini molto piccoli non raggiungono oggetti che non possono vedere, ma esprimono sorpresa quando guardano scene in cui gli oggetti dietro uno schermo scompaiono.

E i cani?

Chiunque abbia posseduto un cane sa che continuerà a inseguire una palla che rotola sotto un divano, ma è possibile che il cane odori ancora l’oggetto, e così che continui a inseguirlo. Per fortuna, sono stati fatti diversi studi eccellenti sulla capacità dei cani di ragionare sugli oggetti nascosti, e sono stati riassunti in un articolo nel numero di ottobre 2016 di Current Directions in Psychological Science di Thomas Zentall e Kristina Pattison.

Un modo fondamentale per valutare se un cane può ricordare un oggetto non è visibile è utilizzare un compito di spostamento invisibile . In questa attività, un oggetto è nascosto e quindi spostato in qualche modo. La domanda è dove il cane cercherà di trovare l’oggetto.

Association for Psychological Science

Fonte: Associazione per la scienza psicologica

Ad esempio, in una versione del compito, sono stati posizionati due secchi su entrambi i lati della tavola. Una chicca era nascosta nel fondo del secchio (in un contenitore in modo che il cane non fosse in grado di annusare il piacere). Poi, mentre il cane stava osservando, l’asse è stato ruotato di 180 gradi in modo che l’ossequio si trovi ora sul lato opposto del cane. In questo caso, il cane cerca generalmente nella posizione in cui il trattamento è stato inizialmente nascosto piuttosto che nel secchio che attualmente ha il trattamento.

Quindi, da questo potresti pensare che i cani non capiscano dove si trovano gli oggetti nascosti. Ma questa versione del compito è abbastanza difficile, perché la posizione attuale del trattamento compete con il luogo in cui il cane ha visto il trattamento nascosto. In un’altra versione del compito, la tavola inizia così che un secchio è vicino al cane e uno è lontano. Quindi, l’asse viene ruotato di soli 90 gradi, in modo che non ci sia competizione tra le posizioni. In questo caso, il cane cerca quasi sempre nel secchio con la sorpresa. Inoltre, in altre due condizioni, i secchi restano nella stessa posizione, ma il cane è calpestato di 90 gradi attorno all’apparecchio o di 180 gradi attorno ad esso. In questo caso, il cane cerca sempre nel posto giusto. Quindi, i cani sembrano avere una buona idea di dove siano gli oggetti nascosti.

Tuttavia, un modo in cui i cani fanno questo compito è attraverso lo sguardo. Osserveranno effettivamente la posizione dell’oggetto nascosto. Se le luci si spengono dopo che l’asse è stato spostato o se c’è un lungo ritardo tra la rotazione della tavola e quando il cane può cercare, i cani non lo fanno, anche se alcuni cani sono ancora in grado di fare questo compito, anche con ritardi fino a 4 minuti.

Infine, in alcuni studi intelligenti, i cani vedono biscotti per cani nascosti dietro uno schermo. Più tardi, un biscotto viene preso da dietro lo schermo. Il biscotto è identico a quello nascosto dal cane o si differenzia per dimensioni o colore. (I cani non hanno la stessa visione dei colori degli umani, ma sono in grado di distinguere gli oggetti blu da quelli gialli: non hanno coni sensibili al rosso e al verde come fanno gli umani.)

In questo studio, gli sperimentatori hanno misurato per quanto tempo i cani hanno osservato l’oggetto preso da dietro lo schermo. Se fossero “sorpresi” da ciò che è emerso, dovrebbero apparire più a lungo di se si aspettassero di vedere cosa proviene da dietro lo schermo. I cani sembravano più lunghi sia per le variazioni di dimensioni che per i cambiamenti di colore rispetto a quando una stessa identica sorpresa veniva scattata da dietro lo schermo, suggerendo che si ricordavano di ciò che era stato nascosto dietro lo schermo.

Nel complesso, i cani hanno una certa capacità di ricordare le qualità degli oggetti che non sono visibili. Gli autori dell’articolo suggeriscono che la capacità dei cani di trattare oggetti nascosti è pressoché identica a quella osservata con gli esseri umani di età compresa tra 1 e 2 anni.

Riferimenti

Zentall, TR, & Pattison, KF (2016). Ora lo vedi, ora non lo fai: permanenza dell’oggetto nei cani. Indicazioni attuali in scienza psicologica , 25 (5), 357-362.

Solutions Collecting From Web of "Dogs and Object Permanence"