Dobbiamo perdonare?

By Cal Sr from Newport, NC, US
Fonte: da Cal Sr di Newport, NC, USA

Praticamente ogni volta c'è un orribile massacro di innocenti – gli studenti della Columbine, gli scolari Amish, gli spettatori del Colorado e, ora, i membri della chiesa di Emanuel AME a Charleston – mi rifiuto di dare ai loro assassini la notorietà che bramano ripetendo i loro nomi, e vorrei che i media minimizzassero la copertura per lo stesso motivo: lo scenario devastante è lo stesso: gli strazianti annunci di perdonare gli assassini dai propri cari, le testimonianze appassionate, tra cui in un caso un enorme firmate la mattina dopo quello detto "Ti perdoniamo, [nome omesso]". Queste risposte fanno sempre notizia; le straordinarie dichiarazioni di fede e perdono da parte dei fedeli in lutto a Charleston sono state recentemente ricordate da un titolo a striscione sulla parte superiore della prima pagina del New York Times : "Non riuscirò mai a tenerla di nuovo, ma ti perdono".

Non sto mettendo in dubbio la sincerità o il potere delle dichiarazioni di nessuno di questi sofferenti in lutto; nessuno poteva non essere commosso dall'enormità delle loro perdite e dal coraggio morale e dalla grazia con cui si comportavano. Spero che trovino consolazione e scopo parlando e agendo come loro. Ma non penso che ciò che ha funzionato per loro funzioni per tutti, né che il perdono, sia immediato che no, sia l'unica risposta umana e guaritrice a crimini viziosi e atti di terrorismo. Sicuramente non sono l'unico messo a disagio dall'assunto virtualmente universale che solo coloro che perdonano, sia pubblicamente che privatamente, soprattutto istantaneamente e categoricamente, sono degni di ammirazione ed emulazione? Dobbiamo idealizzare questa azione come la risposta migliore, più illuminata possibile a terribili atti di violenza, e sentirci inferiori o moralmente in bancarotta se non ci riusciamo a realizzarla o, peggio ancora, ci rifiutiamo di farlo?

Non ripudio il perdono. Nel mio libro, perdonare e non perdonare: perché a volte è meglio non perdonare , sostengo che la capacità di garantirlo è essenziale per saggezza e maturità. Il perdonare può portare la pace, se non sempre l'equilibrio, dopo crimini violenti e crimini del cuore. Ma mi chiedo l'imperativo di concederlo, specialmente il tipo automatico, istantaneo che è così spesso idealizzato. Come psicologo, credo che il perdonare sia un processo che richiede tempo, non una dichiarazione o un immediato fatto compiuto. Come l'amore, non può essere voluto, solo invitato. A volte è impossibile, o addirittura sconsigliabile; per esempio, non ho consigliato a una mia paziente che è stata vittima di ripetuti incesti di perdonare il colpevole, anche se era suo padre. Fare così sarebbe stato, per lei e per me, masochista. C'è un detto talmudico che dice: "Chi è misericordioso con il crudele è crudele con il misericordioso".

L'assoluzione automatica a Charleston che ha mosso il mondo, per quanto sia autentica, deriva dalla convinzione religiosa. Si basa sulla convinzione che, poiché siamo tutti peccatori, per essere perdonati da Dio per i nostri peccati dobbiamo estendere il perdono agli altri, indipendentemente da quali crimini hanno commesso e quante vite hanno distrutto dall'odio. Persino quelli di noi senza fede religiosa o credenza nella teologia cristiana (il bisogno di emulare Gesù nelle nostre vite) tendono a pensare al perdono come l'unico antidoto all'odio corrosivo, permanente, che distrugge l'anima e al desiderio di vendetta, l'unico modo per alleviare questi terribili sentimenti.

Sta dicendo che non abbiamo nemmeno una parola per sano non-perdono. Esiste, nondimeno, sebbene sia raramente riportato e, temo, raramente sostenuto dai terapeuti, che hanno per lo più acquistato nel modello quasi religioso come l'unica strada da percorrere; Li chiamo "la lobby del perdono" e agiscono e parlano come veri credenti. Se non perdoni, dicono, sei condannato all'amarezza, alla disperazione e alla miseria per il resto della tua vita. Questo può essere un peso per coloro che hanno già sofferto, aggiungendo sensi di colpa per il loro dolore.

Non tutti conosciamo persone, persone che hanno una vita emotiva ricca, chi può amare e perdonare, chi non può o non sceglie di perdonare determinati atti o persone atroci? Non perdonerò mai Osama bin Laden, e il mio rifiuto di farlo non mi ha deformato; infatti, è parte integrante del mio senso della moralità. Non perdonare non ti condanna necessariamente ad una vita di sete di vendetta; ci sono molti modi per venire a patti senza dover amare i nostri nemici o concedere misericordia agli assassini. Non esiste una soluzione valida per tutti i crimini contro l'umanità.

Solutions Collecting From Web of "Dobbiamo perdonare?"