Dobbiamo parlare dei libri!

 Reading. Flickr, Creative Commons
Fonte: Jonathan: Reading. Flickr, Creative Commons

Questo mese ho pubblicato il mio primo romanzo, e sebbene abbia pubblicato libri di saggistica su pazienti con disturbi neuropsicologici, questo è un gioco di palla completamente nuovo. Ho appreso che la vera scrittura di un romanzo è la parte più facile di mettere un libro nelle mani dei lettori. Un anno fa avrei potuto scrivere quello che sapevo sul marketing e la promozione di libri sul retro di una busta, ma ora avrei bisogno di un tomo di 500 pagine! Mi ha fatto pensare a tutti i tipi di argomenti correlati da fare con il motivo per cui leggiamo (e scriviamo) alcuni libri e chi legge cosa (e chi potrebbe essere il mio pubblico), cosa dicono di noi i libri che leggiamo come individui e altre questioni così importanti del mattino e del mattino.

L'altro giorno ero ospite ospite su un sito di chat in chat in cui ho risposto a domande di 140 caratteri, scrivendo furiosamente a macchina – molto lontano dalla scrittura accademica, ma divertente. Quando mi è stato chiesto "Chi sono i tuoi autori preferiti?" Ho scritto una breve lista (dovevo inserirmi in un tweet). Ho molti autori preferiti quindi questi sono stati solo i primi a venire in mente: Sebastian Faulks, Chris Cleave, Lionel Shriver, Anna Quindlen, Sue Miller, Lisa Genova. Torna il tweet: "Riesco a vedere come si gravitano su argomenti pesanti. Fai qualche lettura "leggera"? Così ho twittato che leggo il thriller occasionale, come Gone Girl, ma in realtà stavo pensando, cosa si intende per "luce"? Gli orrori della guerra (Sebastian Faulks e Chris Cleave), le sparatorie di massa (Lionel Shriver di We Need to Talk About Kevin ) e vari disordini neuropsicologici (Lisa Genova) non sono sicuramente argomenti chiari, ma insieme al rapporto meno pesante e più i romanzi incentrati su Anna Quindlen e Sue Miller non sono "pesanti" da leggere. Sono, per me (e milioni di altri lettori) letture che girano la pagina e che provocano riflessioni che puoi portare in spiaggia, leggere a letto o persino su un aereo. (E naturalmente questi autori coprono molti argomenti nei loro libri, inclusa una sparatoria di massa in uno dei romanzi di Anna "Quindlen, Every Last One .)

Quindi non penso che l'argomento del libro sia un fattore particolarmente importante quando si tratta dei nostri libri preferiti. Quindi se non l'argomento, che cos'è? Siamo influenzati dai libri che abbiamo amato da bambini? La nostra età e gruppo sociale, le nostre esperienze di vita, la nostra etnia e cultura, il nostro livello di istruzione? Beh, sì, immagino che siano tutte queste cose, ma penso che ci sia anche qualcos'altro; ci piacciono i libri che ci aiutano a pensare in modo creativo alle domande che poniamo sulle nostre vite.

Quindi perché molti di noi amano le storie della prima guerra mondiale e della seconda guerra mondiale, siano realistiche e grintose come l'ultimo romanzo avvincente di Chris Cleave? Tutti Brave è perdonato o un romanzo 'più leggero' sulle spose di guerra? Nemmeno io sono nato quando quelle guerre hanno scosso il mondo, e anzi, per la maggior parte di voi che state leggendo, quelle guerre sono molto nella lunga storia passata. Sono le relazioni che amiamo e ciò che accade quando le persone vengono gettate in situazioni terribili. Quando la guerra è ambientata, le relazioni amorose diventano tese e pressate dal tempo e i valori custoditi in tempo di pace possono uscire dalla finestra quando ogni giorno potrebbe essere l'ultimo. Quelle domande morali che i personaggi devono porsi sono le stesse domande che ognuno si pone di fronte a se stesse in un dato momento, ma solo accentuate dalla crisi della guerra. I romanzi ambientati nel 2016 negli Stati Uniti o nel Regno Unito o in Australia o in Nuova Zelanda, fortunatamente non sono attualmente al centro di una zona di guerra, devono trovare altre impostazioni e situazioni che mettono la pressione sui personaggi, e in qualche modo queste altre impostazioni non sono mai così evocative e "romantico" come scenario di guerra. 'Romantico' è una strana parola da applicare a una storia d'amore ambientata in una guerra, ma senza dubbio è probabilmente la categoria più applicabile a molti romanzi ambientati in tempo di guerra (dai romanzi sulle spose di guerra ai romanzi "letterari" come Birdsong inquietante di Sebastian Faulks) e che le donne in particolare divorano. Eppure nessuno di noi vorrebbe davvero essere in quella situazione di guerra.

Quindi è possibile avere un romanzo "leggero" su un tema pesante, e in effetti un romanzo "pesante" su un argomento meno serio. La narrativa letteraria è spesso considerata importante dai lettori che preferiscono il romanticismo o un buon thriller, e ha poco a che fare con l'argomento o l'ambientazione, ma piuttosto riguarda il linguaggio e lo stile della scrittura, e quale stile troviamo piacere nella lettura. La mia ipotesi è che sia questo stile di scrittura piuttosto che l'argomento che decide la maggior parte di ciò che leggiamo, o influenza ciò che sentiamo di leggere in un particolare momento. Ci sono solo tanti libri ambientati nella guerra che possiamo leggere di fila, che siano romanzi o vincitori di un grande premio letterario. Quindi potremmo aver bisogno di una bella storia ambientata su una spiaggia, dove la crisi più grande del protagonista è se avere una storia con il fidanzato della sua migliore amica. Eppure eccola di nuovo, una crisi di relazioni con ogni sorta di deliziose decisioni morali da prendere e rimpiangere. Questo potrebbe essere un argomento importante per molti lettori.

Grazie a Dio abbiamo tanta scelta in quello che leggiamo. Ciò che importa è che stiamo leggendo e lasciando librare la nostra immaginazione. Questo accende tutti i tipi di sistemi complessi nel nostro cervello, ci rende felici (o tristi), aumenta la nostra capacità di entrare in empatia con altre persone diverse da noi o con diversi punti di vista e ci permette di sperimentare mondi, sia realistici che puri. altrimenti non potremmo sperimentare. Ci dà anche un modo di provare le situazioni e il modo in cui noi (e i personaggi) pensiamo e potremmo rispondere quando le cose vanno male – e la conseguenza è che ora saremo meglio preparati se una situazione simile dovesse mai emergere nel nostro vite. (Vedi anche la mia psicologiaToday post su Bibliotherapy)

Così ogni tanto spegni il computer e la TV e accendi il tuo e-reader, o ancora meglio raccogli e annusi quel vero libro fatto di carta, e perditi in esso. E se ami quel libro, dillo ai tuoi amici e recensiscilo online. Immagina un mondo in cui gli scrittori non potessero più permettersi di scrivere libri per amare – o non amare così tanto – personaggi a cui versare un po 'di lacrime, per farci ridere così tanto che versiamo più lacrime, per discutere e discutere e imparare da e questo si attarda nel nostro mondo interiore molto tempo dopo aver girato l'ultima pagina.

Dai un'occhiata a questa intervista per scrivere romanzi e vivere fuori dalla griglia!

Seguimi su Goodreads

Per favore iscriviti alla mia e-newsletter mensile!

Visita il mio sito web dell'autore

Come la mia pagina Facebook dell'autore

Connetti su LinkedIn

Seguimi su Twitter

Solutions Collecting From Web of "Dobbiamo parlare dei libri!"