Diventare Arte al MoMA

Più forte di qualsiasi pillola, l'arte ha il potere di tramutare il dolore personale in maestria nel passato.

Questa idea divenne molto chiara quando entrai in un'enorme piazza isolata nell'atrio del secondo piano del Museum of Modern Art per unirmi all'artista della performance Marina Abramović. Insieme, siamo diventati un'opera d'arte unica e vivente.

Forse la forma ultima di interagire con l'arte, la partecipazione attiva è la pratica di diventare arte stessa, che può portare a intuizioni personali, pratica meditativa o maggiore creatività e, poiché riguarda il pezzo di performance in corso al MoMA, trionfa sul trauma.

Il pezzo originale di "The Artist is Present", la retrospettiva del lavoro di Abramović che abbraccia decenni, coinvolge l'artista seduto su una sedia dal momento in cui il museo si apre al mattino per istallare alla chiusura per i quasi tre mesi della mostra. Con indosso un lungo vestito blu che le oscura le gambe ei piedi, Marina si siede solennemente, le mani ai lati, immobile tranne la testa quando "si risetta" quando una persona lascia e un'altra occupa la sedia di fronte a lei e un tavolo vuoto.

Uno alla volta, i partecipanti si siedono sulla sedia di fronte all'artista e le loro due facce (menti, io) si studiano a vicenda con un'intensità raramente raggiunta nella vita di tutti i giorni. Il perimetro bianco di un'enorme arena quadrata delimita lo spazio ordinario dal regno speciale. E il partecipante rimane lì, in comunione non comunicata con l'artista, per tutto il tempo che desidera o la sua capacità di silenzio.

Un uomo baffuto, che le voci infondate erano ancorate a un impiegato del museo, trascorse quasi un'ora davanti all'artista. Ma a me sembrò che, a differenza di quello che ho sentito per caso un osservatore dall'aspetto cockney, liquidare come "una gara fissata esagerata", l'arte consisteva principalmente di attenzione diretta verso l'interno, non verso l'esterno.

Questo ha senso quando si considera cosa vuol dire guardare qualcuno per un lungo periodo di tempo. O come si fa a fare qualcosa di stabile nel tempo, come la dronazione della guida in autostrada, la doccia cadenzata o il lavoro ripetitivo della catena di montaggio. Si entra in uno stato quasi ipnotico, in cui l'attenzione diventa diretta verso pensieri e ricordi, idee e sensazioni nostalgiche, concentrandosi meno sul compito monotono a portata di mano.

Nel lavoro al MoMA, l'implicita meditazione interiore / esteriore diventa un'opportunità, e il contesto dell'azione come arte sottolinea il suo potenziale di trasformazione creativa. Questo non è semplicemente uno yogi e un apprendista nella contemplazione reciproca di clausura all'interno di un tempio alpino. Invece, è autocoscientemente nuovo, una creazione multidimensionale: articolazione dinamica dello spazio; corpi vivi che occupano una "stanza" scarsamente arredata con mobili disadorni; un incontro casuale di artisti e auto-selezionati altri davanti a un pubblico di visitatori del museo, essi stessi partecipanti inconsapevoli liberi di commentare, allungare, sbadigliare, deridere, ignorare o connettersi con lo spettacolo davanti a loro.

L'esperienza di sedersi con Marina e dei suoi benefici psicologici associati variava da persona a persona. Ho eseguito un debriefing casuale e non richiesto dei partecipanti per scoprire perché molti hanno sorriso quando si sono alzati dalla sedia e sono tornati alle loro vite ordinarie oltre la linea bianca. Una donna mi ha parlato della sua aspettativa che "tu entri in questo pensiero che ti fornirà le risposte, come se fosse un grande guru. Ma non sono sicuro di come mi sento ancora. Sembrava utile, ma non sono sicuro di come esattamente. "

Un altro partecipante ha riferito una simpatia meno ambigua e più emotivamente evocativa con l'artista:

"Sentivo di poter comunicare con l'artista nel dolore condiviso. Potevo vedere sul suo volto l'angoscia di migliaia di generazioni e la misteriosa calma che deriva dall'innalzarsi per poter vivere . Mi sono unito all'artista in disparte perché c'era una considerevole minaccia nel raggiungere il capo della linea in tempo.

Quasi quattro ore di attesa hanno cominciato ad apparire insufficienti a causa di alcuni "maiali del tempo" davanti a me. Ero particolarmente determinato a tirar fuori qualcosa anche se non ero riuscito a sedermi con lei, così ho focalizzato lo sguardo sul volto di [Abramović] e la mia vista si è affievolita come un teleobiettivo. Ho studiato le pieghe e la calma e sono scomparso nel nostro sguardo reciproco, anche ad angolo obliquo ".

Qui la partecipazione suscita una più profonda comprensione del sé interiore, ciò che ho imparato a comprendere come il processo di guarigione dell'arte. L'art seeker diventa inestricabile dall'arte. Si verifica una fusione. Abramović come arte vivente presta la propria sofferenza autoimposta a un partecipante in modo che possa verificarsi una riparazione profondamente personale, anche transgenerazionale. Questo potrebbe non essere ciò che l'artista aveva in mente, ma non importa. Ciò che conta da una prospettiva di guarigione dell'arte è che il lavoro offre una maggiore intuizione psicologica per uno spettatore attento interiore.

Per prima cosa, l'intuizione prese forma come la sua intuizione intuitiva, l'approfondimento e l'ampliamento in quei momenti di fusione, un'austera fusione mentale che riflette ciò che non poteva altrimenti vedere in se stesso: una genuina capacità di resistenza instancabile e realizzazione illimitata.

Ciò che divenne chiaro in modo naturale intuitivamente e senza parole, era come il raggiungimento di una padronanza generale sul dolore, sul sé, sulla mente e sul corpo, sugli altri, e sul momento presente – modella il futuro permettendo alle ferite del passato di allontanarsi in lontananza, il loro potere diminuì a piagnucolii impercettibili, gonfi e inefficaci come le mani di Abramović dopo un giorno intero di arte.

L'arte, specialmente quella che ci sfida, ha un potenziale prezioso come forza di guarigione. Per il massimo beneficio, dobbiamo aprirci per abbracciare pienamente l'esperienza che offre.

Per andare avanti dobbiamo partecipare.

Per gli aggiornamenti sul prossimo libro Art Healing: Visual Art per Emotional Insight and Well-Being , visitare: www.thearthealing.com

Solutions Collecting From Web of "Diventare Arte al MoMA"