Diventa un attore di alto livello (non un maniaco del lavoro) nel 2015

Jullien Gordon è un oratore riconosciuto a livello nazionale e socio fondatore di New Higher . È anche, per sua stessa ammissione, un maniaco del lavoro in ripresa. In un recente post su LinkedIn, ha condiviso con i suoi lettori una profonda intuizione: il workaholism e le alte prestazioni sembrano molto simili all'osservatore esterno. Ma in realtà non hanno niente in comune.

Gordon arrivò a questa conclusione mentre ricercava i fattori che correlano con le alte prestazioni e conducendo esperimenti su se stesso. La sua conclusione: "La grande differenza non è quante ore sono registrate, ma come l'individuo si sente dentro di chi sono in relazione al proprio lavoro".

Se questo suona un po '"caldo e confuso", state certi che le sue osservazioni sono solide e, come dimostrerò, supportate da una buona scienza. Anche se elenca diverse distinzioni, ho trovato tre più convincenti.

1. Gli high performer sono proattivi nella creazione del proprio valore. I maniaci del lavoro sono reattivi, quindi consentono agli altri di determinare il loro valore.

I performer di livello superiore creano i propri loop di feedback sul posto di lavoro piuttosto che attendere il feedback degli altri. Prima di candidarsi o di sostenere un colloquio, i top performer studiano la missione aziendale, il personale chiave e la descrizione del lavoro. Da lì, sviluppano una dichiarazione persuasiva che descrive come assumerli porterà valore all'azienda. Mentre lavorano, tengono traccia di come il loro lavoro ha avvantaggiato la loro squadra, il loro dipartimento e la compagnia e troveranno il modo di portarlo all'attenzione dei superiori. Cercheranno inoltre feedback dai superiori sulle loro prestazioni piuttosto che attendere i rapporti trimestrali o annuali (non così spesso da apparire insicuri o bisognosi).

I maniaci del lavoro, d'altra parte, dipendono interamente dagli altri per scegliere se e quando far sapere loro come stanno facendo. Si tengono cronicamente occupati, senza mai alzare lo sguardo per chiedere dove il loro lavoro si inserisce nel quadro più ampio. Il loro obiettivo è lavorare sodo, lavorare velocemente e (spesso) fare in modo che rimangano davanti agli altri. Non è insolito per un maniaco del lavoro bruciare solo cercando di stare davanti agli altri. Spesso non hanno una chiara idea di come il suo lavoro si inserisca nella produttività complessiva della loro sezione di lavoro.

2. Gli high performer danno il 100% al momento giusto. I maniaci del lavoro danno il 110% tutto il tempo.

Gordon sottolinea che gli high performer "sanno che, come l'economia, gli affari vanno d'accordo. Pertanto, si preparano durante i tuffi in modo da poter capitalizzare durante i saliscendi. "Quando c'è una pausa, passano il tempo a strategizzare in modo che possano colpire la terra correndo con un piano praticabile che raggiunga risultati. Questo li rende orientati ai risultati.

I maniaci del lavoro, d'altro canto, riempiono ogni spazio nel tempo con un lavoro impegnato perché si sentono insicuri senza fare nulla ", spiega Gordon, " L'insicurezza deriva dal non sapere il loro valore. " Il loro obiettivo n. 1 è essere-o apparire- occupato in ogni momento.

3. Gli high performer prendono l'iniziativa ogni giorno lavorativo. I maniaci del lavoro sono reattivi a qualunque sia la giornata di lavoro li getta.

Secondo Gordon, gli high performer pianificano la giornata in anticipo, dando la massima priorità al lavoro più importante da fare. Solo quando il lavoro è finito spostano l'attenzione su eventi non pianificati.

Al contrario, dice Gordon, "il giorno di un maniaco del lavoro è guidato interamente da distrazioni esterne come leggere le e-mail." Poiché l'obiettivo costante di un maniaco del lavoro è di essere occupato e di sembrare occupato, non importa molto quale compito è intrapreso, finché lo sforzo viene applicato a qualche compito o altro.

4. Gli high performer si mettono al primo posto.

Gli artisti ad alto rendimento si rendono conto che solo loro sono responsabili di ciò che realizzano e che il loro valore per il posto di lavoro sarà valutato in base alle loro realizzazioni. Per questo motivo, si assicurano di dare la massima priorità ai propri compiti e obiettivi. Poiché il loro output di lavoro è necessario per raggiungere gli obiettivi del posto di lavoro, tutti traggono beneficio dal loro lavoro stellare.

I maniaci del lavoro tendono a mettere gli altri al primo posto, il che porta al burnout. Assumono il lavoro degli altri e fanno di loro la massima priorità. Il loro stesso lavoro ne risente. Possono registrare lunghe ore per soddisfare le richieste di ottenere il lavoro degli altri insieme al loro. Poiché giudicano il loro valore in termini di "busyness", non si rendono conto di aver ridotto a loro volta il tempo e gli sforzi di cui hanno bisogno per svolgere un buon lavoro sul proprio lavoro e di darsi i tempi di inattività necessari.

La prova empirica

Uno studio pubblicato nel numero di aprile 2013 della rivista professionale Management Science conferisce credibilità alle osservazioni di Gordon. Lo studio è stato condotto dal Dr. Anat Bracha, ricercatore presso la Federal Reserve Bank di Boston. Un gruppo di partecipanti ha risolto le sequenze (compito "sequenza") trovando un numero mancante in una sequenza di quattro numeri. Questo compito richiede uno sforzo cognitivo e un pensiero astratto. Un secondo gruppo classificò un numero casuale in una categoria "dispari" o "pari" ("compito di archiviazione"). Questo compito richiede un piccolo pensiero astratto, solo uno sforzo manuale. I partecipanti sono stati pagati sia per le loro prestazioni (quanti ne hanno ottenuto nel tempo assegnato al lavoro) o hanno partecipato a un torneo in cui il vincitore ha ottenuto di più. In media, i partecipanti potevano aspettarsi di guadagnare circa $ 35 se sceglievano l'opzione di pagamento per prestazioni. Nella condizione di torneo rischioso, il premio era di $ 60 e il perdente aveva $ 10, quindi, in media, le vincite attese erano $ 35, le stesse delle condizioni di paga-per-prestazioni.

Le prestazioni nelle condizioni di deposito erano praticamente le stesse nelle condizioni di pay-per-performance e di torneo. Ma nella condizione di attività sequenza sequenza più cognitiva, i risultati sono stati sorprendenti: sotto le condizioni competitive, le prestazioni sono diminuite del 7,5% nel complesso. Quando la performance è stata esaminata durante il periodo di lavoro, il calo è stato ancora più drammatico: all'inizio la performance si è attestata attorno al 75%, ma alla fine del torneo era scesa al 57% (e questo era particolarmente vero per le donne).

Gli autori hanno concluso che forti incentivi competitivi inducono gli agenti a lavorare di più, ma non necessariamente in modo più intelligente, portando a una performance peggiore nel complesso.

Migliora le prestazioni cambiando idea

Il dott. Shawn Achor, psicologo, educatore, autore e oratore formato da Harvard, noto per la sua difesa della psicologia positiva, sottolinea l'ennesimo problema con il maniaco del lavoro: non arrivare mai dove si vuole arrivare.

I maniaci del lavoro tendono ad avere queste regole nelle loro teste:

Se lavoro di più, ci riuscirò.

Se avrò successo, allora sarò felice.

Ma quando raggiungono un obiettivo, non si permettono di sentire la soddisfazione che deriva dal successo. Al contrario, aumentano la barra: se raggiungono la loro quota di vendita, la aumentano per la volta successiva. Se fanno un buon lavoro, stanno già impostando i loro siti su una promozione. Di conseguenza, lo sfuggente stato di felicità viene spinto oltre l'orizzonte cognitivo, per non essere mai raggiunto. Per dirla in altro modo: i loro cervelli non riescono mai a sperimentare come ci si sente ad essere un vincitore.

Secondo i sostenitori della psicologia positiva come il dott. Achor, trovare il positivo nei risultati attuali migliora la probabilità di successo futuro. La ragione di questo è che quando ti lasci sentire un vincitore, il tuo cervello è inondato di dopamina. Più dopamina si traduce in umore migliore – ci si sente più felici – e in migliori prestazioni future perché la dopamina attiva i centri di apprendimento del cervello. Indica studi che dimostrano che il fatto di sentirsi positivi riguardo ai risultati ottenuti produce un 31% di produttività lavorativa, un aumento del 37% delle prestazioni di vendita e un miglioramento del 19% delle prestazioni diagnostiche tra i medici.

Ora ecco la parte "fuzzy": come si mette il cervello in uno stato positivo? Incorporando compiti molto semplici nella tua giornata lavorativa. Richiedere alle persone di scrivere tre nuove cose ogni giorno per le quali sono stati grati per 21 giorni consecutivi ha prodotto cambiamenti nella funzione cerebrale che li hanno spinti a spostare la loro attenzione verso aspetti positivi delle scene del mondo. L'inserimento nel journal di una sola cosa positiva ogni giorno consente al cervello di rivivere l'esperienza, dandogli una doppia spinta di dopamina e causando cambiamenti permanenti nella funzione cerebrale

Per ulteriori informazioni sulla psicologia positiva del Dr. Achor, ti consiglio di guardare il suo breve discorso TEDx che è tanto divertente quanto informativo. Shawn Achor TED talk

Ecco un 2015 fruttuoso e produttivo!

Copyright Dr. Denise Cummins, 11 gennaio 2015

Il dott. Cummins è uno psicologo ricercatore, un membro dell'Associazione per la scienza psicologica e l'autore del buon pensiero: sette idee potenti che influenzano il modo in cui pensiamo.

Maggiori informazioni su di me possono essere trovate sulla mia homepage.

I miei libri possono essere trovati qui.

Seguimi su Twitter.

E su Google + .

E su LinkedIn.

SaveSave

SaveSave

Solutions Collecting From Web of "Diventa un attore di alto livello (non un maniaco del lavoro) nel 2015"