Diventa l'amministratore delegato del tuo cervello in sei semplici passaggi

Per godere di buona salute, per portare la vera felicità alla propria famiglia, per portare pace a tutti, bisogna prima disciplinare e controllare la propria mente.

Budda

Potresti aver provato a controllare i tuoi pensieri in un momento o nell'altro. Con l'aiuto di libri di auto-aiuto, forse hai davvero provato a "essere positivo" e "Mostra la negatività alla porta". E potrebbe anche aver funzionato per un po '. Ma prima o poi, probabilmente ti ritrovi al punto di partenza. Sono qui per dirti che c'è un altro modo. Ed è quello di diventare il CEO della tua stessa mente – abilmente orientandolo a vivere in armonia con gli altri attori di sé – corpo e spirito.

Se segui i sei passaggi seguenti, sarai il maestro di TE in pochissimo tempo.

FASE 1: ASCOLTA E RICONOSCERE

Come tutti i bravi leader, dovrai ascoltare il tuo dipendente scontento e riconoscere che stai prendendo sul serio il suo messaggio. Le menti, come le persone, possono rilassarsi e lasciarsi andare quando si sentono ascoltati e capiti. Pratica gratitudine e ringrazia la tua mente per il suo contributo. "Grazie, per favore, per ricordarmi che se non riesco a fare più vendite, potrei essere licenziato." "Grazie per avermi detto che potrei essere sempre solo e non trovare mai l'amore e avere una famiglia." " Queste sono aree importanti della vita, e ho bisogno di prestare attenzione a loro, e faccio del mio meglio per approfittare di ogni opportunità che si presenta. Ho anche bisogno di imparare dalle esperienze passate, quindi non continuo a commettere gli stessi errori ".

PASSO 2: FARE LA PACE CON LA TUA MENTE

Potrebbe non piacerti ciò che fa la tua mente o il modo in cui si comporta da sola. In realtà, tutta quella negatività può essere addirittura irritante a volte. Ma il fatto è che tu sei bloccato con esso e non puoi (o non vorrai) semplicemente lobotomizzare via. Nel libro The Happiness Trap, il Dr Russ Harris usa l'esempio degli israeliani e dei palestinesi per illustrare la tua relazione con i pensieri negativi della tua mente. Questi due vecchi nemici potrebbero non apprezzarsi reciprocamente, ma sono bloccati l'uno con l'altro. Se si dichiarano guerra l'uno contro l'altro, l'altro lato si vendica e più persone vengono ferite e gli edifici distrutti. Ora hanno molto meno energia per concentrarsi sulla costruzione della salute e della felicità delle loro società. Proprio come vivere in pace permetterebbe a queste nazioni di costruire società più sane e più prospere, facendo così pace con la tua mente – accettando che pensieri e sentimenti negativi ci saranno – che non puoi controllarli, che ti permettono di concentrarti sulle tue azioni nel momento presente, in modo che tu possa andare avanti con i tuoi obiettivi più importanti senza essere deluso. Non devi necessariamente amare i pensieri o essere d'accordo con loro – devi solo lasciarli essere lì sullo sfondo della tua mente, mentre vai fuori e fai le cose.

PASSO 3: REALIZZARE I TUOI PENSIERI SOLO PENSIERI

Il più delle volte non "vediamo" le nostre menti. Si sentono parte di noi! Il dott. Steve Hayes, fondatore di Acceptance and Commitment Therapy, usa il concetto di essere "Fused with your thoughts" per illustrare questa relazione. Essere fusi significa essere incollati insieme, indifferenziati. Ti senti come se i tuoi pensieri e sentimenti fossero TU e quindi li accetti incondizionatamente come la verità senza veramente guardarli. "Sto pensando che sono un fallimento e noioso – devo essere un fallimento e noioso. Bene. Non è carino? Ora mi sento davvero meraviglioso. "Questo tipo di logica semplicistica sembra prevalere perché non possiamo vedere le nostre menti, quindi abbiamo difficoltà a uscire da noi stessi e ad ottenere una prospettiva obiettiva dell'osservatore.

In realtà, i nostri pensieri stanno passando, eventi mentali, influenzati dai nostri stati d'animo, stati di fame o stanchezza, salute fisica, ormoni, sesso, il tempo, ciò che abbiamo visto in TV ieri sera, quello che abbiamo mangiato per cena, quello che abbiamo imparato come bambini, e così via. Sono come abitudini mentali. E, come ogni abitudine, possono essere sani o malsani, ma hanno bisogno di tempo per cambiare. Proprio come un pantofolaio non può alzarsi e correre una maratona subito, non possiamo spegnere magicamente i nostri cicli di pensieri / sentimenti negativi rotanti senza ripetute prove e sforzi considerevoli. E anche allora, la nostra iperattiva amygdalas ci manderà ancora le cose negative a volte.

PASSO 4: RISPARMIA LA TUA MENTE

Il detto "Conosci il tuo nemico" è anche applicabile al nostro rapporto con le nostre menti. Proprio come un buon leader passa il suo tempo camminando per gli uffici, conoscendo i dipendenti, quindi dobbiamo dedicare del tempo per capire come le nostre menti lavorano giorno per giorno. Chiamalo consapevolezza, meditazione o tempo tranquillo. Il tempo trascorso ad osservare la tua mente è importante quanto il tempo trascorso a fare esercizio fisico. Quando cerchi di focalizzare la tua mente sul ritmo interno ed esterno del tuo respiro, o sugli alberi e sui fiori quando cammini nella natura, cosa fa la tua mente? Se è come il mio, vaga dappertutto – per lo più sollevando vecchie preoccupazioni o problemi irrisolti dalla giornata. E, se lasciato senza controllo, può portarti fuori dalla tranquillità del momento presente, e in una spirale di preoccupazione, paura e giudizio.

La consapevolezza implica non solo notare dove va la tua mente quando vaga, ma anche riportarla delicatamente al centro del respiro, mangiare, camminare, amare o lavorare. Quando lo fai ripetutamente per mesi o anni, inizi a riqualificare la tua amigdala in fuga. Come un buon amministratore delegato, inizi a sapere quando la tua mente è controllata o ruota le ruote, e puoi guidarla dolcemente per tornare con il programma. Quando cerca di decollare da solo, puoi ricordarlo gentilmente che è una parte interdipendente ed essenziale dell'intera impresa di TE.

FASE 5: RITIRO LA TUA MENTE PER RINFORARE IL TUO CERVELLO

C'è un vecchio e piuttosto saggio detto: "Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente". A questo aggiungo "diventiamo ciò che pensiamo ripetutamente". Per lunghi periodi, i nostri modelli di pensiero si incidono nei miliardi di neuroni del nostro cervelli, collegandoli insieme in schemi unici e trincerati. Quando alcuni percorsi cerebrali – connessioni tra diversi componenti o idee – vengono ripetuti frequentemente, i neuroni iniziano a "sparare" o trasmettere informazioni insieme in una sequenza rapida e interconnessa. Quando inizia il primo pensiero, viene attivata l'intera sequenza.

Il pilota automatico è ottimo per guidare una macchina, ma non così grande per il funzionamento emotivo. Ad esempio, potresti avere paure profonde di avvicinarti alle persone perché sei stato maltrattato da bambino. Per imparare ad amare, devi diventare consapevole di tutta la sequenza negativa e di come sta influenzando le tue percezioni, etichettare queste reazioni come appartenenti al passato e concentrare la tua mente sull'esperienza del presente. Nel corso del tempo, è possibile iniziare a modificare il cablaggio del cervello in modo che la corteccia prefrontale (il centro esecutivo, responsabile della definizione degli obiettivi, pianificandoli e eseguendoli), sia più in grado di influenzare e interrompere l'amigdala a rapida attivazione e basata sulla paura ( centro di controllo delle emozioni). E questo è esattamente ciò che hanno dimostrato gli studi di imaging cerebrale sugli effetti della terapia di consapevolezza.

FASE 6: PRATICA AUTO-COMPASSIONE

La pioniera della ricerca sull'Auto-Compassione, la dott.ssa Kristin Neff, ha descritto questo concetto come "Un modo più sano di relazionarsi con se stessi". Ed è esattamente quello che è. Mentre non possiamo facilmente cambiare i sentimenti e le reazioni a livello di pancia che producono le nostre menti e i nostri corpi, possiamo cambiare il modo in cui rispondiamo a questi sentimenti. Alla maggior parte di noi è stato insegnato che i sentimenti vulnerabili, sono segni di debolezza – per essere nascosti agli altri a tutti i costi. Oppure "Lasciate riposare i cani che dormono". Questi frammenti della filosofia del buon senso erano completamente sbagliati! Autori, come la dottoressa Brene Brown, ci forniscono un argomento convincente e basato sulla ricerca che esprimere la propria vulnerabilità può essere una fonte di forza e sicurezza, se gestita correttamente.

Quando giudichiamo i nostri sentimenti, perdiamo il contatto con i benefici di quei sentimenti. Sono preziose fonti di informazione sulle nostre reazioni agli eventi nella nostra vita e possono dirci ciò che è più significativo e importante per noi. Le emozioni sono segnali che ci dicono di raggiungere il massimo comfort o di prenderci il tempo per riposare e rigenerarci. Piuttosto che criticare noi stessi, possiamo imparare nuovi modi di sostenerci nella nostra sofferenza. Possiamo cercare deliberatamente esperienze interiori ed esteriori che ci portano gioia o conforto – ricordi di tempi felici con persone che amiamo, bellezza della natura, autoespressione creativa. Connettersi con queste risorse può aiutarci a navigare i sentimenti difficili rimanendo radicati nel presente.

SOMMARIO

Per essere un CEO di successo della tua mente, devi ascoltare, conoscere il tuo dipendente, riconoscere il suo contributo, rendersi conto della sua natura, fare pace con esso, attuare un programma di riqualificazione o di sviluppo dei dipendenti e trattarlo gentilmente. Ti ripagherà con una vita di lealtà e servizio ai valori e agli obiettivi che più ti stanno a cuore.

Leggi di più su come il tuo cervello elabora le emozioni nel mio post precedente:

http://www.psychologytoday.com/blog/the-mindful-self-express/201303/why-we-cant-just-get-rid-anxiety-distress

Circa l'autore

Melanie Greenberg, Ph.D. è uno psicologo clinico ed esperto di consapevolezza, gestione dell'ansia e depressione, stress e traumi e salute del corpo-mente. Il dott. Greenberg offre workshop e impegni linguistici per organizzazioni e organizzazioni non profit, coaching di carriera e perdita di peso e psicoterapia per individui e coppie

Vuoi essere avvisato via e-mail quando Dr Greenberg pubblica un nuovo articolo su The Mindful Self-Express?

Iscriviti al link sottostante

http://eepurl.com/EWWUv

Visita il sito web del Dr Greenberg http://www.drmelaniegreenberg.biz

Seguila su twitter @drmelanieg

Come lei su Facebook www.fb.com/mindfulselfexpress

Leggi il suo blog di psicologia oggi e blog personale

http://www.psychologytoday.com/blog/the-mindful-self-express

http://marinpsychologist.blogspot.com

Solutions Collecting From Web of "Diventa l'amministratore delegato del tuo cervello in sei semplici passaggi"