Disturbo esplosivo intermittente: No, questo NON è tutto su Mel "Mad Max" Gibson!

Gli aggressori domestici e altri criminali violenti (e le loro vittime) soffrono di qualche tipo di disturbo della rabbia? Questo post non parla del talentuoso attore cinematografico e regista dotato Mel Gibson, dei presunti nastri telefonici e di accuse luride (ancora non provate) contro di lui dall'ex fidanzata e madre della figlia di otto mesi Oksana Grigorieva. Né si tratta della curiosa connessione tra creatività e male. (Vedi il mio post precedente su Roman Polanski.) Si tratta davvero della nostra epidemia di furia in fuga (un argomento sul quale sto scrivendo da trent'anni) e che cosa possiamo fare per gestire questa minacciosa crisi di salute mentale.

I disordini di rabbia sono diffusi in America, e lentamente si diffondono in altri paesi. (Vedi, ad esempio, il mio post precedente su eventi violenti in Cina). Rabbia o rabbia patologica possono manifestarsi in molti modi, tra cui risentimento cronico, amarezza, ostilità, odio, attacchi di rabbia, frequenti abusi verbali e fisici. A volte anche omicidio. La maggior parte della violenza domestica è, a mio avviso, collegata a un disturbo di rabbia di fondo, spesso esacerbato e disinibito da droghe e / o alcool. Uno di questi disturbi classici della rabbia è noto come Disturbo Esplosivo Intermittente e definito dall'American Psychiatric Association come "diversi episodi discreti di incapacità di resistere a impulsi aggressivi che si traducono in gravi azioni di assalto o distruzione di proprietà". Tali esplosioni di rabbia e violenza, più comuni ma non esclusivamente nei maschi, sono "grossolanamente sproporzionate rispetto a qualsiasi fattore scatenante di stress psicosociale" e tendono a comportare conseguenze negative non solo per gli sfortunati bersagli di questi violenti assalti, ma anche per il perpetratore facilmente infuriato. Secondo uno studio del sociologo Ronald Kessler alla Harvard Medical School, questo particolare disturbo della rabbia è in aumento e potrebbe essere presente in più di quindici milioni di americani. E questa è solo la punta proverbiale dell'iceberg. Noi americani siamo nel bel mezzo di un'epidemia di rabbia che rappresenta una minaccia per la salute pubblica molto reale e pericolosa.

La persona che soffre di IED, tecnicamente classificata come un disturbo del controllo degli impulsi, può descrivere queste rabbia ripetute come "attacchi", "incantesimi" o "attacchi" che, proprio come gli orgasmi sessuali, si accumulano in un intollerabile crescendo di tensione ed eccitazione , raggiungere un punto di non ritorno, e sono, in un primo momento, seguito da un piacevole rilassamento e sollievo. Ma dopo il fatto, il violento perpetratore può (sebbene non sempre, che possa indicare la possibile presenza di narcisismo psicopatico) sentirsi in colpa o vergognarsi del loro cattivo comportamento o cattiva azione. Tuttavia, anche tra questi episodi distruttivi e pericolosi, tali individui manifestano segni più sottili di un disturbo della rabbia: scarso controllo degli impulsi, iperaggressività, irritabilità, ostilità, amarezza e rabbia a malapena controllata espressa in modi un po 'meno violenti, come urlare, sbraitare, intimidire, minacciando, lanciando oggetti, sbattendo porte o perforando muri.

Secondo il DSM-IV-TR, i pazienti che esibiscono "tratti narcisistici, ossessivi, paranoidi o schizoidi possono essere particolarmente inclini ad avere esplosioni esplosive di rabbia quando sono sotto stress." Direi che questo è altrettanto vero per quelli con forme più gravi di Disturbi della personalità antisociale o borderline. E, come chiarisce l'attuale manuale diagnostico, "Il comportamento aggressivo può, naturalmente, verificarsi quando non è presente alcun disturbo mentale. Il comportamento intenzionale si distingue dal Disturbo Esplosivo Intermittente per la presenza di motivazione e guadagno nell'atto aggressivo. Nelle impostazioni forensi, gli individui possono malinger . . . per evitare la responsabilità per il loro comportamento. Anche la rabbia come reazione normale a specifici eventi della vita o situazioni ambientali deve essere distinta dalla rabbia che può verificarsi come parte di un episodio aggressivo nel Disturbo Esplosivo Intermittente. . . con poca o nessuna provocazione. "(pp. 666-667)

Cos'è un disturbo della rabbia? Cosa lo causa? I disordini di rabbia descrivono modelli patologicamente aggressivi, violenti o autodistruttivi che, a mio avviso, sono sintomatici e guidati da una rabbia o una rabbia sottostante e cronicamente repressa. I disordini di rabbia derivano principalmente dalla cattiva gestione a lungo termine della rabbia, un processo in cui la rabbia normale, esistenziale si trasforma insidiosamente nel tempo in risentimento, amarezza, odio e rabbia scatenata dai capelli. I disturbi di rabbia possono anche essere causati o esacerbati da psicosi, alterazioni neurologiche e abuso di sostanze, che possono compromettere la capacità di resistere a impulsi aggressivi, arrabbiati o violenti. Oggi molti pazienti che soffrono principalmente di un disturbo di rabbia di base vengono diagnosticati, a mio avviso, in modo inappropriato con Disturbo Bipolare, che viene erroneamente considerato dalla maggior parte (non tutti) psichiatri e psicologi come uno squilibrio biochimico basato sul genetico meglio trattato con farmaci piuttosto che con psicoterapia .

Ma, per la maggior parte, i disordini di rabbia non possono essere incolpati di neurologia difettosa, geni difettosi o cattiva biochimica. Nascono dall'incapacità di riconoscere, riconoscere pienamente e affrontare consapevolmente la rabbia mentre si manifesta, prima che diventi patologica e doppiamente pericolosa. Tipicamente, i disordini di rabbia sono profondamente radicati nella frustrazione infantile, nell'abbandono, nell'abbandono o nell'abuso fisico ed emotivo. Per quanto riguarda la rabbia, soffriamo nella nostra cultura di un atteggiamento simile a quello che i vittoriani hanno preso nei confronti della sessualità ai tempi di Sigmund Freud. Ci viene insegnato collettivamente che la rabbia è qualcosa di negativo, improprio, pericoloso, non spirituale, inutile, egoista, intenzionale, vile e malvagio. E quindi, vergognoso. Per molti, la rabbia è strettamente associata a paura, ansia, senso di colpa e vergogna. È per questo che tendiamo a reprimerlo o sopprimerlo a partire dall'infanzia. E questo atteggiamento negativo nei confronti della rabbia e della conseguente repressione cronica è, paradossalmente, la fonte della maggior parte dei problemi di rabbia nei bambini e negli adulti.

La frustrazione, il risentimento e la rabbia sono spesso generati da ciò che il Buddha chiama desiderio o attaccamento , che è l'aspettativa che la vita si risolverà come desideriamo. La Rational Emotive Behavior Therapy (REBT) del Dr. Albert Ellis riconobbe allo stesso modo la natura frustrante delle cognizioni irrazionali come "la vita dovrebbe essere giusta". E la rabbia può essere ed è spesso usata da alcuni (non diversamente da una droga) per coprire sentimenti dolorosi, paura, ansia, vulnerabilità e vergogna. Il popolare consulente per il recupero, John Bradshaw, si riferisce a tali individui bellicosi come "rageaholics". La miglior difesa è un buon attacco. Certamente, molta rabbia e risentimento deriva anche da una matrice sottostante di narcisismo nevrotico e un senso grandioso di diritto negli adolescenti e negli adulti. Il Disturbo Narcisistico di Personalità, è definito dal DSM-IV-TR come "un modello pervasivo di grandiosità (in fantasia o comportamento), bisogno di ammirazione e mancanza di empatia" e include comunemente un senso di diritto, sfruttamento interpersonale e preoccupazione per fantasie di potere illimitato, fama, brillantezza, successo, bellezza o amore ideale. Per il narcisista, è tutto su di me, i miei bisogni, ciò che voglio, la mia gratificazione dell'ego. Tale narcisismo patologico e può essere visto come una pervasiva difesa caratterologica che compensa sentimenti profondi di inferiorità, impotenza, tristezza e invidiabilità derivanti da alcuni fondamentali bisogni infantili e infantili che non sono mai stati adeguatamente soddisfatti. Quando questa persona eccessivamente gonfiata viene inevitabilmente sgonfiata da eventi stressanti della vita come divorzio, rifiuto, abbandono, fallimento, invecchiamento e perdita, si innesca la rabbia narcisistica, insieme ad altre emozioni sepolte da molto tempo. Il desiderio ardente di vendetta, rappresaglia e il bisogno compulsivo di ripagare vendicativamente la ferita, la leggera o l'insulto, a prescindere da quello che serve o costa, è la caratteristica centrale della rabbia narcisistica. Queste reazioni emotive infuocate e spesso opprimenti possono a volte diventare così intense da scatenare un episodio depressivo, maniacale o persino psicotico ("follia") determinante, che causa un disabilità temporanea clinicamente significativa della percezione, della razionalità, del giudizio e del controllo degli impulsi. In questi stati mentali estremamente debilitanti, disorientanti e pericolosi, quasi tutto può accadere. E spesso lo fa.

Chi è la colpa di questo problema? Bene, in parte, lo siamo tutti. Nella misura in cui la nostra società condanna e denigra gli effetti della rabbia come negativi, inutili o cattivi, ignorando e negando le sue potenzialità positive, siamo parzialmente responsabili della successiva carneficina. Nella misura in cui i professionisti della salute mentale continuano a evitare di affrontare la rabbia a testa alta nei nostri pazienti, scegliendo invece di provare a drogare, modificare comportamentalmente o ristrutturare cognitivamente il demone della rabbia, anche noi clinici stiamo aggravando il problema. Qualunque sia la nostra stessa complicità in questo male da parte della società, della psicologia e della psichiatria, chiaramente la responsabilità primaria del comportamento violento ricade sulle spalle dei colpevoli. A prescindere dalle circostanze della sua infanzia o dalle successive esperienze traumatiche, gli adulti sono responsabili di come affrontano la loro storia e i loro sentimenti negativi su quella storia. Non affrontare un disturbo della rabbia negando la sua esistenza o rifiutando l'assistenza professionale non è una scusa per le conseguenze di non farlo.

Cosa si può fare per contenere l'epidemia di rabbia? Quando si tratta di affrontare efficacemente i disturbi della rabbia, le cosiddette classi di "gestione della rabbia" non possono sostituire la psicoterapia intensiva. In psicoterapia, il singolo intervento più potente, curativo e difficile che il clinico può offrire è ascoltare il paziente arrabbiato e riconoscere e accettare la sua rabbia. La rabbia e la rabbia devono prima essere convalidate, espresse, tollerate e comprese prima che gli affetti di fondo o le cognizioni distorte possano essere affrontati in modo costruttivo. Il dilemma è che la maggior parte dei professionisti della salute mentale tendono a temere, denigrare e demonizzare la rabbia, liquidandola come un'emozione inappropriata, distruttiva, negativa e nevrotica. Ma la rabbia è una risposta appropriata, naturale, normale e salutare alla frustrazione, alla ferita, all'insulto e qualsiasi cosa che minacci la propria sopravvivenza o integrità psicologica. Dobbiamo essere in grado di arrabbiarsi con gli ostacoli della vita, le sfide e gli assalti. La rabbia può conferire la forza necessaria, il coraggio e la tenacia di fronte alle avversità. Quando siamo socializzati per vedere arrabbiarsi come negativo, cattivo, immorale o non spirituale, come molti di noi sono stati, reprimiamo automaticamente la nostra rabbia – mentre reprimiamo altri impulsi o passioni di cui ci vergogniamo. Questo è esattamente ciò che Jung descrive come l' ombra e Rollo May descritto come il daimonico : quegli aspetti dell'esperienza umana troviamo inaccettabili, rifiutati, banish e messi in quarantena in stato di incoscienza. La rabbia è comunemente sperimentata (se è consciamente sperimentata) come un'emozione vergognosa, spaventosa, negativa che deve essere nascosta agli altri, e spesso, anche da noi stessi. L'ultima cosa che i terapeuti dovrebbero fare quando si lavora con pazienti arrabbiati è ulteriormente vergognarsi, criticarli o punirli per essersi arrabbiati.

Un cattivo comportamento quando è furioso è un'altra questione, e deve essere affrontato con fermezza. Le cattive azioni e la distruttività verso se stessi o gli altri non possono essere condonate. Queste sono forme nevrotiche di acting out e funzionano come un meccanismo di difesa contro la piena esperienza di ciò che è alla base della rabbia o verso cui la rabbia è veramente diretta. Eppure, è attraverso il primo riconoscere, affrontare, articolare e accettare la rabbia che il paziente può diventare più consapevole di ciò che veramente sta dietro di esso, ciò che lo guida e lo innesca. La rabbia non è qualcosa che può essere evitato o aggirato durante il processo di psicoterapia. La rabbia è la chiave alchemica del processo di guarigione, l'esclusione, la soppressione o la minimizzazione delle quali ostacola piuttosto che promuove il progresso terapeutico. Senza una coraggiosa volontà di trattare direttamente con le passioni demoniache di rabbia o rabbia nel trattamento piuttosto che cercare semplicemente di gestirle o disinnescarle cognitivamente, comportamentali o farmacologicamente, gli psicoterapeuti non possono facilitare la profonda guarigione emotiva che tali pazienti ricercano. Invece, involontariamente contribuiamo alla crescente epidemia di rabbia, rabbia, ostilità, amarezza e comportamento distruttivo.

Il Dr. Diamond è l'autore di Anger, Madness e il Daimonic: The Psychological Genesis of Violence, Evil, and Creativity . Prefazione di Rollo May. (1996/2007, SUNY Press).

Solutions Collecting From Web of "Disturbo esplosivo intermittente: No, questo NON è tutto su Mel "Mad Max" Gibson!"