Disturbo da rabbia (parte quarta): frustrazione, follia e misoginia

George Sodini, quarantotto anni, era un uomo profondamente frustrato e amaro. Ieri, la sua rabbia, il suo risentimento e la sua rabbia sono finalmente esplosi nella follia premeditata della violenza. Sodini ha partecipato a una lezione di aerobica tutta femminile al LA Fitness di Pittsburgh, in Pennsylvania, ha sparato a tre giovani donne, ne ha ferite nove e poi si è suicidato. Per quale motivo Sodini era così arrabbiato? Sembra che, in base ai suoi articoli autopubblicati che iniziano più di nove mesi fa, il signor Sodini fosse frustrato soprattutto dalle sue difficoltà con le donne. Si lamenta dell'incapacità di trovare una ragazza da quando aveva ventitré anni, di non aver fatto sesso per quasi due decenni e, più recentemente, di non aver trovato una data negli ultimi dodici mesi.

La frustrazione sessuale cronica potrebbe aver causato questa catastrofe? Concludere così sarebbe una grossolana semplificazione di questo ed altri profondi pregiudizi esistenziali, furia e frustrazione.

Questo caso orribile ricorda di tanti altri che abbiamo visto negli ultimi decenni. (Vedi i miei precedenti articoli.) Il massacro di Colin Ferguson sulla Long Island Railroad nel 1993, uccidendo sei passeggeri e ferendone diciannove mi viene in mente. Ferguson, un uomo di colore, aveva perso entrambi i genitori in un incidente da adolescente e, emigrando dalla Giamaica negli Stati Uniti, ha trovato solo frustrazione nei suoi tentativi di trovare il successo. Non era in grado di superare gli ostacoli apparentemente immobili che il destino aveva così indifferentemente posto sul suo cammino. Sentendosi completamente frustrato, sconfitto e depresso, Ferguson puntò il suo accumulato risentimento, rabbia e rabbia a una rappresentazione casuale di coloro che percepiva essere pregiudizievoli nei suoi confronti: i pendolari della classe media, indoeuropea. Seung-Hui Cho, il giovane estraneo autore delle sparatorie della Virginia Tech, era un altro individuo frustrato, arrabbiato e amaro che si scagliava contro coloro che si sentiva rifiutato e ferito.

Questi solitari frustrati sono anche stati rappresentati in modo drammatico in film come il classico Taxi Driver di Martin Scorsese (1976) e il film americano per eccellenza di Joel Schumacher, Falling Down (1992). In Falling Down , quando Bill Foster (Michael Douglas), un ingegnere disoccupato, divorziato, alla fine si gira, partendo (come Ferguson, Cho e Sodini) su una violenta furia contro la società e le fonti percepite dei suoi problemi, ci viene ricordato che ci sono limiti alla repressione della frustrazione, della rabbia o del risentimento richiesti dalla civiltà sociale. Sentendosi disperatamente vittime delle circostanze, della società e del destino, i perpetratori di "violenza insensata" girano i tavoli, sfogando la loro velenosa frustrazione, aggressività e odio per gli astanti innocenti. Così facendo, gli assassini di massa, incapaci di affermare il loro potere in modo positivo nel mondo, diventano – anche se solo vittimizzatori fugaci – potenti in contrasto con le vittime impotenti.

L'isolamento sociale, il rifiuto, l'alienazione e la solitudine – anche quando si sono autoimposti e perpetuati – sono una potente radice esistenziale di violenza. Esattamente parlando, ognuno di noi viene gettato nel mondo da solo, spesso deve attraversare la vita da solo e morire da solo. La maggior parte di noi fa freneticamente tutto quanto è in nostro potere per evitare di affrontare questo difficile fatto della vita. Come esseri umani, ereditiamo un livello di solitudine che non può mai essere completamente superato, anche se la nostra capacità di connettersi intimamente con gli altri serve certamente ad attenuare, seppur temporaneamente, questa solitudine esistenziale. Quando non siamo in grado di trovare compagnia adatta, conforto, sostegno o amore, e siamo frustrati nel soddisfare il nostro fondamentale bisogno di calore umano, cura e accettazione, una rabbia accigliata si accumula nel tempo, culminando in alcuni nella violenza. Lo psicologo Rollo May (1969) osservò che "La violenza è l'ultimo sostituto distruttivo che si insinua nel riempire il vuoto dove non c'è correlazione. . . . Quando la vita interiore si prosciuga, quando la sensazione diminuisce e l'apatia aumenta, quando non si può influenzare o addirittura toccare realmente un'altra persona, la violenza diventa una necessità demenziale per il contatto, una spinta pazza che costringe il tocco nel modo più diretto possibile. "Descrive appropriatamente La situazione di Sodini e quella di tanti membri della società oggi alienati ed emarginati.

La frustrazione, quell'esperienza esasperante di essere sventati, ostacolati, bloccati o sconcertati nei nostri migliori sforzi per trovare soddisfazione nella vita inizia alla nascita e ci segue per il resto dei nostri giorni. La frustrazione è un fatto esistenziale della condizione umana. Anche nelle migliori circostanze, i bambini non possono sempre essere nutriti nel momento esatto in cui provano morsi della fame, freschi di pannolini quando sono bagnati, coccolati, trattenuti e confortati quando sono angosciati, non importa quanto piangano in modo forte o insistente. Molto di ciò che neonati e bambini vogliono, non possono avere. Con fortuna, i bambini ottengono ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere e, si spera, prosperano. Lo stesso si può dire per gli adulti: non siamo sempre in grado di riuscire nei nostri sforzi per raggiungere obiettivi o soddisfare i nostri desideri, non importa quanto ci proviamo. Come neonati, bambini e adolescenti, gli adulti sono destinati a rimanere spesso delusi e frustrati. E sentirsi arrabbiato per essere frustrato.

La relazione diretta tra frustrazione e aggressività fu postulata per la prima volta dagli psicologi Neal Miller et al. (1939) nella loro classica "ipotesi di aggressione della frustrazione" influenzata dalla psicoanalisi: la frustrazione dei bisogni primari tende generalmente a provocare aggressività; l'aggressività può in genere essere ricondotta a qualche forma di frustrazione. Ci può essere una buona ragione psicobiologica per questa risposta umana archetipica alla frustrazione: abbiamo bisogno di arrabbiarsi per le inevitabili frustrazioni della vita se vogliamo superarle. La rabbia costruttiva o anche la rabbia fornisce il potere, la forza, la determinazione e la spinta per andare oltre i molti ostacoli frustranti che la vita presenta in modo prevedibile. Ma cosa succede quando qualcuno non è in grado di superare la sua frustrazione? Non puoi usare questa rabbia e questa aggressività in modo creativo? Non riesce a trovare soddisfazione, soddisfazione e significato nella vita? Scoraggiamento, disperazione e depressione. Nichilismo. Non di rado, lui o lei sceglie con rabbia distruzione e morte per la vita.

George Sodini, un uomo senza una storia criminale conosciuta, era evidentemente un caso del genere. A prescindere da ciò che ha provato, si sentiva impotente a cambiare la sua vita solitaria e sterile, proiettando i propri problemi esteriormente sul mondo in generale e sulle donne in particolare. I sentimenti di impotenza e disperazione erano i suoi unici compagni. Se abbia mai cercato assistenza professionale non è chiaro in questo momento. "Il problema più grande di tutti non è avere relazioni o amici, ma non essere in grado di raggiungere e acquisire ciò che desidero in quelle o in molte altre aree", ha sbraitato in una recente annotazione. "Tutto rimane uguale indipendentemente dallo sforzo che ho compiuto. Se avessi il controllo sulla mia vita, sarei più felice. Ma per circa 30 anni, non l'ho fatto. "E così alla fine, Sodini ha deciso di porre fine violentemente alla sua vita frustrante e senza senso, scegliendo invece la morte, il male e l'infamia. Ma non prima di eliminare il suo rabbioso odio verso un intero genere – e la vita stessa – sulle sue dodici donne vittime.

Parti di questo post sono tratte dal libro del Dr. Diamond Anger, Madness e dal Daimonic: The Psychological Genesis of Violence, Evil, and Creativity (1996, State University of New York Press) .

Solutions Collecting From Web of "Disturbo da rabbia (parte quarta): frustrazione, follia e misoginia"