Disturbi d'ansia pediatrici: trattamento farmacologico vs comportamentale

I disturbi d'ansia sono tra i più comuni problemi mentali, emotivi e comportamentali che si verificano durante l'infanzia e l'adolescenza. Circa 13 su 100 bambini e adolescenti di età compresa tra 9 e 17 anni sperimentano una sorta di disturbo d'ansia, secondo il Centro nazionale di informazione sulla salute mentale degli Stati Uniti. Le ragazze sono colpite più dei ragazzi. Mentre questi disturbi possono sembrare minori, se non curati, possono portare all'incapacità di finire la scuola, compromettere le relazioni sociali, scarsa autostima e, infine, disturbi d'ansia dell'adulto.

L'inizio dell'ansia infantile di solito inizia tra i sei e gli otto anni. A questa età, i bambini di solito perdono la paura del buio e di altri pericoli immaginari, e invece diventano più timorosi e ansiosi riguardo alle prestazioni scolastiche e alle interazioni con gli amici.

Alcuni studi suggeriscono che i disturbi d'ansia nei bambini sono ereditabili, in particolare da genitori che hanno essi stessi disturbi d'ansia. Ma non c'è modo di dimostrare se i disturbi sono il risultato della biologia, dell'ambiente o di entrambi.

I disturbi d'ansia si manifestano in diverse forme. Questi sono i principali tipi di disturbi d'ansia diagnosticati sia nei bambini che negli adolescenti:

Disturbo overanxious dell'infanzia: i bambini e gli adolescenti con questo disturbo si dedicano a preoccupazioni irreali e estreme su quasi tutto – le loro prestazioni accademiche, la capacità atletica, persino la puntualità. Teso, impacciato e con un forte desiderio di rassicurazione, questi giovani possono lamentarsi di dolori e dolori che non hanno alcuna causa fisica. Questo è simile al disturbo d'ansia generalizzato (GAD) tra gli adulti.

Disturbo di panico: nei bambini e nei giovani adolescenti, il panico è raro. Ma i tassi cominciano ad aumentare negli adolescenti più grandi, in particolare tra le ragazze. Come nel caso degli adulti, gli attacchi di panico ripetuti possono essere un segno di disturbo di panico. Questi attacchi possono essere accompagnati da sintomi che comprendono battito cardiaco battente, vertigini, nausea e sentimenti di imminente danno o morte accompagnati da intensa paura.

Disturbo ossessivo-compulsivo (OCD): Simile agli adulti OCD, i bambini e gli adolescenti con disturbo ossessivo compulsivo sono intrappolati in schemi di pensieri e azioni ripetitive che sono difficili da fermare. Queste azioni possono includere il lavaggio ripetuto delle mani, il conteggio, la rimozione dei peli, la morsicatura delle unghie, le domande ripetitive, l'organizzazione e il riorganizzazione degli oggetti, e un forte bisogno di controllare gli altri e il loro ambiente. I bambini e gli adolescenti hanno spesso percentuali molto più elevate di ossessioni aggressive, come pensieri di fare del male a se stessi o agli altri, e recitazione sessuale. L'OCD nell'infanzia e nell'adolescente è altamente comorbido con disturbi del comportamento dell'umore, dell'ansia, del tic e del disturbo.

Complessivamente, circa il 2,5% della popolazione generale di bambini e adolescenti soddisfa i criteri OCD. Il National Institute of Mental Health degli Stati Uniti suggerisce che quasi il 10% di questi pazienti affetti da DOC OCD ha manifestato i primi sintomi quando avevano solo 5-10 anni. Più del 20% ha avuto i primi sintomi da 10 a 15 anni e oltre il 40% era affetto da età compresa tra i 15 ei 20 anni.

Disturbo d'ansia da separazione: questo disturbo si manifesta molto spesso nei bambini come paura della scuola, paura del campo, persino paura di visitare gli amici. Questi bambini sono spesso descritti come "appiccicosi". Questo disturbo può essere accompagnato da tristezza, ritiro o da una paura infondata di perdere un membro della famiglia fino alla morte o qualche altra separazione permanente.

Disturbo da stress post-traumatico: i sintomi di PTSD nei bambini sono simili a quelli negli adulti, con manifestazioni aggiuntive come "incubi da mostro" e rievocazione di un evento stressante attraverso il gioco. I bambini e gli adolescenti possono sviluppare PTSD dopo aver subito abusi fisici o sessuali, essere vittime o testimoniare violenze e vivere attraverso un disastro naturale o provocato dall'uomo (ad esempio, un uragano distruttivo o un bombardamento durante una guerra). Nei bambini piccoli, la causa più comune di DPTS è la violenza domestica.

Gestione dei farmaci dei disturbi d'ansia pediatrici

Sfortunatamente, gli studi sulla gestione della terapia dei disturbi d'ansia nei giovani sono pochi e quelli che esistono sono inconcludenti. Inoltre, ci sono alcune linee guida specifiche per il trattamento. Ecco alcune delle cose che sappiamo:

Mentre le benzodiazepine come Valium, Klonopin, Ativan e Xanax sono usate per trattare l'ansia e l'insonnia nei bambini, i dati a supporto del loro uso sono scarsi. È considerato poco saggio sottoporre i bambini al potenziale per essere scoperti nella presa di dipendenza di questi farmaci.

Allo stesso modo, mentre prove aneddotiche suggeriscono possibili benefici dall'uso dell'agente anti-ansia Buspar nei bambini, questo continua a non essere dimostrato.

Gli antistaminici come Benadryl e Vistaril sono stati usati per decenni per migliorare i sintomi di ansia in bambini con disturbi psichiatrici.

Gli antidepressivi Anafranil, Luvox e Zoloft hanno indicazioni FDA per bambini e adolescenti nel trattamento del DOC.

L'esperienza con gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina – Prozac, Zoloft, Celexa, Lexapro, ecc. – in studi pediatrici controllati ha portato i medici a prendere in considerazione questi farmaci anche per trattare i disturbi d'ansia non-OCD.

Studi controllati e dati di supporto sono significativamente carenti nel trattamento dei disturbi d'ansia pediatrici con i beta-bloccanti – Inderal, Tenormin, altri.

La terapia cognitivo-comportamentale rimane la strategia di trattamento più uniforme e ampiamente utilizzata per la gestione dell'ansia nei bambini e negli adolescenti. Tra il 50% e l'80% di bambini e ragazzi rispondono a modelli di terapia cognitivo-comportamentale ben progettati ed efficacemente impiegati. Al termine del trattamento, non soddisfano più i criteri diagnostici per il disturbo d'ansia in atto.

Solutions Collecting From Web of "Disturbi d'ansia pediatrici: trattamento farmacologico vs comportamentale"