Disturbi alimentari: una nuova svolta nei trattamenti tradizionali

La medicalizzazione dei disordini alimentari, cioè la spinta a trovare i geni che li innescano, ha offerto conforto a molti malati. Deve essere più facile considerare l'anoressia e la bulimia più come, ad esempio, una malattia autoimmune legata a una vulnerabilità ereditata piuttosto che un riflesso del trauma familiare o delle proprie insicurezze.

Sfortunatamente, a questo punto, la caccia al gene illusorio del disturbo alimentare è proprio questo. Illusive. Forse un giorno i dottori saranno in grado di adattare i trattamenti per fissare i geni che provocano un comportamento autodistruttivo. Per ora, senza una soluzione rapida, la soluzione migliore potrebbe in qualche modo rifarsi a qualcosa di un po 'vecchio stile: guardare l'ambiente domestico ed esplorare i problemi emotivi di tuo e di tuo figlio in merito a cibo, controllo e potere.

Questo è uno dei messaggi nel nuovo libro informativo e compassionevole di Judy Scheel, When Food is Family. Lei è, in un certo senso, tornando indietro ai tempi in cui eravamo soliti psicanalizzare coloro che soffrivano di anoressia o di bulimia. Ma c'è una svolta moderna: la terapia del comportamento cognitivo.

E mentre la maggior parte degli esperti sta già utilizzando la terapia cognitiva comportamentale – i passi pratici per aiutare i pazienti a sviluppare metodi di coping più sani – molti evitano la parte psicoanalitica. Scheel crede che il modo migliore per arrivare alla radice del problema sia quello di esplorare le problematiche familiari passate e attuali, le cose che possono aver spinto il mangiare disordinato in primo luogo. Quindi accoppia l'esplorazione di sé con strategie per andare avanti.

"Il nutrimento e il pezzo ambientale giocano un ruolo enorme", ha detto Scheel. "Non abbiamo trovato il gene e mentre la gente ha fame di trovarlo, io alzo un sacco di bandiere che stiamo cercando di medicalizzare qualcosa. Dobbiamo tornare a quello che abbiamo fatto negli anni '70 e '80, considerando i disordini alimentari come un disturbo psicologico. Non cadono dal cielo. Il pezzo di cultura e il pezzo ambientale giocano un ruolo enorme ".

Per quanto difficile, Scheel, che da 25 anni cura i bambini con disturbi alimentari, dice che i genitori devono esplorare le dinamiche familiari o i messaggi dannosi che potrebbero nutrire con i loro figli. Si preoccupa che l'eccitazione della base genetica per la malattia abbia spinto il pendolo così lontano dai fattori ambientali cruciali. Non esaminiamo più quello che succede a casa, dice, anche perché nessuno vuole incolpare un genitore. Eppure, parte della ragione per il comportamento autodistruttivo di un bambino potrebbe avere a che fare con i genitori. A volte dobbiamo confrontarci con le nostre debolezze di educazione dei figli per aiutare i nostri figli a superare i loro problemi. (E a volte i loro problemi sono anche i nostri problemi).

Quando Food is Family contiene aneddoti sui genitori che controllano così tanto che i bambini sentono il bisogno di limitare il cibo come un modo per affermare la propria indipendenza, sulle famiglie che sono così affamate di fame che i bambini riempiono di cibo un vuoto emotivo. Nessuna di queste analisi è nuova di zecca, ma le tecniche di coping che propone offrono un quadro per le famiglie che potrebbero far fronte a un bambino che sta morendo di fame o purgando o entrambi.

Come la dottoressa Katherine Zerbe, professore di psichiatria presso l'Oregon Psychoanalytic Center, ha commentato nella prefazione del libro, il dott. Scheel offre esercizi terapeutici che possono fornire speranza sia ai genitori che al paziente. Il rovescio della medaglia è che il processo richiede molta dolorosa ricerca dell'anima e una valutazione brutalmente onesta delle basi emotive all'interno della famiglia. Ma il lato positivo – un enorme vantaggio – è che le famiglie che sono disposte a passare attraverso il processo non solo aiutano i loro figli a recuperare ma trovano nuovi e più profondi legami tra loro. Come sa chiunque abbia affrontato questi disordini, non esiste una soluzione rapida.

Uno dei suoi principali impulsi è trovare una voce emotiva, piuttosto che un comportamento emotivo. Fornisce persino un elenco di vocaboli per aiutare gli adolescenti ei loro genitori a esprimersi più chiaramente. Ci sono categorie, come "felice", che includono parole come "felicissimo", "vivace" e "esilarante". La categoria "impaurito" include "diffidente", "diffidente", "scomodo".

E mentre questo può sembrare sciocco, semplicemente dire alle persone di comunicare potrebbe non essere la migliore medicina. Fornire loro parole aiuta veramente il dialogo. Crede che per alcuni adolescenti incapaci di esprimersi verbalmente, dimostrino il loro punto di rifiuto del cibo.

Inoltre, esamina le madri che potrebbero avere i loro problemi riguardo al cibo. Piaccia o no, i nostri bambini imparano modellando il nostro comportamento. Le ragazze con disordini alimentari hanno molte probabilità di avere madri che temono anche il cibo. Genetica? Può essere. O forse tua figlia ha raccolto il tuo messaggio che essere un po 'sovrappeso è terribile. Se salti i pasti o nascondi il cibo, stai inviando un messaggio che è un comportamento normale. Per quanto difficile possa essere, le madri con disturbi dell'alimentazione potrebbero dover affrontare i loro problemi se vogliono davvero aiutare i loro figli a sviluppare atteggiamenti salutistici sull'immagine corporea.

"Penso che siamo diventati troppo lontani dall'approccio psicologico. I genitori oggi vogliono un morso sano, una soluzione che richiederà non più di, per esempio, quattro mesi ", ha detto il dott. Sheele. Crede che coloro che soffrono possano raggiungere un pieno recupero in termini di sintomi, ma possono avere una lotta per tutta la vita in termini di una voce interiore che li riporta a comportamenti autodistruttivi. La chiave, come lei scrive, non è una cura, ma imparare a riconoscere le vulnerabilità proprie o di tuo figlio e agire su di esse prima che si trasformino nuovamente in pericolose abitudini.

Solutions Collecting From Web of "Disturbi alimentari: una nuova svolta nei trattamenti tradizionali"