Distrazioni focalizzate? Come ci adattiamo al multitasking

Di Catherine Middlebrooks e Alan Castel, PhD

Siamo spesso distratti. Quando si utilizza un computer, la maggior parte delle persone ha diversi browser o finestre aperte contemporaneamente e si stima che controlliamo i nostri telefoni ogni sette minuti circa. A volte queste distrazioni ci fanno perdere la concentrazione. Queste distrazioni possono essere ovvi, come una notifica sul tuo smartphone che hai un nuovo messaggio o un sottotitolo, come i suoni del traffico o una conversazione in una stanza vicina. Possiamo cercare di evitare le principali distrazioni, magari trovando un posto tranquillo libero da WiFi e persone, ma non siamo mai completamente liberi da pensieri distraenti. Inoltre, la solitudine completa non è generalmente né fattibile né desiderabile. Siamo creature sociali; francamente, l'assenza di tutte le interazioni, e qualsiasi solitudine risultante, potrebbe di per sé essere una fonte di distrazione.

Inoltre, piuttosto che ridurre la stimolazione, la gente sembra in gran parte più incline che mai a cercare attività extra che richiedono attenzione. Le persone parlano, scrivono, ascoltano musica e navigano con i loro smartphone quando guidano anche quando sanno che è pericoloso. Molti studi hanno dimostrato i costi per la memoria del multitasking e l'attenzione divisa [1], e questo è in linea con le nostre esperienze quotidiane. Perché, allora, persistiamo negli smartphone, nei laptop, nelle telefonate e nelle responsabilità familiari di giocoleria multitasking, quando sappiamo che questo ha un costo?

A parte le ovvie ragioni (gli incontri possono essere noiosi, ma Instagram ha delle belle foto), forse siamo meno in grado di giudicare i costi del multitasking perché le risorse cognitive di cui abbiamo bisogno per formulare tali giudizi sono già in uso (al multitasking!). Sebbene sembriamo ampiamente consapevoli del fatto che la memoria soffra quando l'attenzione è divisa [2], non riusciamo ad applicare questa conoscenza a istanze specifiche, come quando decidiamo quanto bene abbiamo imparato o ricordato qualcosa [3]. Gli stessi errori vengono commessi quando le persone scrivono e guidano: sappiamo che in teoria è una cattiva idea, ma non ci rendiamo conto di quanto effettivamente stia influenzando la nostra guida finché non è troppo tardi.

Ricerche recenti, tuttavia, suggeriscono che le persone talvolta riconoscono e compensano gli effetti negativi dell'attenzione divisa sull'apprendimento e sulla memoria. Questo suggerisce che il multitasking non sia effettivamente un problema? Non del tutto, le distrazioni e il multitasking hanno dimostrato di non essere amici della memoria. Tuttavia, suggerisce che ci sono pochi fattori da prendere in considerazione al momento di decidere se concedersi o meno un piccolo multitasking.

1. Puoi chiamare un time-out veloce?

Se stai distogliendo l'attenzione dal tuo compito principale, come una riunione, per occuparti di qualcos'altro, come una e-mail, senza essere in grado di metterla in pausa, il multitasking molto probabilmente comprometterà la tua capacità di ricordare le informazioni primarie in un secondo momento. Se è possibile mettere in pausa l'attività principale, tuttavia, l'interruzione occasionale potrebbe non rappresentare un problema.

In una serie di esperimenti, i partecipanti leggevano o ascoltavano brevi passaggi, durante i quali venivano interrotti da domande che si aprivano sullo schermo del computer come un messaggio istantaneo [4]. Queste interruzioni hanno compromesso la memoria quando non c'era alcuna pausa nel passaggio, come un oratore in una riunione non aspetta mentre scorriamo il nostro feed di notizie. La memoria non risentiva, tuttavia, quando i partecipanti potevano momentaneamente sospendere gli studi per rispondere ai pop-up.

2. Quanto distrae è la distrazione?

In relazione a ciò, l'apprendimento e la memoria possono essere maggiormente colpiti quando le distrazioni richiedono l'attenzione continua. I ricercatori hanno scoperto che la comprensione e la memoria per il testo sono state mantenute anche quando i partecipanti stavano anche risolvendo problemi di matematica o rispondendo a quiz non correlate [5]. Lo stesso non si può dire, tuttavia, quando ai partecipanti è stato chiesto di tenere a mente una serie di cifre mentre studiavano il testo. In altre parole, quando il multitasking era più impegnativo, la memoria era compromessa.

3. Puoi dare la priorità al momento di decidere cosa mettere a fuoco?

Spesso ciò che stiamo cercando di ricordare varia in importanza. Una recente ricerca suggerisce che le distrazioni e il multitasking potrebbero non essere altrettanto dannosi per la tua capacità di dare la priorità e ricordare le informazioni più importanti come lo sono nella tua memoria in generale [6].

I partecipanti a questi esperimenti hanno studiato parole che valevano ovunque da 1 a 10 punti con l'obiettivo di ricordare quante più parole possibili ottenendo anche un punteggio elevato (una somma dei punti associati a qualsiasi parola memorizzata). Non sorprende che i partecipanti abbiano ricordato meno parole in generale quando erano multitasking. In termini critici, tuttavia, le distrazioni non hanno avuto alcun effetto sul modo in cui potrebbero dare la priorità e in definitiva ricordare gli elementi di valore più elevato. Ciò è stato riscontrato indipendentemente dal fatto che ci fosse semplicemente musica in sottofondo mentre i partecipanti studiavano o se erano anche attivamente impegnati in un compito difficile e continuo.

Ciò suggerisce che potresti essere ancora in grado di identificare e concentrarti sulle informazioni più importanti quando sei distratto per compensare in qualche modo i costi generali per l'apprendimento e la memoria. Tenete presente, tuttavia, che i partecipanti a questi esperimenti stavano studiando informazioni a cui erano stati già dati valori. La cosa più difficile potrebbe non essere solo nella scelta di dare la priorità a informazioni importanti e nell'esecuzione di tale decisione, ma anche nel determinare ciò che è più importante in primo luogo.

Essere o non essere (distratto)?

In definitiva, il multitasking e le distrazioni superflue sono generalmente sconsigliati quando sono evitabili, e dovremmo sicuramente sbagliare sul lato della cautela quando avremo bisogno di ricordare in seguito le informazioni che vengono presentate, ma probabilmente non tutto andrà perso se vieni occasionalmente interrotto da un testo o se qualcuno vicino accende la radio. In alcuni casi questi distrattori potrebbero rivelarsi del tutto irrilevanti; in altri casi potremmo ancora essere in grado di compensarli facendo una pausa per affrontarli o dando priorità e concentrando la nostra attenzione sulle informazioni più importanti. Il nostro mondo è pieno di allettanti distrazioni e ci sembra che ci adattiamo essendo focalizzati selettivamente.

Solutions Collecting From Web of "Distrazioni focalizzate? Come ci adattiamo al multitasking"