Disregolazione: una nuova etichetta DSM per le infanzie infantili

Mary Anne Enriquez/Flickr
Fonte: Mary Anne Enriquez / Flickr

Con le numerose modifiche apportate alla versione più recente del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), tra i più significativi è stata l'inclusione del Disordine Disregionale Disregolazione Disordine (DMDD), una risposta diretta al drammatico aumento della diagnosi del disturbo bipolare nei bambini e negli adolescenti negli anni '90.

La diagnosi di malattia bipolare nei bambini è considerata alquanto sfuggente. Caratterizzato da cambiamenti estremi e distinti nell'umore, la malattia bipolare va dai sintomi depressivi agli "alti" maniacali. Nelle popolazioni più giovani, il passaggio tra episodi maniacali e depressivi non è così chiaro.

I bambini spesso subiscono oscillazioni improvvise di umore, esplosioni e rabbia prolungate, compromissione del giudizio, impulsività e comportamento provocatorio. Tali sintomi riferiti dai genitori sono diventati una base popolare per le diagnosi del disturbo bipolare infantile.

Negli ultimi anni, Ellen Leibenluft, ricercatrice senior presso il National Institute of Mental Health e professore associato presso la Georgetown University, ha sviluppato il concetto di "grave disregolazione dell'umore" come distinto dal disturbo bipolare. La sua ricerca evidenzia la differenza tra insolite rabbia intense e le distinte oscillazioni dell'umore nel disturbo bipolare.

Ancorata alla sua ricerca, la task force DSM-5 ha tentato di sviluppare una nuova classificazione per un disturbo che condivideva alcune caratteristiche con il disturbo bipolare, ma non includeva i bruschi cambiamenti di umore. In tal modo, la task force spera che il tasso di diagnosi per il disturbo bipolare nei bambini diminuirà.

Il DSM-5 caratterizza la DMDD come gravi episodi di temperamento ricorrente che sono "grossolanamente sproporzionati in intensità o durata" rispetto alla situazione. Le esplosioni di temperamento si verificano almeno 3 volte a settimana e l'umore tra gli scoppi rimane negativo. Per separare la DMDD dal disturbo bipolare, i bambini non devono provare sintomi maniacali come sensazioni di grandiosità e riduzione del bisogno di dormire.

La differenziazione tra i sintomi del disturbo bipolare e le collere non correlate agli sbalzi d'umore può essere un passo nella giusta direzione.

Ma alcuni studi suggeriscono che la DMDD potrebbe non essere tanto distinta o utile come entità diagnostica diversa da quella già in uso, come il disturbo oppositivo provocatorio o il disturbo della condotta. Può darsi che DMDD non sia una condizione a sé stante, ma piuttosto un sintomo principale di un problema più ampio. Irritabilità e rabbia possono essere un'indicazione di un disturbo già stabilito nelle precedenti versioni del DSM.

Oltre alle etichette diagnostiche, prendere in considerazione le situazioni sociali può portare a una comprensione più acuta delle collere nei bambini.

Mentre il ruolo della biologia non può essere scontato nello sviluppo dei disturbi mentali, i problemi comportamentali dell'infanzia possono essere influenzati dalle circostanze sociali ed economiche. Le difficoltà finanziarie e altri stress parentali hanno un effetto sul benessere mentale dei bambini e lo stress può essere dannoso per la comunicazione tra genitore e figlio.

Insieme alle condizioni biologiche, la task force del DSM dovrebbe considerare l'impatto dell'esperienza sociale del bambino. Helena Hansen, assistente professore di psichiatria presso la Scuola di Medicina dell'Università di New York, sostiene che le recenti revisioni del DSM-5 hanno perso importanti fattori sociali che innescano determinate risposte biologiche. Il suo articolo, pubblicato sulla rivista Health Affair, sottolinea l'importanza di comprendere come le circostanze sociali e istituzionali influenzano la distribuzione epidemiologica dei disturbi.

Ad esempio, diversi temperamenti possono spiegare perché alcuni bambini sembrano affrontare bene lo stress della vita mentre altri sviluppano comportamenti problematici. Lanciarsi sotto forma di rabbia e scoppi d'ira può essere una risposta naturale all'angoscia e allo stress intollerabili per alcuni bambini.

Quando vengono coniati nuovi termini per i disturbi, come DMDD, dobbiamo chiederci se lo sviluppo di un'altra categoria è la migliore alternativa. Sostituire una etichetta dei problemi comportamentali dell'infanzia per un'altra è davvero la nostra migliore opzione?

A causa delle molte possibili cause di scoppi d'ira, dare al bambino una singola etichetta potrebbe non essere così utile. Invece, determinare i problemi principali che circondano la rabbia può essere più utile nel fornire al paziente un piano di trattamento efficace.

Inoltre, teniamo presente che i disturbi mentali sono semplicemente costrutti, non stati patologici unici. Sono sviluppati per consentire una migliore comprensione di un gruppo di sintomi comportamentali, emotivi e cognitivi e sono regolarmente rivisti sulla base di nuove ricerche e cambiamenti dei valori culturali. Mentre il DSM è utile allo scopo di comprendere le sfide affrontate dai pazienti, non dovrebbe essere assegnato lo stato di "Bibbia".

Insieme ai fornitori di servizi di assistenza psicologica, è importante che i genitori siano informati sulla DMDD, facciano domande e siano coinvolti nelle discussioni quando prendono in considerazione le opzioni di trattamento per il loro bambino.

– Khadija Bint Misbah, autrice collaboratrice, rapporto traumi e salute mentale

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Disregolazione: una nuova etichetta DSM per le infanzie infantili"