Discutendo "Gioventù", Jane Fonda tocca "Superfluidità"

Georges Biard/Wikimedia Commons
Fonte: Georges Biard / Wikimedia Commons

In una recente intervista sul suo prossimo film, Youth , Jane Fonda descrive le magiche esperienze culminanti che ha avuto durante il processo del cinema. Il linguaggio usato da Fonda per descrivere i suoi momenti più ispirati come attrice offre preziosi indizi per capire meglio la più alta forma di "flusso", che ho coniato "superfluidità".

La settimana scorsa, ho scritto un post sul blog di Psychology Today , "Superfluidity" e "Hot Hands" sono sinonimi, "che è stato ispirato da un articolo del New Yorker che ha esaminato un periodo durante la carriera di Bob Dylan quando aveva una" mano calda ", come rappresentato da una serie fenomenale di produzione creativa durante gli anni '60.

La descrizione di Fonda di "colpire i suoi segni" perfettamente, e una misteriosa trascendenza che si verifica quando il personaggio che interpreta prende le redini, mi ricorda il linguaggio che ho usato per descrivere la superfluidità, un termine che ho preso in prestito dal mondo della fisica per visualizzare il sentimento di esistenti e performanti con attrito o viscosità assolutamente nulli.

La superfluidità è un'esperienza estatica oltre il flusso regolare

Come atleta, ho imparato a creare il flusso in un modo che mi ha permesso di "colpire i miei segni" e di perdermi nel punto giusto tra il livello di sfida e il mio livello di abilità su base giornaliera. Dopo anni di allenamento, creare un flusso regolare è diventato de rigeur e banale , per me. Mi sono annoiato con il flusso regolare.

Quindi, ogni giorno durante il mio allenamento atletico, o in una competizione, alla fine ero alla ricerca del santo graal di cogliere i momenti estatici di superfluidità e di aggrapparmi a loro per tutto il tempo che potevo. Quando si è verificato uno di questi flash, direi "SÌ! È così! "E decostruisce immediatamente tutti gli elementi che hanno creato quel momento magico, così ho potuto ricrearlo più facilmente in futuro.

Questo pomeriggio, mentre stavo guardando un'intervista con Jane Fonda su YouTube, la mia bocca aperta è scesa quando l'ho sentita usare un nuovo linguaggio per descrivere lo stesso stato elusivo che io chiamo "superfluidità". Fonda descrive quella che io chiamo "superfluidità" come " IT . ”

Proprio come "flusso" e "zona" sono sinonimi, "superfluidità" e altre parole possono essere usate per descrivere lo stato estatico della trascendenza che le persone hanno durante un picco di esperienza. Fonda descrive "IT" come quando "la preparazione incontra l'opportunità" … e un po 'di "fortuna" è mescolata nella birra. Dice anche che spesso, quando si aspetta che l'IT accada, non lo è, e viceversa.

Mentre guardi questa intervista, fai attenzione al movimento degli occhi di Fonda e al modo in cui parla con le sue mani. Sulla base di decenni di ricerca neuroscientifica, ho la sensazione che la superfluidità venga creata quando tutti e quattro gli emisferi cerebrali sono sincronizzati e messi a punto in perfetta armonia.

Quando Fonda ricorda i tempi in cui "IT" accade, i gesti delle sue mani mi indicano che lei sta impegnando attivamente entrambi gli emisferi del cervello (latino per "cervello") ed entrambi gli emisferi del cervelletto (latino per "piccolo cervello"). Guardando le sue mani gesticolando, immagino che Jane Fonda stia ingaggiando tutti e quattro gli emisferi del suo cervello come un modo per richiamare visceralmente e cerebralmente i ricordi più vividamente nell'occhio della sua mente e articolarli.

Mi viene la pelle d'oca sentire Fonda descrivere, in un sussurro, come parte della sua mente cosciente dice "Sta succedendo" e allo stesso tempo aver paura che la musa scompaia, e la sensazione si dissolverà, se mette troppi riflettori su la sacralità del momento. Quando l'ho sentita descrivere questo sentimento, ho detto ad alta voce: "Sì, è una parte importante di questo".

La cosa più misteriosa della superfluidità è quanto sia difficile e insidioso resistere. Non appena cerchi di afferrare la superfluidità in modo cosciente e goderti la sua beatitudine, la mancanza di attrito e viscosità che ha creato lo stato, gli permette di scivolare dalla tua presa psichica. La superfluidicità è un caso classico di "Tieni duro, ma non lasciar andare".

Quando ho vissuto per la prima volta la superfluidità come atleta, non avevo parole o linguaggio per descrivere l'esperienza. Una volta che l'ho etichettato come superfluidità , mi ha dato immagini visive tangibili dal mondo delle neuroscienze e dal mondo della fisica quantistica che ha reso questo stato di coscienza qualcosa che potevo visualizzare come destinazione tangibile nella mia mente.

Mentre inseguivo la superfluidità religiosamente giorno dopo giorno, cominciava ad accadere sempre più spesso … e le mie capacità atletiche crescevano esponenzialmente. Mi merito la mia ricerca quotidiana di sperimentare la superfluidità come chiave per rompere un Guinness World Record. La ragione principale per cui sono in una crociata per identificare e promuovere questa esperienza come il secondo livello di flusso è perché credo che la ricerca della superfluidità sia la chiave per ottimizzare il potenziale umano assoluto in tutto ciò che qualcuno persegue con tutto il cuore.

Hai mai provato, visto o sentito altri descrivono la superfluidità?

Ho avuto le mie antenne per persone che descrivono il fenomeno della superfluidità sin da quando ho letto per la prima volta la descrizione di Roger Bannister della rottura del miglio di quattro minuti. Bannister ha detto: "Non più consapevole del mio movimento, ho scoperto una nuova unità con la natura. Avevo trovato una nuova fonte di potere e bellezza, una fonte che non avrei mai sognato esistesse. "Sta descrivendo la superfluidità. Allo stesso modo, quando l'artista Paul Klee dice: "Tutto svanisce intorno a me, e le opere nascono come se uscissero dal nulla. I frutti maturi e maturi cadono. La mia mano è diventata lo strumento obbediente di una volontà remota. "Questa è superfluidità.

A p. 326 di The Athlete's Way: Sweat and the Biology of Bliss , descrivo i miei primi risultati di ricerca e le mie esperienze personali con superfluidità,

"La sensazione di superfluidità è universale e trasferibile. Nei momenti di performance superfluida l'ego si dissolve o si trasforma. L'estasi viene dal greco "stare fuori da sé". Nei momenti di superfluidità il tuo ego si fonde con qualche fonte di energia esterna e tu sei l'uno con l'altro. Il potere di quell'unione ti fa sentire un tour de force . Diventi uno. Riesco a sentire i tumbler nel mio cervello spostarsi in modo tettonico mentre scivolo attraverso il foro stenopeico in uno stato di prestazione superfluida.

Recentemente, utilizzando la tecnologia di imaging fMRI, i ricercatori del cervello sono stati in grado di osservare il cervello disattivare "sé", o quello che sarebbe considerato l'ego. I ricercatori Rafael Malach e Ilan Goldberg del Weizmann Institute of Science in Israele hanno scoperto che durante i compiti sensoriali che creano uno stato di prestazione fluida, in cui i soggetti "si perdono" in quello che stanno facendo, la corteccia prefrontale diventa molto silenziosa sulla fMRI . Durante questi momenti la coscienza viene spostata dalla parte anteriore del cervello e la sede del "sé" viene spostata. La mia ipotesi istruita è che è spostato nel cervelletto. Nessuno lo sa per certo.

I ricercatori sopra propongono: "L'immagine che emerge dai risultati attuali è che, durante un intenso impegno percettivo …. il termine "perdere te stesso" riceve una chiara correlazione neuronale che riecheggia nelle filosofie orientali come gli insegnamenti zen, che enfatizzano la necessità di entrare in una realtà mentale disinteressata, "disinteressata". Questo è molto chiaro, chiudendo la quantità di attività neurale in la corteccia prefrontale essendo pienamente impegnata in un compito sensoriale sembra facilitare la perdita di te stesso in qualunque cosa tu stia facendo e aumenterai la possibilità di avere un episodio superfluido. "

Identificare la meccanica del cervello dietro la superfluidità è la mia missione principale. Da quando ho pubblicato il passaggio sopra, il focus della mia ricerca si è evoluto per includere la flessibilità cognitiva e l'utilizzo della ricerca sui disturbi dello spettro autistico (ASD) per identificare ciò che sta accadendo in termini di connettività strutturale e funzionale, così come la sincronizzazione tra tutti e quattro gli emisferi cerebrali .

Di seguito è riportato uno schizzo che ho disegnato per illustrare come l'ottimizzazione della connettività tra la materia grigia e bianca di entrambi gli emisferi cerebrale e cerebellare potrebbe essere collegata alla superfluidità. Mi scuso per la qualità dello schizzo, questo è ancora un lavoro in corso.

Illustration and image by Christopher Bergland
Fonte: illustrazione e immagine di Christopher Bergland

Conclusione: superfluidità e l'atemporalità del timore reverenziale

L'audizione di Jane Fonda descrive i temi di Gioventù , e sapendo di essere più attinente alla sua capacità di avere esperienze estreme in questa fase della vita – di quanto non sia mai stata prima – è un potente promemoria che i momenti di "WOW! noi più tardi nella vita. La superfluidità non è riservata solo alle persone che cercano esperienze di punta durante quello che è considerato tradizionalmente il primo della nostra gioventù.

Se vuoi leggere di più su questo argomento, controlla i post sul blog di Psychology Today ,

  • "Superfluidità: decodifica l'enigma della flessibilità cognitiva"
  • "Superfluidità: la psicologia del massimo rendimento"
  • "La neuroscienza della superfluidità"
  • "Supefluidità: prestazioni di punta oltre lo stato di" flusso ""
  • "The Neuroscience of Madonna's Enduring Success"
  • "Perché Overthinking sabota il processo atletico"
  • "I 12 movimenti degli occhi danno via i tuoi segreti"
  • "Gesturing coinvolge tutti e quattro gli emisferi cerebrali"
  • "The Neuroscience of Speaking With Your Hands"
  • "Ulteriori collegamenti di ricerca autismo e il cervelletto"
  • "Perché Overthinking sabota il processo creativo?"
  • "Il cervelletto influenza profondamente i nostri pensieri ed emozioni"
  • "I neuroscienziati decifrano il mistero dei movimenti oculari"
  • "Il cervelletto può essere la sede della creatività"

© 2015 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Discutendo "Gioventù", Jane Fonda tocca "Superfluidità""