Discorso di odio: è una fiera standard più alta per gli insegnanti?

Bacheca mensile della storia LGBT

"L'omosessualità è uno spirito pervertito … Conosco il peccato e si sviluppa come un cancro", recita un estratto dal muro di Facebook del maestro del New Jersey Vivi Knox. Stava rispondendo a una bacheca nella sua scuola che ha pubblicato informazioni sui contributi di persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender in riconoscimento del mese della storia della LGBT e della Giornata nazionale del coming out. Il suo post proseguì: " Perché sfidare i tuoi comportamenti innaturali innaturali prima di noi? E SEI SBAGLIATO! NON DEVO ACCETTARE NULLA, NESSUNO. QUALSIASI COMPORTAMENTO O QUALSIASI SCELTA! NON DEVO TOLLERARE NULLA QUALCHE ALTRO DESIDERIO DI FARE. "

Questo incidente ricorda la tirata di un altro insegnante la scorsa primavera. Un insegnante della Florida, Jerry Buell, ha pubblicato una risposta alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso a New York dicendo che era "disgustato" dalle notizie e che era un peccato e New York faceva parte di un "pozzo nero". risultato, è stato riassegnato mentre gli amministratori hanno considerato un'azione appropriata.

Nei giorni precedenti a Facebook e ai social media, ci sono stati due casi simili giudicati in Canada che forniscono un modo per capire come trovare un equilibrio tra la libertà di espressione e il dovere delle scuole e degli insegnanti di fornire un ambiente di apprendimento sicuro e privo di discriminazioni.

Nel febbraio 2004, un insegnante di BC, Chris Kempling, è stato sospeso per un mese per "condotta disdicevole" di un insegnante: ha pubblicato articoli che erano considerati diffamatori di omosessuali in un giornale locale ("Kempling contro British Columbia College of Teachers" , "2004, para.1). L'insegnante ha appellato questa decisione alla Corte Suprema BC, ma il tribunale ha ritenuto che la BCCT era nella sua giurisdizione per sospendere l'insegnante. La motivazione della corte per la sua decisione si basava sul "collegamento pubblico illecito della sua posizione professionale all'espressione off-duty di opinioni discriminatorie personalmente tenute al fine di dare credibilità a quelle opinioni" ("Kempling contro il British Columbia College of Teachers", 2004, paragrafo 2). Questa decisione rifletteva un giudizio simile fatto quando un insegnante del New Brunswick stava facendo dichiarazioni pubbliche (sulla radio locale e nella distribuzione di opuscoli) che erano diffamatorie nei confronti degli ebrei e come risultato conseguì un "ambiente di apprendimento avvelenato" nella scuola (Ross v. New Distretto scolastico di Brunswick, 15, 1996).

Nel mio lavoro con i candidati degli insegnanti, sono spesso frustrati e indignati dal fatto che, come insegnanti, siano tenuti a uno standard più elevato per i loro comportamenti che avvengono in base al tempo personale e fuori dalla scuola. Poche altre professioni hanno lo stesso rapporto con i bambini e le famiglie in una comunità. C'è un impatto più profondo quando un insegnante dice qualcosa di discriminatorio e poi porta quel messaggio (per associazione) in aule con centinaia di bambini e famiglie che conoscono e sentono il "veleno" di quei punti di vista discriminatori. Ora con Facebook e altri strumenti di social networking, gli educatori e gli studenti stanno ancora imparando lezioni difficili su spazi pubblici / privati. I messaggi pubblicati online viaggiano velocemente e, sebbene possano essere eliminati, le prove sono solitamente distribuite su altri dischi rigidi e server per consentire a chiunque di stampare, salvare e condividere.

Un articolo di Los Angeles Times di Karin Klein pubblicato ad agosto sul caso dell'insegnante della Florida ha sostenuto che una persona dovrebbe essere in grado di avere un "opinione espressa pubblicamente sul proprio tempo". In una democrazia ci sono limiti di parola e di insegnanti nelle scuole pubbliche questi limiti sono ancora più severi. Gli studenti non saranno in grado di imparare nelle aule in cui sanno che loro o le loro famiglie sono disprezzate per chi amano. Dico agli insegnanti che lavoro con loro che dovrebbero sentirsi liberi di esprimere le proprie convinzioni tra familiari e amici, e in ambienti privati, ma in qualsiasi momento che un'espressione diventa pubblica o che agiscono su quelle credenze in un ambiente pubblico, essi rischio conseguenze professionali. Bryan Warnick ha scritto un prezioso articolo sulla rivista Educational Researcher intitolato Diritti linguistici degli studenti e le caratteristiche speciali dell'ambiente scolastico (2009). In questo articolo si concentra sui diritti degli studenti, ma i sette elementi unici che egli affronta sono rilevanti nel considerare il discorso dell'insegnante: età degli studenti, requisiti di frequenza, più collegi elettorali, responsabilità pubblica, natura della parola associata alla scuola, necessità di promuovere obiettivi educativi. Gli studenti non hanno la possibilità di scegliere se andare a scuola o meno, e non hanno una scelta sulla classe in cui possono sedersi. Questi fattori devono essere presi in considerazione quando si riflette sull'azione appropriata da intraprendere contro insegnanti che esprimono pubblicamente opinioni discriminatorie.

Le scuole pubbliche sono responsabili dell'educazione di una popolazione studentesca diversificata al fine di preparare meglio i cittadini ad una partecipazione attiva nella nostra società democratica. Pertanto, gli insegnanti dovrebbero essere tenuti ad uno standard più elevato al fine di garantire che le scuole siano siti in cui gli studenti si sentono sicuri e rispettati e non soggetti a discriminazione. Spero che la scuola del New Jersey intraprenda azioni immediate contro questo insegnante, così lei e gli altri insegnanti riconosceranno i limiti della loro espressione. Se sei d'accordo, puoi firmare una petizione online qui.

Solutions Collecting From Web of "Discorso di odio: è una fiera standard più alta per gli insegnanti?"