Disappearing Acts: quando gli amici se ne vanno dopo una diagnosi di disturbo bipolare

DOMANDA

Caro dottor Levine,

Sto riprendendo dalla consapevolezza che certi amici che hanno significato molto per me hanno improvvisamente voltato le spalle a me ora che ho rivelato e dichiarato la mia lotta con la malattia mentale. Mi è stata diagnosticata una forma di disturbo bipolare dopo aver superato diversi anni di depressione insieme a periodi "su". Quando si trattava solo di depressione da varietà da giardino, credo che il problema fosse stato più accettabile per questi individui, che sono per lo più maschi.

Ora, dopo aver trascorso quasi due settimane in ospedale, i tavoli si sono trasformati e la gente corre per le colline. Non intendo niente: nessuna telefonata, nessuna carta, e-mail non restituite. Queste relazioni, intendiamoci, risalgono a quasi 20 anni. Ho passato la maggior parte del mio tempo ad essere il "consigliere" di queste persone. Tuttavia, per la maggior parte, ho guadagnato molto dalle relazioni: mentoring, risate, contatti, apprendimento, ecc.

Quindi non sono sicuro di come procedere da qui. La mia autostima è dannata, e in realtà non ho molta pazienza per i modi infantili degli adulti. Nel corso degli anni, ho osservato che le persone che "si nascondono" dalle avversità degli altri trovano un modo per riprendersi dopo che sembra che la costa sia chiara. Sono abbastanza chiaro sul fatto di escludere queste persone, dal momento che non c'è davvero nulla da salvare tranne la mia autostima. Sono arrabbiato, e non posso garantire che non sarò ancora arrabbiato quando torneranno inevitabilmente al mio mondo. Come suggeriresti che gestisco questo?

firmato,
Solo

RISPOSTA

Caro Alone:

Quando qualcuno ha una grave condizione medica, decidere se parlarne o meno agli altri non è mai semplice. Questo è aggravato quando si tratta di rivelare disturbi mentali o emotivi a causa del diffuso malinteso, dello stigma e della discriminazione comunemente associati a disturbi del cervello. Come hai scoperto, c'è anche un ordine gerarchico tra le malattie mentali. Le persone sono generalmente più comprensivi e accettano di depressione e disturbi d'ansia di quanto non siano di disturbo bipolare, schizofrenia o disturbo schizoaffettivo. Questo è semplicemente a causa della squallida mancanza di alfabetizzazione della salute mentale tra il grande pubblico.

Nel considerare se dire o no, è importante che qualcuno pensi attraverso chi dire (la risposta potrebbe essere diversa per i diversi familiari, amici, datori di lavoro e conoscenti) e quante informazioni e dettagli fornire (ad esempio il nome del disturbo , la natura del trattamento, informazioni specifiche e generali, ecc.). Decisioni come questa sono profondamente personali. In definitiva, le persone devono prendere decisioni che si sentano a loro agio! Non c'é giusto o sbagliato.

Tornando alla tua situazione specifica: hai preso la decisione di essere sincero con gli amici di cui ti fidi, sperando che capiscano e si radunino intorno a te. Questo non era il caso, quindi capisco la tua delusione. Ma considera la possibilità che questi amici non fossero malintenzionati. Potrebbero semplicemente sentirsi a disagio e non sapere esattamente come reagire o cosa dire, perché non comprendono il disturbo bipolare, il suo decorso o il suo trattamento.

Forse, potresti cogliere questo come un momento insegnabile, concentrandoti su uno o due degli individui con cui ti senti più vicino e aiutandoli a capire meglio la tua esperienza. Dopo aver parlato, potresti anche indirizzarli a risorse online per informazioni come uno degli opuscoli messi a disposizione dall'Istituto Nazionale di Salute Mentale o dall'Alleanza Nazionale sulle Malattie Mentali.

Essere ospedalizzati per un disturbo mentale spesso si sente come una battuta d'arresto per quell'individuo (anche se non dovrebbe essere così!). Certo, si tratta di un'interruzione imprevista del lavoro, dello studio e / o delle amicizie. Dici che la tua sicurezza in se stessi è in frantumi, quindi concediti il ​​tempo e concediti di tornare lentamente a una normale routine. Cerca di trattenere la rabbia verso i tuoi amici, che potrebbe rivelarsi fuori luogo. Potresti scoprire che alcune di queste amicizie erano tenui e non vale la pena di risorgere, ma spero sinceramente che almeno alcune di esse siano recuperabili.

Hai firmato la tua lettera "solitaria". Simultaneamente al lavoro sulle tue vecchie amicizie, potresti voler essere coinvolto in un gruppo di supporto come quelli sponsorizzati dalla Depressione e dall'Alleanza di supporto bipolare. Questo ti permetterà di incontrare altre persone che hanno difficoltà con problemi simili e che possono sostenerti quando ti rimetti in piedi. Spero che abbiate anche il beneficio di una relazione con un professionista della salute mentale che può aiutarvi a superare questo trauma.

Ricorda che sollevando il velo della segretezza e la vergogna che i disordini cerebrali del sudario possono essere compiuti solo una persona alla volta. Apprezzo la tua onestà e la tua pubblicazione di questa lettera.

Vivi auguri per la vostra guarigione,
Irene

PS Nel mio libro (co-autore di Jerome Levine, MD), Schizophrenia for Dummies (Wiley, 2009), su P. 216-222, c'è una vasta sezione su "Breaking the News", i pro ei contro della divulgazione mentale disturbi. Dato che fornisce consigli molto più dettagliati di quelli che potrei postare qui, potresti dare un'occhiata al libro nella biblioteca. Sebbene i nostri commenti nel libro siano incentrati sulla schizofrenia, sono altrettanto pertinenti al disturbo bipolare.

Hai una domanda sulle amicizie?

Solutions Collecting From Web of "Disappearing Acts: quando gli amici se ne vanno dopo una diagnosi di disturbo bipolare"