Disagio costruttivo: come fare ciò che davvero non vuoi fare

Se sei come molti di noi, ci sono un certo numero di cose che sai dovresti fare, ma non puoi semplicemente farti fare da te. Sai che dovresti allenarti, dovresti ridurre le calorie, dovresti dedicare meno tempo a Facebook, e dovresti risparmiare più del tuo magro reddito. Sai che dovresti chiamare quell'amico che ha lasciato un messaggio e sai che dovresti prendere la spazzatura, ora. Ma c'è una vocina nella tua piccola testa che dice "NON VOGLIO".

Non voglio !!!!!

La tua regola implicita per la tua vita è: "Se non voglio farlo, allora non lo farò". Oppure, potresti anche prendere posizione in base al principio : "Non avrei dovuto farlo". Sei orgoglioso della tua autonomia mentre la tua autodisciplina è svanita. Incroci le braccia sul petto in segno di sfida e poi ti chiedi "Perché non ho fatto niente?"

OK. Potrei dire "CRESCERE!" Ma potrebbe sembrare un po 'meno empatico di quello che ti piacerebbe. Quindi, lo metterò in un modo diverso: "Se fai solo ciò che vuoi fare, allora non otterrai ciò che vuoi ottenere". È così semplice.

Qual è il disagio costruttivo ? Beh, pensa in questo modo, amico mio. È davvero semplice

  1. Cosa vuoi?
  2. Cosa devi fare per averlo?
  3. Sei disposto a farlo?

OK. Prendiamo la maggior parte delle persone. Voglio perdere dieci sterline. Cosa devo fare? Mangia di meno, fai più esercizio fisico. Sono disposto a farlo? Hmmmmmm.

Probabilmente hai notato, non ti ho chiesto cosa volevi fare, non ti ho chiesto la tua motivazione, e non ti ho chiesto cosa ti ha detto tua madre quando avevi cinque anni. Perché? Perché niente di tutto ciò è rilevante.

Ciò che è rilevante è definire gli obiettivi, impegnarsi a comportarsi e praticare il disagio.

Pensa al disagio come mezzo per un fine. È uno strumento.

Costruire il muscolo mentale

Nel mio libro, ANSIETÀ GRATUITO: NON RISPARMIA LE TUE PAURE PRIMA CHE NON TI SCOPRI, ti chiedo di pensare al disagio come mezzo per un fine.

Ecco alcuni semplici esercizi che puoi fare per aumentare la tua tolleranza al disagio.

  1. Fai una storia di disagio- "Quali sono le cose che hai fatto che erano scomode, ma le hai fatte comunque?"
  2. Metti in relazione il disagio con l'orgoglio: "Di cosa ti sei sentito orgoglioso? C'è stato qualche disagio? "
  3. Assegnati un po 'di disagio- "Tieni traccia delle cose che fai a disagio. Guarda se sono collegati a fare le cose. "
  4. Riconoscere che il disagio è temporaneo- "Tutto il disagio è temporaneo. Non ti ucciderà. In effetti, ti renderà più forte. I ballerini dicono, 'E' stato un buon allenamento. Fa male. '"
  5. Se non stai facendo qualcosa di scomodo ogni giorno, allora non stai facendo progressi.

Puoi usare il tuo disagio come un investimento, per fare ciò che deve essere fatto in modo da poter ottenere ciò che vuoi veramente.

Praticare il disagio è come costruire un muscolo mentale.

Ho chiesto a un giovane che si è laureato a West Point, "Qual è la cosa più importante che hai ottenuto dal tuo allenamento?" "Signore" (mi è piaciuto che l'abbia detto). "Signore, ho imparato che ero in grado di fare cose che non avrei mai pensato che sarei stato in grado di fare".

Si chiama autodisciplina.

Il disagio è temporaneo. L'orgoglio è per sempre.

Solutions Collecting From Web of "Disagio costruttivo: come fare ciò che davvero non vuoi fare"