Disabilità e umanità in terapia

La disabilità ci spaventa.

La disabilità fisica ricorda il corpo abile della nostra fragilità e mortalità, e la disabilità mentale ci dà uno sguardo nel mondo invisibile ma dannoso del disagio cognitivo ed emotivo. Noi umani amiamo la negazione, quindi le esperienze con la disabilità ci costringono a confrontarci con la realtà. E questo è a disagio.

I terapeuti non fanno eccezione. Nel nostro ruolo professionale ci immedesimiamo nel dolore dei nostri clienti e la disabilità fisica può inviarci in luoghi inaspettati. Probabilmente non cureremo la ferita, quindi cosa possiamo fare? Come si relazionano la psiche e il soma? Dovremmo entrare in empatia con il dolore fisico o unirci all'inevitabile risposta emotiva?

Come ogni relazione terapeutica, dipenderà dalle circostanze.

La dottoressa Deborah Buckwalter, psicologa californiana di Pasadena, ha passato la maggior parte della sua carriera ad aiutare persone con disabilità fisiche e mentali. Attraverso i suoi test neuropsicologici e la psicoterapia, aiuta le persone a capire perché il loro cervello fa quello che fa e come funziona nelle relazioni. Ha sposato un uomo con una disabilità fisica (la mia intervista con lui qui) e combina la sua esperienza personale con la sua formazione professionale per aiutare le persone a prosperare nonostante i limiti fisici e cognitivi.

Nel video qui sopra racconta la storia di un uomo che ha attraversato incredibili traumi fisici ed emotivi (ovviamente tutte le informazioni identificative sono distorte). Attraverso quell'esperienza, apprende che a volte il trattamento del danno fisico può mettere in ombra l'umanità della vittima e anche i badanti. Il Dr. Buckwalter si è anche preso il tempo di rispondere ad alcune domande sul suo discorso:

Ryan: Perché hai scelto di raccontare questa particolare storia?

Deborah: ci sono momenti di significato in ogni incontro che ho con i clienti, quindi in qualche modo è stato difficile scegliere. Ma penso che fosse perché i momenti descritti in questa storia erano così chiaramente trasformativi sia per il mio cliente che per me. In particolare per me, c'è stato un cambio di paradigma rispetto a come mi vedevo nel contesto del mio lavoro.

Ryan: cosa speri che gli spettatori imparino da questo?

Deborah: Come terapeuti, la maggior parte di noi ha una formazione significativa, lo sviluppo di competenze e un'esperienza tali da portare molto nella stanza quando ci impegniamo nel processo terapeutico con i nostri clienti. Nella maggior parte dei casi siamo affidabili e i clienti possono essere ragionevolmente certi che ci uniremo a loro per fare un lavoro efficace. E, come gli spettatori, anche noi siamo in continua evoluzione e impariamo di più con ogni relazione terapeuta-cliente e ogni situazione.

Ryan: Com'è stato esibirlo sul palco?

Deborah: di solito non mi sento a mio agio sotto i riflettori. C'è una ragione per cui sono il bassista e non il cantante o il chitarrista nella mia band! Inoltre, non sono bravo a trasmettere informazioni alla memoria, quindi c'erano sicuramente alcune paure da affrontare nel salire sul palco. Ma il fatto che gran parte della preparazione e delle prestazioni avvenute con il supporto di un leader ispirato e di un gruppo di terapeuti ha fatto un'enorme differenza nel incoraggiarmi a condividere la mia storia.

—-

Moments of Meaning è un evento no-profit sviluppato con lo scopo di demistificare la terapia e ridurre lo stigma della terapia attraverso la narrazione. Vieni a vedere più discorsi sul sito web e connettiti attraverso la pagina di Facebook. È un evento del National Psychotherapy Day, impegnato a demistificare e stigmatizzare la psicoterapia.

Mi piacerebbe che tu mi unissi a me anche al mio Facebook e al mio sito web.

Solutions Collecting From Web of "Disabilità e umanità in terapia"