Dire no alla discriminazione contro le donne incinte e nuove

Amo essere una donna. Amo il mio forte legame con la mia intuizione, il mio corpo femminile e le mie fluttuazioni ormonali – anche se a volte mi fanno impazzire. Penso che sia un miracolo quello che siamo in grado di fare con i nostri corpi. Creiamo letteralmente carry e partoriamo un nuovo essere (con l'aiuto del nostro partner). È un peccato, tuttavia, che la maggior parte dei luoghi di lavoro non lo riconoscono. Invece, avvelenano questo incredibile momento di essere una nuova mamma con discriminazione.

Image by Connie Ma (Flickr)
Fonte: immagine di Connie Ma (Flickr)

Due settimane fa, il comitato per le donne e le pari opportunità nel Regno Unito ha pubblicato un nuovo rapporto che mostrava un scioccante aumento della discriminazione sul posto di lavoro nei confronti delle donne in attesa e di quelle nuove. Un inquietante 25%, quasi il doppio rispetto a quanto riportato in precedenza, delle donne ha lasciato il lavoro a causa di problemi di salute e sicurezza relativi alla gravidanza e alla maternità.

Leggere statistiche come questa mi rende triste, frustrato e deluso. Triste perché conosco donne che sono state in questa situazione e hanno lasciato il lavoro che amavano perché non si sentivano più i benvenuti, ascoltati o rispettati. Frustrato perché dovremmo migliorare, non peggio! Deluso perché le organizzazioni dovrebbero sapere meglio di questo ormai.

Voglio esortarti a combattere contro statistiche come questa. Voglio incoraggiarti a impedire che la discriminazione accada dove sei. Voglio aiutarti fornendo alcuni suggerimenti su come iniziare.

Ricorda cosa hai da offrire.

Elenca i tuoi punti di forza, le tue migliori qualità e il tuo set completo di abilità. Ricorda a te stesso il motivo per cui eccelli nel tuo lavoro e scrivi esempi concreti di situazioni specifiche quando hai eccelso. Conserva una copia di tutte le tue recensioni sulle prestazioni e assicurati che anche il tuo manager e le risorse umane ne abbiano una copia. Spiega loro perché sei insostituibile.

Crea una tribù di supporto al lavoro.

Trova altre donne al lavoro che si aspettano, nuove mamme o mamme in generale. Formare un gruppo di supporto con loro e incontrarsi mensilmente a pranzo oa cena per parlare. Condividi le tue esperienze, offri le tue migliori pratiche e aiutaci a risolvere le sfide. È incredibilmente potente essere circondati da persone che stanno attraversando la stessa cosa. Ti fa capire che è giusto sentirsi sopraffatti e che non sei solo.

Fai sapere al tuo HR che hai creato un gruppo informale come questo e che saranno anche più propensi a stare dalla tua parte. Se il tuo posto di lavoro non è abbastanza grande da creare un gruppo come questo (anche se inizia con solo due!), Vai su forum su siti web come LinkedIn o Mumsnet per trovare altre persone nel tuo settore che stanno attraversando la stessa cosa. Insieme siete sempre più forti e più fiduciosi.

Parla quando le cose cominciano a sbagliare.

Se in qualsiasi momento inizi a sentirti a disagio per qualcosa al lavoro – che si tratti di discriminazione o di sensazione che le condizioni di lavoro non siano abbastanza sicure – parlarne. Dì al tuo manager o ai tuoi colleghi come ti senti e perché. Avere discussioni aperte, oneste e trasparenti a riguardo. Facendolo all'inizio, ti impedirai di trasformarlo in un grosso problema e avrai molte più probabilità di risolverlo. Non aver paura di discutere di eventuali problemi sul lavoro perché solo comunicandoli possono essere risolti.

So che questi suggerimenti sono semplici e che la discriminazione contro le donne è molto più complessa di come l'ho presentata qui. Tuttavia, ognuno di noi ha un ruolo da svolgere nel renderlo meno probabile e renderlo sgradito. Questi suggerimenti sono solo alcune idee per aiutarti a iniziare.

Ovunque tu sia e qualunque cosa tu decida di fare, ricorda che avere un figlio è una delle esperienze più belle che puoi avere. Non lasciare mai che i problemi sul posto di lavoro lo mettano alla prova.

Per ulteriori approfondimenti sulla felicità come questi, registrati per ricevere aggiornamenti gratuiti via e-mail da Susanna su Happyologist.co.uk.

Solutions Collecting From Web of "Dire no alla discriminazione contro le donne incinte e nuove"