Dipendenza dai siti web suicidi

Nel marzo del 2011, un ex-infermiera americana di 46 anni, William Melchart-Dinkel, del Minnesota, fu condannato per aver persuaso due persone che aveva incontrato online per suicidarsi. Melchart-Dinkel è stato accusato di avere un "suicidio feticcio" perché ha avuto il calcio di frequentare le chat room suicide online. Proponendosi come infermiera, parlava online e fingeva compassione per gli individui depressi e li incoraggiava a suicidarsi.

Più in particolare, un tribunale statunitense lo ha dichiarato colpevole di aver aiutato i suicidi della studentessa canadese di 18 anni Nadia Kajouli (che è saltata in un fiume e annegata), e del 32enne tecnico IT britannico Mark Drybrough (che si è impiccato). Durante il processo, la madre di Nadia ha condiviso estratti delle chat online che hanno avuto luogo tra sua figlia e Melchart-Dinkel (che utilizzava vari alias tra cui "Cami", "Falcon Girl" e "Li Dao"). Una task force per i crimini di Internet del Minnesota ha esaminato forensimente il computer di Melchert-Dinkel e ha localizzato le chat online che aveva con l'adolescente canadese. La conversazione online dimostrò che Melchart-Dinkel aveva spinto Nadia a impiccarsi (piuttosto che uccidersi annegando) e forniva istruzioni dettagliate su come uccidersi:

"Se volevi appendere avremmo potuto farlo insieme online, quindi non sarebbe stato così spaventoso per te … La cosa più importante è la posizione del cappio sul collo … il nodo dietro l'orecchio sinistro e la corda attraverso la carotide è molto importante per l'incoscienza istantanea e la morte … sto solo cercando di aiutarti a fare ciò che è meglio per te non io ".

Melchart-Dinkel ha persino esortato Nadia a uccidersi mentre stavano chattando online. Poche ore dopo aver chiacchierato con Melchart-Dinkel, Nadia ha mandato un'email al suo compagno di stanza e le ha detto che avrebbe "sfidato il tempo e andare a pattinare sul ghiaccio" (nel tentativo di farlo sembrare un incidente). Nadia è saltata su un fiume ghiacciato (ma il suo corpo non è stato ritrovato fino a 11 giorni dopo il suo salto). Nel caso di Mark, Melchert-Dinkel ha risposto a una domanda postata online da Mark su come avrebbe potuto impiccarsi se non avesse un soffitto alto. Dopo una lunga conversazione via e-mail, Melchert-Dinkel gli ha dato istruzioni su cosa fare e ha convinto Mark che anche lei era suicida. Melchert-Dinkel ha scritto:

"Continuo a mantenere la speranza che le cose possano cambiare. Presa tra l'essere suicida e considerarla. La stessa vecchia storia! … Non voglio perdere tempo a nessuno. Se vuoi qualcuno che è un suicida, io non sono ancora lì … Scusa. Ammiro il tuo coraggio Vorrei averlo avuto ".

Mark si è ucciso pochi giorni dopo. La madre di Mark, Elaine, chiamò Melchert-Dinkel "il carnefice" di suo figlio . Ha anche detto al Daily Mail nel Regno Unito:

"Mark aveva avuto un esaurimento nervoso ed era depresso e incredibilmente sensibile. [Melchert-Dinkel] era lì che gli sussurrava nell'orecchio ogni volta che si collegava. Nell'ultima email, [ha] affermato di essere un'infermiera, dicendo che aveva una formazione medica, e ha proposto un patto suicida "

Con l'aiuto di Celia Blay (un'adolescente del Wiltshire nel Regno Unito), la madre di Mark è riuscita a rintracciare Melchert-Dinkel. Fu durante la loro indagine che scoprirono che dozzine di persone avevano ricevuto email simili a quelle di Mark:

"Abbiamo scoperto tutto su di lui su Google, incluso dove viveva nel Minnesota. Si univa a loro usando un'identità femminile, era molto amorevole e comprensivo, ma non suggeriva mai un'alternativa alla morte, anche quando erano solo adolescenti. Diceva loro che intendeva uccidere se stesso e ha detto che avrebbero dovuto installare una webcam e che avrebbe fatto la stessa cosa in modo che potessero guardarsi morire su Internet " .

Durante la sua testimonianza, Melchert-Dinkel ha ammesso di aver chiesto a una telecamera tra le 15 e le 20 persone di suicidarsi mentre guardava (anche se quando è stato catturato per la prima volta, ha detto che le chat online devono essere state le sue figlie adolescenti). Un rapporto sul caso di Melchert-Dinkel ha osservato:

"Anche se non ha mai assistito a un suicidio, ha creduto che almeno cinque delle persone con cui aveva parlato riuscissero a togliersi la vita. Ha anche preso parte a circa 10 "patti suicidi" dove ha promesso di uccidersi contemporaneamente alla persona con cui stava chiacchierando … Melchert-Dinkel è stato ricoverato in un ospedale dove ha detto ai medici di avere un "suicidio fetish" e una dipendenza dal suicidio siti web”.

Prima del processo, l' Associated Press aveva intervistato il professor Jonathan Turley (George Washington University Law School), un esperto di suicidio assistito dal medico. È stato riferito che:

"[La professoressa Turley non ha mai sentito parlare di nessuno che sia stato processato per aver incoraggiato un suicidio su Internet. In genere, le persone vengono perseguite solo se aiutano fisicamente qualcuno a porre fine a tutto questo, ad esempio consegnando alla vittima una pistola, un cappio o droghe. Il mese scorso, un uomo della Florida è stato accusato del suicidio della moglie dopo aver presumibilmente caricato diverse pistole caricate sul loro letto. Turley ha detto che se i pubblici ministeri accusano Melchert-Dinkel, condannarlo sarà difficile, soprattutto se la difesa rivendica la libertà di parola. Il professore di giurisprudenza ha dichiarato di tentare di rendere illegale l'urlo "Salta!" a qualcuno su un ponte non sono sopravvissuti alle sfide costituzionali. "Qual è la differenza tra chiedere a qualcuno di saltare da un ponte e inviare via e-mail la stessa esortazione?" Egli ha detto".

Questa linea di difesa è stata utilizzata dal team legale di Melchert-Dinkel. Il suo comportamento è stato descritto come "aberrante" dal suo stesso avvocato (Terry Watkins) ma ha sostenuto in tribunale che le azioni del suo cliente erano protette dalla libertà di parola. Watkins ha detto in tribunale che:

"La libertà significa che devi permettere che accadano cose che alcuni troverebbero disgustose e del tutto inaccettabili da una comunità o da un punto di vista morale".

Tuttavia, il giudice presiedente (Thomas Neuville) ha affermato che l'imputato ha " istigato immediatamente le vittime al suicidio" e ha descritto i commenti scritti online di Melchart-Dinkel come "discorsi non protetti". È stato condannato a quasi un anno di carcere (360 giorni) ma è stato rinviato fino a una sentenza della Corte Suprema (SC). Più tardi, la SC del Minnesota ha annullato la condanna di Melchert-Dinkel e ha stabilito che la legge del Minnesota che proibiva l ' "incoraggiamento" del suicidio era incostituzionale e (come sosteneva il professor Turley) ha violato la libertà di parola di una persona. Tuttavia, il caso (per quanto ne so io) continua ancora perché i pubblici ministeri di stato originali stanno cercando di sostenere che Melchert-Dinkel "ha assistito" (piuttosto che "incoraggiato" ) i suicidi della gente.

Il mio punto di vista su questo caso è che Melchart-Dinkel ha commesso un atto criminale e che la sua pretesa ai medici di essere "dipendente" dall'incoraggiare le persone a suicidarsi è stata fatta come un modo per assolvere la responsabilità di ciò che ha fatto. Non c'era nulla nel suo comportamento online per suggerire che fosse in qualche modo dipendente (almeno non secondo i miei criteri). Inoltre, il suo uso della parola "fetish" in questo caso è inappropriato. Sebbene sembrasse ottenere qualche tipo di calcio dalla sua attività, non c'era nulla di sessuale in esso. Di nuovo, il suo uso della parola "feticcio" per descrivere il suo comportamento sembra anche essere un altro espediente linguistico per prendere le distanze dalla presa in carico delle sue azioni.

Riferimenti e ulteriore lettura

Associated Press (2011). L'infermiera William Melchart-Dinkel aveva un "suicidio feticcio", è andato online per provocare la morte di due persone: poliziotti. New York Daily News, 17 ottobre. Si trova su: http://www.nydailynews.com/news/national/nurse-william-melchert-dinkel-s…

Caulfield, P. (2011). Infermiera "suicida fetish" colpevole di aver provocato persone che ha trovato online per uccidersi. New York Daily News, 16 marzo. Si trova su: http://www.nydailynews.com/news/national/suicide-fetish-nurse-found-guil…

Firth, N. (2010). Revealed: l'infermiera voyeur suicida che "ha incoraggiato le persone a suicidarsi online". Daily Mail, 20 marzo. Si trova su: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1259379/The-suicide-voyeur-nurse…

Guariglia, M. (2014). William Melchert-Dinkel: 5 fatti veloci che devi sapere. Heavy News, 19 marzo. Si trova su: http://heavy.com/news/2014/03/william-melchert-dinkel-suicide-minnesota-…

Murray, Rheana. (2008). Una ricerca per la morte: come internet viene usato come un libro di cucina suicida. Chrestomathy, 7, 142-156.

Yount, K. (2014). La Corte suprema del Minnesota gira le spalle ai malati di mente. (i) Pignone, 27 marzo. Situato a: http://ipinionsyndicate.com/minnesota-supreme-court-to-suicide-predators…

Solutions Collecting From Web of "Dipendenza dai siti web suicidi"