Dipendenza da tossicodipendenti

I tossicodipendenti arty morti (DABBA) creano pericolosamente dipendenza.

A metà luglio, nell'elegante Hotel Lafayette dell'est Village, un giovane artista decadente e "emergente" di nome Dash Snow morì un giorno prima del suo 28esimo compleanno, apparentemente di un'overdose intenzionale di eroina.

La caduta di Snow, dopo averlo seguito da vicino sui tacchi lampeggianti dell'ultimo ballo di Michael Jackson, mi ha portato in una lunga serie di meditazioni su coniglio – di cui il seguente è solo un tunnel – su morti tossicomani arty (DABBA) e il sottoculture che li amano.

Perché ha iniziato come artista di graffiti, proprio come Jean-Michel Basquiat, e poiché Snow è riuscito a morire alla stessa età del suo predecessore (che è diventato una miniera d'oro post-overdose), le numerose Polaroid, i collage e le installazioni di Snow sono ora candidati per un rapido apprezzamento dei prezzi. Che fosse un nipote della dea del mondo dell'arte, Christophe deMenil, non ha danneggiato le sue possibilità. Qualcuno ha già creato un sito Web chiamato, 200 siti per conoscere Dash Snow. I tentativi di canonizzarlo – e di mercificarlo – sono in corso.

La sua "leggenda" è una riproduzione modestamente ri-toccata della saga ormai standard della stella d'arte sacrificale: ribellione, uso di droghe, esuberanza, gusto del successo, disperazione. Era, ci assicurano i suoi amici, personalmente amabile: affascinante, "dolce". Anche delizioso: flessuoso, onesto, triste, birichino, regredito. Era notoriamente affezionato al sesso, alle droghe e al pericolo: piccoli furti, piccole orgie in "nidi di criceto" di sfogliati elenchi telefonici allestiti in gallerie e hotel con amici: Sporco stupido divertimento.

La neve si scatenò, alla fine si unì a un gruppo di artisti del centro che includevano Dan Colen e Ryan McGinley. Quest'ultimo, un fotografo che descrive la giovane musa come sua musa, lo ha catturato come un giovane artista di graffiti che etichetta il lato di un edificio al tramonto – un'immagine di un angelo saturnino alto e solo che ora è un'icona nell'agiografia di Snow.

Nel terminare la sua vita, il signor Snow abbandonò il suo amante e sua figlia di due anni. È abbastanza imperdonabile, ma i tossicodipendenti DABBA alla fine lo lasceranno andare. Abbiamo fatto altrettanto per Kurt Cobain, la cui figlia di due anni si è rivelata a posto nonostante il suicidio con il papà di papà, e sembra che l'abbia fatto tanto per l'ubriaco Jackson Pollack che ha tirato fuori Edith Metzger, una giovane donna che ha accettato di essere in la sua macchina quando si è schiantato l'11 agosto 1956. Il bello delle leggende, distinte dalle persone reali, è che puoi cancellare le parti che non ti piacciono.

Confesso che, contro il mio migliore giudizio, ho messo da parte l'intima tragedia della vita del giovane Snow, le sue sofferenze e difetti e sono rimasto estasiato dalla sua stampa e dal suo potenziale pin-up. Ho discusso con me stesso se fosse davvero bello, come il grande jazz Chet Baker,

o semplicemente irresistibilmente legato fuori dall'aspetto simile a quello di un eroe sopravvissuto, Keith Richards.

Sono rimasto affascinato dai suoi tatuaggi, dalle sue strane barbe, dalla sua propensione a eiaculare sulle immagini scandalistiche di Saddam Hussein e a presentare i risultati come arte

Ho immaginato come dovevano essere sentiti i suoi fiocchi nella spazzatura; Mi sono arrabbiato empaticamente con sua madre. (Quando era un adolescente, lo ha spedito in un gruppo di riabilitazione la cui insipidezza, a giudicare dal suo sito web avrebbe spinto il papa a far scoppiare le pillole.) Lo odiavo, lo amavo, ero lui, mi congratulava per non essere lui. In altre parole, anche se sapevo che questa istanza della storia della DABBA poteva essere tagliata con un prodotto inferiore, ho fatto l'acquisto, l'ho portato a casa e l'ho messo in riga.

Ho avuto una simile risposta immaginaria-playmate alla morte di Dash che milioni di consumatori di media hanno avuto per Jacko. Ora che lui era qualcosa di diverso da una persona vivente, potevo usare "Dash Snow" per generare emozioni e un'illusione di connessione a cose a cui non ho tempo né accesso al nervo o alla posizione sociale per accedere. Attraverso di lui sono momentaneamente sfuggito agli amati confini della mia vita. Era sporco, stupido divertimento.

La comunità scientifica, psicologi, neuroscienziati, et. al. conosco molto sulla dipendenza e, mentre trovo molto di ciò che ci dicono affascinanti, niente di tutto ciò è divertente. La scienza rende il fascino della dipendenza avvizzito sulla vite: all'inizio, i ricercatori ci dicono che gli oppiacei come l'eroina inondano il cervello di dopamina che dà piacere. Molti potenziali tossicodipendenti iniziano con meno di normali recettori della dopamina, il che rende l'esperienza precoce dei livelli di dopamina meno come un calcio che come una rivelazione. Ma nel tempo i picchi della dopamina associati alla droga distorcono la capacità di stabilire priorità (come la cura delle figlie) o disimparare un'abitudine ai farmaci. Nelle fasi successive di un'abitudine, il cervello dipendente cerca di stabilizzarsi da parte dei recettori della dopamina, e con loro va la capacità di provare gioia. Questo tipo di menomazione è lento a guarire ea volte è permanente, il che è uno dei motivi per cui i tossicodipendenti ricorrono tanto spesso, come Dash Snow.

La scienza è affascinante; ha una storia infinita di scoperta e riscoperta; collega le persone in tutto il mondo; è una medicina forte Ma come antidoto al fascino dell'ubriachezza, le conoscenze scientifiche rimangono un segnaposto – non una cura.

Mi sento ancora (colpevolmente) felice che Dash Snow abbia fatto cose folli e stupide volgari che posso godermi dalla sicurezza dell'atrio di un museo. Come artista, potrebbe rivelarsi più un Modigliani – splendido, dissoluto, minore – di un Corbet – arrogante, scioccante, importante – ma, parlando come un tossicodipendente da dipendenza tra miliardi, sono felice di averlo per me collezione.

Solutions Collecting From Web of "Dipendenza da tossicodipendenti"