Dipendenza da sesso: realtà o finzione? Parte 3 di 3

Nella presunta “dipendenza dal sesso“, i problemi reali sono solitamente di colpa e vergogna.

Il sesso è disponibile in tre varietà: procreativa, affermativa e ricreativa. Gli umani si sono sempre concessi in tutti e tre. Ma dai tempi biblici fino al XVIII secolo, la sola giustificazione timorata di Dio era la procreazione. Ciò ha avuto un senso in un’economia agraria in cui più bambini significavano più mani per lavorare nei campi.

La rivoluzione industriale ha cambiato questo. Il lavoro di fabbrica urbanizzato ha portato a famiglie più piccole e il pensiero religioso è cambiato. La ragione preferita di Dio per il sesso rimase la procreazione, ma quando l’agricoltura cedette al lavoro salariato, i teologi decisero che l’Onnipotente approvava anche il sesso per affermare le relazioni.

Nel frattempo, la cultura occidentale ha sempre incluso un sottocorrente di nicchia ricreativa: amanti, lavori sessuali, sesso di gruppo e altri tipi di esuberanza erotica.

Negli ultimi 70 anni, i ricercatori hanno confermato l’enorme diversità della sessualità, sconvolgendo tutte le illusioni che gli americani si lasciano scappare solo per le due ragioni approvate da Dio. La grande maggioranza degli americani ha goduto di alcune forme di sesso ricreativo e molti di solito giocano in quel modo.

Il sesso ricreativo può causare ansia, senso di colpa e vergogna

Il sesso ricreativo è ovunque. Dove sarebbero la letteratura, i film e la TV senza di essa? Ma i conservatori religiosi lo chiamano peccato, mentre i conservatori culturali lo chiamano “dipendenza dal sesso”.

Molte persone cresciute in famiglie socialmente conservatrici si sentono angosciate per la baldoria ricreativa, in particolare il sesso da solista, in particolare l’auto-sessualità con il porno. Quando alcune donne scoprono che i loro uomini si accorgono del porno, si girano. Sei un tossicodipendente! Per gli uomini che si sentono in conflitto per quanto riguarda il sesso, questa accusa rinforza una vita di confusione sessuale, senso di colpa e vergogna.

Perché le persone decidono di essere “sex dipendenti”? L’unico predittore coerente è un’educazione profondamente religiosa:

• Ricercatori croati hanno intervistato 1.998 uomini. Tra i più sessualmente attivi, i più sentiti bene riguardo la loro frequenza, mentre alcuni hanno riferito di angoscia. Questi ultimi erano di solito profondamente religiosi e cresciuti per considerare il sesso ricreativo immorale.

• Gli investigatori dell’Università dell’Oklahoma hanno chiesto a 771 uomini e 904 donne cosa pensassero del porno. Coloro che lo condannarono tendevano a identificarsi come fondamentalisti e riferivano la più grande colpa e vergogna per la visione.

• Gli scienziati della Case Western Reserve hanno chiesto a 2.232 adulti se si sentivano dipendenti da Internet porn. Alcuni hanno risposto “sì”, altri “no”. L’unica differenza tra i due gruppi: l’identificazione con le religioni che condannano la masturbazione e il porno.

La dipendenza dal sesso raramente riguarda il sesso “eccessivo” o “disordinato”. Riguarda quasi sempre la confusione, il senso di colpa e la vergogna che alcune persone provano per il fatto di essere sessuali, in particolare auto-sessuali mentre guardano il porno.

Quanto è preponderante il sesso “fuori controllo”?

Per tutte le discussioni sulla “dipendenza dal sesso”, è notevole quanto poco la ricerca abbia esplorato la sua prevalenza generale. La migliore analisi è uno studio neozelandese su 940 adulti. Il 13% degli uomini e il 7% delle donne hanno affermato che durante l’anno precedente si erano sentiti sessualmente fuori controllo.

Ma i sentimenti non sono azioni. I sentimenti si manifestano spesso come fantasie erotiche, che sono totalmente normali, salutari e si aggiungono al piacere e alla soddisfazione erotici. Wild, strane sensazioni erotiche possono essere sconcertanti, ma non causano danni e non sono un problema sociale.

Il vero problema sono le azioni sessuali. Meno dell’1 per cento ha dichiarato che le loro attività sessuali hanno mai interferito con le loro vite: lo 0,8 per cento degli uomini e lo 0,6 per cento delle donne, sette persone per 1.000.

In realtà, queste cifre devono essere sopravvalutate. Molti di coloro che hanno riferito di sesso “fuori controllo” hanno citato incontri gay / lesbiche. Ma fare l’amore tra persone dello stesso sesso non è fuori controllo. È normale e buono.

Molti degli uomini del sondaggio neozelandese hanno definito il sesso a pagamento “fuori controllo”. Qualunque cosa tu pensi della prostituzione, si stima che il 15-20 percento degli uomini americani abbia pagato per il sesso. Alcuni di questi possono segnalare la compulsività, ma per molti uomini le visite alle prostitute riconciliano le grandi libido con le differenze croniche del desiderio coniugale. Una lavoratrice del sesso a Portland, in Oregon, ha esaminato i suoi clienti, chiedendo perché l’hanno visitata. Tra i suoi clienti sposati, la ragione numero uno era “salvare il mio matrimonio“. Si può disapprovare il condiscendenza dei lavoratori del sesso, ma pagare per il sesso non è necessariamente fuori controllo. Potrebbe essere una soluzione ragionevolmente razionale alle differenze croniche del desiderio coniugale.

Molte delle donne hanno dichiarato di aver agito in modo incontrollabile perché avevano avuto più partner. La società chiama spesso queste “troie”, portando alcuni a sentire che qualcosa non va in loro. Ma l’unico studio su donne altamente sessuali li dimostra solidamente nel controllo di se stessi. Rispetto ad altre donne, si godono semplicemente il sesso di più.

Quindi è probabile che meno di 7 persone su 1.000 abbiano effettivamente agito sessualmente senza controllo, molto meno delle affermazioni dell’industria del sesso-dipendenza.

Preoccupato potresti avere un problema di sesso / porno?

Diciamo che 5 persone su mille (0,5 per cento) fanno sesso che li danneggia effettivamente e / o altri. Questa è una piccola percentuale della popolazione, ma in una nazione di 250 milioni di persone di età superiore ai 14 anni, sono 1,5 milioni di persone. Se temi di essere tra loro:

Passaggio 1. Perché pensi di essere fuori controllo?

Pensieri? Se i tuoi pensieri sono il problema, sei normale. Ognuno ha pensieri erotici. Molti li hanno più volte al giorno. E molti hanno fantasie erotiche che trovano inquietanti. Ma non siamo responsabili per i nostri pensieri, solo per le nostre azioni. Non stressarti per le tue fantasie.

Azioni? Molti si definiscono “sexdomini” per il sesso che non è eterosessuale e monogamo. Ma le relazioni tra persone dello stesso sesso sono normali. Quindi è la non monogamia consensuale.

Educazione? I tuoi genitori o la tua chiesa ti hanno asserito che la masturbazione e il sesso ricreativo sono malvagi? Credi quello che vuoi, ma più di 70 anni di ricerca mostrano che l’auto-sessismo è normale e sano, anche quando le persone accarezzano frequentemente. Inoltre, la maggior parte degli americani si è impegnata nel sesso ricreativo e di solito si sente bene a riguardo.

Chi? Chi dice che le tue attività sessuali sono problematiche? Tu? O il tuo partner? Se sei tu, ecco il test. Le tue azioni sessuali interferiscono in modo significativo con le tue responsabilità quotidiane a scuola, lavoro, famiglia e amici? In tal caso, procedere ai passaggi 3 e 4.

Se è il tuo partner, chiedi perché lui o lei, probabilmente lei, la pensa così. Il tuo partner potrebbe sbagliarsi:

• Alcune donne credono che solo gli uomini riprovevoli guardino il porno. In realtà, praticamente tutti gli uomini lo fanno.

• Alcune donne credono che il porno sia violento e promuova violenza sessuale. In effetti, il porno è meno violento delle normali tariffe televisive e dei videogiochi e non contribuisce allo stupro. In tutto il mondo, dal momento che il porno è diventato più facilmente disponibile, i tassi di violenza sessuale, compresi gli abusi sessuali su minori, sono diminuiti.

• Alcune donne credono che il porno corrompa gli adolescenti. Tuttavia, dall’arrivo di Internet porn, i giovani sono diventati più sessualmente responsabili – più probabilmente che mai a rimandare il loro primo rapporto fino a dopo il diploma di scuola superiore, e poi a praticare sesso sicuro.

• Alcune donne credono che le donne che lavorano nel porno siano state trafficate e vivano come schiavi sessuali virtuali. In realtà, le donne nel porno sono molto simili alle altre donne. Si godono semplicemente il sesso di più.

Alcune donne non si oppongono al porno, di per sé, ma si sentono minacciate dagli uomini che si masturbano. Scusate, signore, le licenze di matrimonio non vi concedono il diritto di vietare l’autotrapianto di un partner più di quanto non concedano al vostro uomo il diritto di impedirvi di parlare con i vostri amici.

Esiste, tuttavia, una legittima obiezione nei confronti degli uomini-pornografia che si abituano abitualmente ad esso mentre si rifiuta di fare l’amore con i loro partner (sotto).

Passaggio 2. Se sei preoccupato per le tue azioni, quale / i? Perché?

Tra le donne, la principale ragione per l’autodiagnosi della “dipendenza dal sesso” è costituita da più partner. Presumibilmente, “brave ragazze” ne hanno solo una.

Ma la principale fantasia erotica prevede di farlo con qualcuno che non sia il tuo partner principale. Non rimproverarti per i tuoi sogni ad occhi aperti. Nella fantasia, tutto è permesso e nulla è sbagliato.

Che dire del vero sesso dal vivo con molti amanti? Non c’è nulla di necessariamente “disordinato” in questo. Nel corso della storia, molte donne normali e mentalmente sane hanno partecipato a accoppiamenti non convenzionali. Oggi, circa il 5% delle donne americane ama il sesso a tre, lo scambio e l’oscillazione. Ecco chi sono. A meno che la non-monogamia interferisca in modo significativo con le responsabilità della vita, non è problematica, non è una “dipendenza”.

Tra gli uomini, la preoccupazione principale è la masturbazione al porno. Tuttavia, a un esame più attento, il problema raramente accarezza il porno, di per sé, ma la colpa e la vergogna che gli uomini provano per lo yank.

Passaggio 3. Se pensi ancora che le tue azioni siano fuori controllo, considera la situazione come un’abitudine che vorresti cambiare.

Se all’inizio … Molte persone cercano di perdere peso o smettono di guardare il porno e falliscono. Possono concludere: “Questa abitudine è più forte di me. Devo essere un tossicodipendente. “Non sei un” drogato “. Hai l’abitudine che vorresti cambiare. Questo è un processo di apprendimento. Potresti aver bisogno di diversi tentativi per capire cosa funziona per te. Continua a provare. Alla fine, è probabile che tu abbia successo.

Metti in ordine i tuoi trigger . I trigger sono i momenti in cui senti una forte attrazione verso la tua abitudine. Spesso i trigger includono la noia, lo stress, la solitudine o la fine della giornata lavorativa (Traffic to PornHub, il sito porno più grande del mondo, picchi dalle 17 alle 18). Una volta identificati i trigger, aggirarli.

Dieci minuti . La prossima volta che ti senti innescato, invece di scivolare nella tua abitudine, per soli 10 minuti, fai qualcos’altro, qualsiasi cosa. Dieci minuti non sono lunghi. Anche chi è in preda a tenaci abitudini come il fumo può fare qualcos’altro per 10 minuti. Fare una passeggiata. Esegui una commissione. Controlla la tua email. Chiama un amico, qualsiasi cosa che posponga a indulgere.

Un altro 10? Ok, sei andato 10 minuti. Vedere? La tua abitudine non ti controlla totalmente. Hai esercitato un certo controllo su di esso. Congratulazioni. Stai andando a superarlo. Dopo 10 minuti, decidi se puoi rimandare l’abitudine a un altro 10. In caso contrario, non rimproverarti. Le abitudini cambiano spesso lentamente. Nel tempo, estendere un periodo di evasione di 10 minuti a diversi. Non devi smettere di abbandonare completamente la tua abitudine. Basta confinarlo in un angolo più piccolo della tua vita.

Quale sostituto funziona meglio? Sperimenta per identificare le attività che meglio ti permettono di posticipare la tua abitudine. Abbracciali quando ti senti innescato.

recidive? Se cadi dal carro, riprenditi, analizza perché non sei riuscito a resistere al grilletto (i) e resetta con altri 10 minuti di evitamento.

Se l’auto-aiuto non risolve le cose . Consultare un terapista sessuale. Trovane uno visitando l’Associazione americana degli educatori, consulenti e terapeuti sessuali.

Se preferisci masturbarti a fare il porno piuttosto che fare l’amore con il tuo partner

Il sesso da solo mentre si guarda il porno di solito va bene, purché non interferisca con il resto della propria vita, compreso il sesso con il proprio miele. Nelle relazioni sessuali, le coppie hanno la responsabilità di fare l’amore con una frequenza con cui entrambi possono convivere.

Ecco cosa consigliano i terapeuti sessuali: pianifica in anticipo il sesso del tuo partner e inizia a praticare il sesso da solista in altri momenti. Indipendentemente dal porno, nelle relazioni a lungo termine, le differenze di desiderio sono praticamente inevitabili. Pianificare il sesso è il modo migliore per aggirarli. Quando il porno è un problema, la pianificazione diventa ancora più importante. Con il sesso programmato, le donne possono sentirsi rassicurate che i loro uomini le desiderano ancora e trovare il tempo per fare l’amore con loro. Nel frattempo, gli uomini possono giocare da soli a volte che non interferiscono con il sesso del partner programmato.

Alcuni uomini più anziani scoprono che è più facile eccitarsi e aumentare l’erezione accarezzando il porno piuttosto che fare l’amore con il partner. Puoi diventare eccitato con il tuo amante. Respira profondamente, coinvolgendo un sacco di baci, coccole e massaggi reciproci per tutto il corpo. E se non ti senti abbastanza duro per i rapporti, puoi comunque goderti un soddisfacente, orgasmico “outercourse:” lavoro a mano, sesso orale, e se ti senti così incline, forse un po ‘di nodo.

Una piccolissima parte della popolazione mostra una sessualità veramente fuori controllo. Per loro, il cambio di abitudine e la terapia sessuale di solito risolvono il problema. Sfortunatamente, l’industria della dipendenza dal sesso ha un’estensione ampiamente sovradimensionata della sessualità fuori controllo, e i loro approcci terapeutici raramente si concentrano sul cuore della questione: senso di colpa e vergogna. Ecco perché la maggior parte dei professionisti della salute mentale rifiuta la “dipendenza dal sesso” come finzione.

—-

La prima parte di questa serie esplora se le abitudini come il frequente guardare il porno costituiscono vere e proprie “dipendenze”. La seconda parte esplora il danno presumibilmente inflitto da “dipendenza dal sesso”.

Riferimenti

I veri colpevoli della “dipendenza dal sesso:” colpa e vergogna sessuale

Gilliland, R. et al. “I ruoli di colpa e vergogna I comportamento ipersessuale,” dipendenza sessuale e compulsività (2011) 18:12.

Grubbs, JB et al. “Uso della pornografia su Internet, dipendenza percepita e lotte religiose / spirituali”, Archives of Sexual Behavior (2017) 46: 1733.

Perry, SL e KJ Snawder. “Pornografia, religione e qualità rapporto genitore-figlio”, Archives of Sexual Behavior (2017) 46: 1747.

Stulhofer, A. et al. “L’alto desiderio sessuale è un aspetto dell’ipersessualità maschile? Risultati di uno studio online, ” Journal of Sex and Marital Therapy (2016) 42: 665.

La prevalenza del comportamento sessuale “fuori controllo”

Skegg, K. et al. “Percezione ‘fuori controllo’ del comportamento sessuale in una coorte di giovani adulti dallo studio Dunedin multidisciplinare sulla salute e lo sviluppo,” Archives of Sexual Behavior (2010) 39: 968.

Donne altamente sessuali

Blumberg, E. “The Lives and Voices of Highly Sexual Women”, Journal of Sex Research (2003) 40: 146.

Studi che mostrano più porno, meno stupro

Condron, MK e DE Nutter. “Un esame preliminare dell’esperienza di pornografia di trasgressori sessuali, parfiliaci, disfunzioni sessuali e controlli basati sulle raccomandazioni della Commissione Meese,” Journal of Sex and Marital Therapy “ (1988) 14: 285.

Cook, RF et al. “La pornografia e il molestatore sessuale: modelli di esposizione precedente ed effetti di eccitazione di stimoli pornografici,” Journal of Applied Psychology (1971) 55: 503.

Fisher, WA et al. “Pornografia, crimine sessuale e parafilia”, Current Psychiatry Reports (2013) 15: 362.

Fukui, A. e B. Westmore. “Vedere o non vedere: il dibattito sulla pornografia e il suo rapporto con l’aggressione sessuale”, Australia e Nuova Zelanda Journal of Psychiatry (1994) 28: 600.

Goldstein, M. et al. “Esperienza con la pornografia: stupratori, pedofili, omosessuali, transessuali e controlli”, Archives of Sexual Behavior (1997) 1: 1.

Gwee, KP et al. “Il profilo sessuale degli stupratori a Singapore” , Medicine, Science and the Law (2002) 42:51.

Kohut, T. et al. “La pornografia riguarda davvero ‘fare schifo alle donne?’ Gli utenti di pornografia mantengono più atteggiamenti egualitari di genere rispetto ai non utilizzatori in un campione americano rappresentativo, ” Journal of Sex Research (2016) 53: 1.

Langevin, R. et al. “Pornografia e offese sessuali”, Annals of Sex Research (1988) 1: 335.

Nutter, DE e ME Kearns. “Modelli di esposizione a materiale sessualmente esplicito tra molestatori sessuali, bambini molestatori e controlli”, Journal of Sex and Marital Therapy (1993) 19:77.

Seto, MC et al. “Il ruolo della pornografia nell’eziologia dell’aggressività sessuale”, ” Aggression and Violent Behavior” (2001) 6:35.

Dal 1995, negli Stati Uniti il ​​tasso di violenza sessuale è precipitato del 58%

https://www.bjs.gov/content/pub/pdf/fvsv9410.pdf

In tutto il mondo, più porno, meno stupro

Diamond, M. et al. “Pornografia e crimini sessuali nella Repubblica ceca”, Archives of Sexual Behavior (2011) 40: 1037

Diamond, M. “The Effects of Pornography: An International Perspective”, in Pornography 101: Eroticism, Sexuality, and The First Amendment , a cura di J. Elias et al. Prometheus Press, Amherst, NY, 1999.

Diamond, M. e A. Uchiyama. “Pornografia, stupri e crimini sessuali in Giappone”, International Journal of Law and Psychiatry (1999) 22: 1.

Kutchinsky, B. Pornografia e stupro: teoria e pratica? Prove dal crimine Dati in quattro paesi, dove la pornografia è facilmente disponibile, ” International Journal of Law and Psychiatry (1991) 14:47.

Kutchinsky, B. “L’effetto di facile disponibilità della pornografia sull’incidenza dei crimini sessuali: The Danish Experience,” Journal of Social Issues (1973) 29: 163.

Goldstein, M. et al. “Esperienza con la pornografia: stupratori, pedofili, omosessuali, transessuali e controlli”, Archives of Sexual Behavior (1997) 1: 1.

Il porno non è associato all’assunzione di rischi sessuali

Luder, MT et al. “Associazioni tra pornografia online e comportamento sessuale tra adolescenti: mito o realtà?” Archives of Sexual Behavior (2011) 40: 1027.

Sinkovic, M. et al. “Rivisitare l’associazione tra uso della pornografia e comportamenti sessuali rischiosi: il ruolo della prima esposizione alla pornografia e alla ricerca di sensazioni sessuali”, Journal of Sex Research (2013) 50: 633.

L’esposizione pornica all’inizio della vita non ha un impatto significativamente dannoso

Stulhofer, A. et al. “Pornografia, socializzazione sessuale e soddisfazione tra giovani”, Archives of Sexual Behavior (2010) 39: 168.

Hald, GM et al. “La spiegazione spiega? Valutare l’associazione tra materiali sessualmente espliciti e comportamenti sessuali in un ampio campione di adolescenti e giovani adulti olandesi, ” Journal of Sexual Medicine (2013) 10: 2986.

Le attrici porno sono molto simili alle altre donne

Griffith, JD. et al. “Attrici di pornografia: come valutazione dell’ipotesi sui” beni danneggiati “,” Journal of Sex Research (2013) 50: 621 “.

Critiche del modello di dipendenza dal sesso

Braun-Harvey, D. e MA Vigorito. Trattare comportamento sessuale fuori controllo . Springer, NY, 2016.

Klein, M. His Porn, Her Pain: Confrontando il panico porno di Amerca con onestà sul sesso . Praeger / ABC-Clio, Santa Barbara, CA, 2016.

Kraus, SW et al. “Il comportamento sessuale compulsivo dovrebbe essere considerato una dipendenza?” Addiction (2016) 111: 2097.

Ley, DJ The Myth of Sex Addiction . Rowman & Littlefield, Lanham, MD, 2012.

Reay, B. et al. “Inventare il sesso: la breve storia della dipendenza dal sesso,” Sessualità e cultura (2013) 17: 1.

Voros, F. “L’invenzione della dipendenza dalla pornografia”, Sexologies (2009) 18: 243.

Winters, J. “Disordine ipersessuale: un approccio più cauto”, Archives of Sexual Behavior (2010) Lettera: DOI 10.1007 / s10508-010-9607-2

Winters, J. et al. “Sessualità disordinata e alto desiderio sessuale: distinti costrutti?” Archives of Sexual Behavior (2010) 39: 1029.

Solutions Collecting From Web of "Dipendenza da sesso: realtà o finzione? Parte 3 di 3"