Dipendenza da pronostici

Durante il fine settimana, Mark Sanchez, quarterback della University of Southern California, ha avuto qualcosa di straordinario. La sua squadra ha sconfitto Virginia dal punteggio di 52-7, mentre Sanchez ha completato 26 dei 35 passaggi per una carriera alta 338 metri, compresi tre touchdown. Il motivo per cui è "sorprendente" non è perché tre settimane fa si è slogato il ginocchio in pratica e non aveva giocato a calcio il sabato scorso, ma perché il blitz mediatico che circondava il suo ginocchio faceva sembrare che questo ragazzo stesse andando fuori sul campo due ore dopo l'intervento a cuore aperto.

Nelle ultime tre settimane, quasi tutti i principali commentatori sportivi hanno trascorso almeno dieci minuti sull'argomento. Una rapida ricerca su Google (Sanchez + Knee) produce oltre 1,29 milioni di risultati (che, secondo i miei calcoli, sono quasi 62.000 messaggi al giorno negli ultimi 21 giorni). Ma la cosa interessante di questo è che, almeno per gli atleti di livello, che Sanchez è il più possibile, quattro settimane di recupero da un ginocchio lussato è proprio intorno al ballpark generale di guarigione (il tempo di guarigione è di circa 1-3 mesi se lo fai nient'altro che sedersi sul divano) – un fatto sottolineato dallo stesso Sanchez in un'intervista post partita.

Tutto ciò solleva una semplice domanda: di cosa si trattava tanto? E questa domanda non riguarda solo Knee-gate, ma quasi ogni altro potenziale infortunio in giro. Ieri pomeriggio, durante il segmento del tempo parziale della copertura di ESPN della partita di calcio Kentucky v. L'ville, hanno passato la maggior parte del loro tempo a discutere del potenziale impatto del colpo al piede di Chris Well per l'Ohio State.

Ecco la cosa: Wells si è fatto male ai piedi nel bel mezzo del terzo quarto della loro partita d'apertura. Verso la fine del quarto trimestre, Wells era di nuovo fuori dalla linea laterale, e alla fine della partita, secondo l'OSU

Coach Jim Tressel, "i raggi X sono negativi". Il che significa che non c'è una storia qui.

Ma ancora, il giorno dopo, ESPN ha fatto dieci minuti sulla possibilità di possibilità. Non hanno mostrato nessun altro punto saliente del football universitario (il che è sorprendente considerando che si trattava di uno spettacolo a metà giornata durante l'unica partita di calcio di ieri, che, oh sì, è stato anche il weekend di apertura del football universitario). In qualche modo la possibilità allettante di ciò che potrebbe dovrebbe forse accadere a volte presto sostituito quello che accadeva realmente!

Quindi, di nuovo, qual è il problema?

Agli psicologi piace parlare del piacere della predizione, che è un modo ingegnoso di descrivere ciò che sta diventando rapidamente (se non c'è già) una dipendenza da gioco d'azzardo nazionale. Ci sono 36,7 visitatori annuali a Las Vegas e mentre solo il 5 percento di questi visitatori dichiara di venire a Sin City per il brivido dei dadi, uno sbalorditivo 87 percento di quei visitatori finisce per farli rotolare comunque. Ti sei mai chiesto perché?

Per capire il nostro desiderio di scommettere (o il nostro desiderio di prevedere il futuro) dobbiamo prima capire un po 'di biologia evolutiva. Mentre non avevano giochi di calcio o slot machine sul veldt africano, avevano fame. Ed è stata la necessità di trovare il nostro prossimo pasto che ha contribuito a plasmare il nostro bisogno di prevedere il futuro. Per milioni di anni, i nostri progenitori vivevano in uno stato di costante minaccia, assumendo rischi eccezionalmente grandi soprattutto nella ricerca di cibo e sesso. Quelli che sono grandi scommesse pagate in più calorie sono diventati i nostri antenati, quelli che non sono morti. Il comportamento a rischio è iniziato con la ricerca del cibo e il foraggiamento riguarda il riconoscimento di pattern e l'attribuzione di pattern.

Il riconoscimento del modello è il termine che i neuroscienziati cognitivi usano per la capacità del cervello di ammassarsi come con simili, permettendoci così di ricordare che lanciando grosse pietre spesso rivelano saporite larve, mentre le pietre piatte spesso nascondono serpenti velenosi. Questo è un attributo che ci aiuta a dare un senso a tutte le nostre esperienze. È una capacità che, come sottolinea il professore di neurologia della NYU Elkhanon Goldberg nel suo libro sull'argomento The Wisdom Paradox, "è fondamentale per il nostro mondo mentale. . . Senza questa capacità, ogni oggetto e ogni problema sarebbe un incontro totalmente de novo e non saremmo in grado di portare nessuna delle nostre precedenti esperienze a capire come affrontiamo questi oggetti o problemi. Il lavoro del premio Nobel Herbert Simon e altri ha dimostrato che il riconoscimento dei pattern è uno dei più potenti, forse il meccanismo più importante per risolvere i problemi con successo. "

Quindi è fondamentale la necessità del riconoscimento del modello che sia legato al sistema di bisogno / ricompensa del corpo. Quando riconosciamo i modelli, il nostro cervello rilascia una sostanza chimica che ci fa sentire un po 'meglio in modo che la prossima volta che affrontiamo gli stessi modelli li ricorderemo. È questo sistema che spiega cose come la piccola ondata di piacere che deriva dal notare l'ultima carta del dealer che lo spinge oltre 21. E la sostanza chimica del piacere in questione è uno dei principali farmaci del benessere del cervello: il neurotrasmettitore dopamina.

Per darti un'idea di quanto sia piacevole quella sensazione di dopamina, dobbiamo solo rivolgerci alla cocaina. Quella fretta che gli utenti provano dallo sbuffare polvere marziana è in realtà la dopamina. Ciò che la cocaina fa veramente al cervello è che la dopamina venga rilasciata e quindi blocchi i siti recettoriali che consentono la sua ricaptazione (molto nel modo in cui gli antidepressivi come il Prozac bloccano la ricaptazione della serotonina). Quindi la ragione per cui il comico Robin Williams una volta ha detto: "La Coca-Cola mi fa sentire un uomo nuovo, e anche il nuovo uomo ne vuole qualcuno" è perché è stata la dopamina a conferire quella sensazione incredibile.

Così incredibile è la sensazione che cinquant'anni fa il neurobiologo Jim Olds scoprì che se metteva un elettrodo nel centro del cervello di un topo che rilasciava la dopamina, lo collegava tramite fili a un generatore di corrente elettrica e dava agli animali un interruttore per stimolare il loro cervello lo farebbero senza pausa. Trascurerebbero tutte le altre attività, incluso il mangiare, per questa piccola fretta. I ratti preferirebbero morire di fame e poi allontanarsi dalla dopamina.

Ora, qualche anno fa, il mio collega blogger, Greg Berns della Emory University, ha scoperto che la dopamina non viene rilasciata dopo che hai ottenuto ciò che desideri, ma piuttosto quando corri il rischio di fare ciò che ti fa ciò che desideri . Significato: facciamo una previsione, prendiamo un rischio e prendiamo il farmaco.

Poiché il cervello forma anche schemi (un modo elegante per dire una lunga catena di modelli da riconoscere), la previsione del futuro è stata, specialmente nel mondo del giornalismo sportivo, legata al piacere di predire le previsioni. Quando i giornalisti a metà tempo di ESPN trascorsero dieci minuti sulla non-storia del piede di Well, l'argomento della conversazione era "dicci cosa significa se capita di dire qualcosa." Era una previsione su una previsione riguardo a una predizione. Era un'assurdità, ma questa è una sciocchezza a cui siamo diventati dipendenti.

E intendo "noi". ESPN è nel gioco TV. A loro piacciono i buoni voti. E, considerando quanto onnipotente sia diventata quella rete, sono molto bravi in ​​questo particolare gioco. A quanto pare, almeno a giudicare da tutti i Sanchez / Wells / Etc. hoopla, ESPN ha capito che il pubblico americano è più interessato a vaghe previsioni psichiche del futuro possibile di quanto lo siano nel recente passato o nel presente. E nessuno, forse escludendo lo scrittore di questo blog, sembra preoccuparsi.

Il ginocchio di Sanchez andava bene. Qualcuno ha tenuto il LA Times (otto articoli in tre settimane sull'argomento dal mio conteggio) responsabile di un mese di non-notizie? In effetti, ci sono ora diverse centinaia di migliaia di liste promettenti di Heisman che fluttuano nel mondo dello sport, proprio come l'anno scorso. In una società razionale, avremmo esaminato le liste dello scorso anno, capito chi era mancato e chi era preciso, e solo permesso a coloro che erano precisi di fare previsioni quest'anno. Ma non funziona in questo modo. Siamo così dipendenti dal futuro possibile che ogni senso di accuratezza (e, forse questo può essere un tratto, verità nel giornalismo) è ora il nostro agnello sacrificale.

Poi di nuovo, la dopamina crea dipendenza e la stupidità è sempre stata fatta per la buona televisione, quindi forse tutto ciò che sta accadendo qui è un altro blogger annoiato che urla sotto la pioggia.

Solutions Collecting From Web of "Dipendenza da pronostici"