Dio non ha niente a che fare con la moralità

Erano circa le 7:00 del mattino. Un lunedì Butch, 35 anni, era seduto su una panca di legno di fronte al tribunale della contea di Rowan. Nessun altro era in giro e il tribunale non sarebbe stato aperto per un'altra ora. Ma Butch era già lì ed era impaziente: voleva essere sicuro di essere il primo a vedere il procuratore distrettuale.

Verso le 7:30, una donna, della stessa età di Butch, si avvicinò all'ingresso del tribunale. Scrutò nel vetro delle due grandi porte chiuse a chiave. E poi Butch si rese conto che la conosceva.

“Wendy?”

"Uh, sì … e tu sei …?"

"Butch Dickerson. Dalla scuola Superiore."

"Oh, mio ​​Dio – Butch – come stai?"

"Sto bene. E tu?"

"Bene, sì – voglio dire – a parte il fatto che sono stato chiamato per vedere il procuratore distrettuale"

Butch si spostò sul lato destro della panca, facendo spazio a Wendy.

"È così bello vederti", disse Wendy.

"Anche tu. È passato molto tempo, "ha riconosciuto Butch.

"Sei bellissima. Voglio dire, tu sembri … "

"Diverso? Lo so. È vero. All'epoca ero piuttosto disgustoso. "

"Non lo direi."

"Va tutto bene," continuò Butch. "Ero duro. Lo so. Diamine, stavo davvero lottando allora. Scuola, cose a casa, droghe. Stavo litigando quasi ogni due settimane. Non mi dispiaceva molto per i miei modi o il mio aspetto. "

"Beh, sai, il liceo è un momento difficile per tutti", ha offerto Wendy.

"Credo."

"Ma te ne sei andato, vero? Non ricordo che tu sia alla laurea. "

"Giusto. I miei si sono separati alla fine del decimo anno e mio padre si è trasferito in campagna e poi mia madre è decollata per Cincinnati e io sono rimasto con mio padre, ma l'estate scorsa ".

"Oh."

"Va tutto bene. Tutto ha funzionato. Sto andando davvero bene. Sposato con una donna meravigliosa. Quattro bambini Lavoro significativo Sono un pastore. Lighthouse Church, fuori sull'autostrada 99. "

"Sul serio? Butch Dickerson è un predicatore? Non posso crederci! "

"Credici," disse con un sorriso. "Dovresti venire fuori qualche volta e vedere cosa stiamo facendo. Salvare anime, Wendy. Salvare anime. "

"Non l'avrei mai indovinato."

"Sì, sono cambiato molto. Sono una persona diversa Gesù lo farà ad un uomo. "

"Sono così felice di sentirlo."

"E tu? Che cosa hai fatto? "Chiese Butch.

"Bene, dopo la laurea sono andato allo stato e ho studiato storia e poi ho ottenuto le mie credenziali e ora insegno alla Woodland Middle School. Anche mio marito lavora a Woodland e abbiamo un figlio, Henry. Ha sei anni. "

"Buon per te, Wendy. Che cosa fai qui al tribunale? "Chiese Butch.

"Ho ricevuto una convocazione da Mr. Hardesty, il procuratore distrettuale", ha spiegato. "È una lunga storia."

"Va bene. Non devi entrarci. "

"Beh, immagino che non mi dispiaccia. Sembra che avremo un po 'di tempo per aspettare qui, finché il tribunale non si aprirà. È solo un po 'complicato. Vedi, um, insegno la storia, giusto? E l'anno scorso ho fondato un'unità sulla religione e l'idea era di insegnare agli studenti le varie religioni del mondo nel contesto dello sviluppo umano. È fondamentale per comprendere la crescita delle civiltà, per comprendere lo sviluppo del governo e varie lotte politiche, per comprendere il nazionalismo e per comprendere le relazioni di genere, e – "

"-e per comprendere la morale-"

"Certo … ehm, sì … e ci sono così tanti aspetti della storia che riguardano la religione. Quindi volevo fare un'unità su varie religioni del mondo, ma alcuni genitori non ne erano contenti. Erano preoccupati che potesse influire sulla fede dei loro figli. E poi, quando siamo arrivati ​​all'Islam, c'è stato un grande tumulto. Un gruppo di genitori si è lamentato con il consiglio scolastico, dicendo che l'Islam era malvagio e che non volevano che i loro figli fossero indottrinati ".

"Hm … ma cosa c'entra questo con il procuratore distrettuale?"

"Durante l'unità sull'Islam, ho invitato il signor Zadeh a parlare con i miei studenti. È l'imam della nuova moschea di Morehead. È entrato e ha parlato un po 'di come è nato l'Islam e di diverse comunità musulmane in tutto il mondo – cose del genere. E poi il mese scorso, dopo le riprese terroristiche in California, immagino che i poliziotti abbiano iniziato a fiutare la moschea e così ora il signor Hardesty ha detto che voleva che venissi oggi per potermi porre alcune domande sul mio "rapporto" con conoscenza del signor Zadeh e della moschea Morehead. " Quindi eccomi qui. "

"È una buona cosa che Mr. Hardesty stia esaminando questo."

"Tu pensi?"

"Sì. È il suo lavoro e il suo dovere di proteggere la gente della contea di Rowan. "

All'improvviso Wendy si pentì di aver detto a Butch tutta la faccenda. Poteva chiaramente vedere la sua opinione sull'Islam (bassa) e lei poteva facilmente dire che era altrettanto sospettoso nei confronti di Zadeh come lo erano i genitori dei suoi studenti – senza neanche aver mai incontrato quell'uomo. Si sentiva frustrata. Non aveva l'energia per spiegare perché l'intera faccenda di venire in tribunale la faceva sentire complici di qualcosa di brutto, di qualcosa di sbagliato, di qualcosa di quasi sporco. Non aveva voglia di parlare del fatto che l'Imam le aveva fatto una buona svolta parlando alla sua classe, che era un brav'uomo che si era preso un po 'di tempo dal suo programma per venire alla scuola media e dare un messaggio davvero informativo parlare con i suoi studenti – o almeno gli studenti che i genitori non li hanno portati fuori classe – e ora sentiva che in qualche modo lo tradiva incontrandosi con il procuratore distrettuale. Non poteva spiegare a Butch che in realtà si sentiva piuttosto sconvolta e pensò che forse non era la cosa giusta da fare, e che in effetti poteva solo dire a Mr. Hardesty che non aveva nulla da dirgli e risentirsi di essere chiamato nel suo ufficio senza una buona ragione.

Quindi Wendy cambiò argomento.

"E tu, Butch? Cosa stai facendo qui?"

"Sono qui per fornire informazioni su un crimine molto grave. Sono qui per aiutare a vedere che la giustizia è fatta. Sono venuto per aiutare Mr. Hardesty con il suo lavoro riguardante l'accusa di un assassino. "

"Un assassino?"

"Giusto. Mio padre ha ucciso un uomo la scorsa notte e io sono qui per aiutare a fare la cosa giusta. "

"Aspetta – tuo – tuo padre? Lui … ha ucciso un uomo? "

"Corretta."

"E tu lo stai … trasformando?"

"Più simile a fornire tutti i fatti. Il signor Hardesty è già consapevole che una morte è avvenuta per mano di mio padre. Sono qui solo per aiutarlo nel miglior modo possibile. "

"Per aiutare tuo padre?"

"No. Per aiutare il signor Hardesty. "

"Sono confuso", confessò Wendy.

"L'omicidio è un omicidio", dichiarò Butch.

"Certo, ma -"

"No 'ma' coinvolto. Quando il Signore ha detto "Non uccidere", non c'era un "se" o un "e" o un "ma" attaccato ".

"Chi ha ucciso tuo padre?"

"Cosa importa? Come ho detto, l'omicidio è un omicidio. "

"Era un'autodifesa?"

"No."

"Mi dispiace, Butch. Ancora non capisco. "

"La scorsa settimana mio padre ha assunto un paio di lavoratori per aiutarlo con alcune cose intorno alla fattoria: alcune costruzioni, alcune riparazioni, irrigazione e quant'altro. Li fece dormire in una tenda vicino al fienile. Uno dei ragazzi, Lem, ha iniziato a causare problemi fin dall'inizio. Ci è entrato con mio padre e anche con l'altro lavoratore. Ha anche molestato la signora Meuller, che vive lungo la strada. Solo un vero uomo cattivo, per quanto posso raccogliere. Ad ogni modo, la scorsa notte Lem si è ubriacato e ha finito per andare a cercare l'altro lavoratore. Cominciarono a combattere, e Lem distrusse così male la testa di quell'altro – con un mattone – che svenne freddo e sembrava che potesse morire. Mio padre lo ha messo nel retro della macchina per portarlo all'ospedale. Ma sai, il posto di mio padre è abbastanza lontano dalla città. Si tratta di un buon 40 miglia per l'ospedale più vicino a West Liberty, e la strada non è altro che curve e colpi di scena. Quindi prima che se ne andasse, mio ​​padre legò Lem a una sedia in cantina. Quindi chiamò il 911 e disse loro di venire a prendere Lem mentre se ne andava per portare l'altro ragazzo all'ospedale. Ci vollero circa due ore per arrivare al posto di mio padre, e quando arrivarono, Lem era morto. Dicono che la corda era legata troppo stretta, il che ostacolava il suo respiro o alterava la sua circolazione o il suo cuore, e poi aveva vomitato e immagino soffocato dal suo stesso vomito. "

"Quindi è stato un incidente?"

"Era mio padre. Ha legato quell'uomo. Lo ha lasciato lì. E Lem morì di una morte miserabile. "

"Sì, ma tuo padre stava portando l'infortunato all'ospedale."

"Vero."

"E non è come se volesse che Lem muoia."

"Qualunque fossero le sue intenzioni, ha ucciso quell'uomo. Era negligente. Ha legato la corda troppo strettamente e se ne è appena andato. Era una sua responsabilità. E ha bisogno di affrontare la giustizia ".

Wendy non sapeva cosa pensare. Era tutto così orribile, così brutale, così triste. Eppure Butch sembrava così concreto in proposito, così risoluto, con gli occhi chiari, serio e sicuro. Come potrebbe essere? Era il suo stesso padre, dopo tutto. E questo ragazzo Lem sembra che fosse pericoloso. E violento. L'intera faccenda era, agli occhi di Wendy, tutt'altro che chiara.

"Quindi non sei qui per chiedere pietà per conto di tuo padre?"

"No. Come ho detto, Wendy, l'omicidio è un omicidio. È un peccato. E ho dedicato la mia vita a combattere il peccato. "

"Ma non è il tuo dovere nei confronti di tuo padre -"

"Il mio dovere è verso il Signore, sopra ogni altra cosa. Gesù ha detto, nel Vangelo di Luca – capitolo 14, per essere precisi – che viene prima di tutto e che il nostro dovere è amarlo soprattutto sopra i nostri stessi genitori ".

"Beh, ovviamente non posso citare le Scritture come puoi. E io non sono uno che va contro Gesù. Ma sono colpito dalla tua convinzione. Sembri davvero sapere cosa è cosa qui. "

"Sto solo seguendo la Bibbia, Wendy. Sto solo facendo ciò che è morale. "

"Può essere. Suppongo. Ma, voglio dire, non è morale essere dalla parte di tuo padre? Non ami tuo padre? "

"Certo che lo so. Ed è per questo che voglio che paghi per quello che ha fatto. C'è salvezza nell'espiazione. C'è redenzione nella rettitudine. C'è liberazione in giustizia ".

"Parole così grandi:" giustizia "," redenzione "," giustizia ". Fare ciò che è "morale". Fai il tuo 'dovere'. Ma sai cosa? Ho spesso sentito che queste cose non sono sempre così in bianco e nero. A volte le situazioni possono essere ambigue – è difficile essere sicuri di quale sia la cosa giusta da fare ".

"Non per me."

"Ma come puoi essere così sicuro, così positivo su quale sia la cosa giusta da fare?"

"La cosa giusta da fare è sempre la cosa morale."

"E cos'è" morale ", Butch? Voglio dire, chi può dire, alla fine? "

"Ora, Wendy, è solo il problema con il mondo oggi. Proprio qui. L'hai appena azzeccato: le persone che dicono che "sbagliato" e "giusto" non sono chiare, le persone che dicono che "morale" è tutto ciò che qualcuno dice che è, la gente dice che è tutto relativo, tutto soggettivo, tutto aperto per interpretazione – beh, mi dispiace, Wendy, ma disprezzo quella visione con tutto il mio cuore e la mia anima. Sbagliato e giusto non sono pronti per l'interpretazione. C'è moralità, Wendy. E noi, come cristiani, possiamo dire così ".

"È giusto? OK, allora, come lo definiresti? Cos'è "morale"? "

"Mi stai chiedendo seriamente?"
"Sì, lo sono. Cosa significa essere morali, Butch? È bello? "

"No. Non si tratta di essere gentili, perché a volte dobbiamo essere duri e freddi per fare la cosa morale. Quando sculacciato mio figlio come punizione, non è particolarmente bello. Ma è la cosa giusta da fare. È la cosa morale da fare come suo padre. Essere mezzi morali – alla radice – fare la volontà del Signore. Sì, è più o meno così: "morale" è ciò che il Signore vuole, ciò che il Signore approva, ciò che il Signore comanda.

Wendy ci pensò su per un momento, e poi abbastanza rapidamente, vide che la risposta di Butch meritava più sondaggi.

"Allora fammi vedere se ti capisco qui: la cosa morale da fare è qualsiasi cosa Dio ci comanda di fare … è giusto?"

"Assolutamente."

"Ok, ma questo fa sorgere la domanda: è qualcosa di morale perché il Signore lo approva e lo comanda, o il Signore lo approva e lo comanda perché è morale?"

"Qual è la differenza?"

"Sono molto diversi. Ad esempio, quando mangi un pezzo di torta di mele zuccherata e dichiari a tua moglie quanto è dolce, beh, la torta è dolce perché dici che lo è? O la torta è dolce in sé e per sé, e poi la assaggi e la riconosci così dolce e poi fai attenzione a questo fatto? "

"La torta è dolce da sola – è piena di frutta e zucchero – e sto solo commentando".

"Destra. Allora torniamo alla morale. Hai appena detto che qualcosa è morale se Dio lo approva o lo vuole o lo comanda. Corretta?"

"Sì."

"Allora ecco di nuovo la domanda: Dio approva qualcosa – o lo vuole o lo comanda – perché è morale in sé e per sé e vede che è morale, lo riconosce come morale, lo osserva come morale? O è qualcosa di morale semplicemente quando e perché Dio lo vuole o lo comanda? "

"Mi dispiace, non vedo ancora quello che stai ricevendo."

"La differenza è abbastanza significativa, Butch. Perché se ciò che è morale è semplicemente ciò che Dio vuole o comanda, allora la moralità è puramente arbitraria, e non c'è nulla di "sbagliato" o "giusto" o "buono" o "cattivo" o "morale" o "immorale" che è intrinseco a la sua qualità o natura. Non avrebbe nulla a che fare con la giustizia, l'equità, l'amore o il dolore. Sarebbe solo quello che Dio dice che è. D'altra parte, se Dio vuole o comanda le cose come morali perché riconosce di essere morali in sé e per sé, allora la moralità esiste al di fuori e indipendentemente da Dio. E così siamo tornati dove eravamo, cercando di definire ciò che è morale, e Dio non lo fa – né è necessario – non ha nulla a che fare con esso ".

"Wendy, ho paura che tu mi abbia perso."

All'improvviso, le porte del palazzo di giustizia si aprirono a squarciagola. Butch e Wendy si alzarono e raccolsero le loro cose. Alla fine la conversazione era diventata imbarazzante, il che era difficile da negare, nonostante i sorrisi educati che si scambiavano mentre concordavano con discrezione quanto fosse bello incontrarsi e augurarsi la fortuna con i loro affari con il Procuratore Distrettuale.

* * *

La conversazione di cui sopra non si svolse in realtà su una panchina al di fuori del tribunale della contea di Rowan, nel Kentucky orientale. Non ha avuto luogo da nessuna parte. L'ho inventato Ma è specificamente basato su un dialogo scritto circa 2.300 anni fa, nell'antica Grecia. Il mio scambio creato tra Butch e Wendy è il mio miglior tentativo di aggiornare, reinterpretare e modernizzare una delle più importanti conversazioni filosofiche di base mai scritte su Dio e la moralità. Conosciuto come il "Dialogo di Eutifrone", fu scritto da Platone, negli ultimi decenni del IV secolo, a.

Lo sfondo del dialogo originale è questo: Socrate – il padre della filosofia occidentale – era nei guai. I suoi insegnamenti scettici e le sue domande riguardo all'autorità religiosa e politica lo avevano messo nei guai con, beh, le autorità religiose e politiche. Alla fine fu convocato in tribunale e poi ufficialmente accusato di non credere negli dei e di corrompere concomitantemente le menti della gioventù di Atene. Alcuni lo sospettavano di essere ateo. Alla fine fu riconosciuto colpevole e condannato a morte nel 399 aEV.

Ma prima della sua morte, e prima del processo, Socrate era a corte, in attesa di un'udienza pre-trail, e fu allora che incontrò Euthyphro, che era anche a corte per una diversa audizione pre-trail. Nel dialogo originale di Platone, Euthyphro è a corte per presentare accuse di omicidio colposo nei confronti del proprio padre; Il padre di Euthifro aveva avuto un operaio assunto che aveva ucciso uno schiavo, così il padre di Eutifrone gettò l'operaio in un pozzo – imbavagliato e imbavagliato – e poi partì per un'altra città per chiedere alle autorità lì come procedere. Una volta scomparsi, il lavoratore è morto nella fossa per fame e esposizione agli elementi. Socrate è sbalordito dalla fiducia di Eutifrone nel portare accuse contro il proprio padre, e ne consegue la discussione / dibattito tra i due uomini: una discussione / dibattito che segue linee simili a quelle che ho scritto tra Butch e Wendy.

Ora, qualunque sia la visione personale degli dei di Platone – e lui era un credente, per essere sicuro – il dialogo che ha scritto, con Socrate ed Eutifrone, fornisce intuizioni forti e convincenti che portano al nocciolo della relazione di Dio con la moralità. O piuttosto, la mancanza di uno.

Per comprendere meglio il dilemma acuto sollevato all'interno del dialogo Eutifrone, consideriamo una questione specifica: nutrire una persona affamata. Questo atto è morale in sé e per sé – e Dio allora capisce o realizza questo – e quindi ci comanda di nutrire gli affamati? O è piuttosto che nutrire gli affamati è moralmente neutrale in sé e per sé – né buono né cattivo – ma l'atto diventa morale solo quando e se Dio lo comanda? Se pensate che sia il primo, allora ciò significa che la moralità esiste chiaramente indipendentemente da Dio, e lo deriva da qualcosa di diverso da Dio. E se questo è davvero il caso, allora Dio è essenzialmente irrilevante per la questione, poiché possiamo definire o riconoscere la moralità in una determinata azione – come nutrire una persona affamata – senza alcun bisogno o riferimento a Dio. In questo caso, dare da mangiare ad una persona affamata è morale perché allevia la sofferenza di un essere senziente; non è necessario Dio per ritenere che una persona affamata dia un atto morale.

Tuttavia, se pensi che sia l'ultima proposta – che nutrire una persona affamata è un atto neutro, né morale né immorale, ma diventa solo morale quando e se Dio lo desidera o lo comanda – allora quella che chiamiamo "moralità" non è altro che il capriccio ingiustificato e il capriccio di Dio potenzialmente irragionevole. E questa è una posizione piuttosto precaria da accettare, perché significa che la moralità è semplicemente ciò che Dio dice che è. Diamine, Dio potrebbe comandare la crudeltà, e quindi secondo la logica della discussione, la crudeltà sarebbe morale.

Ma Dio non comanderebbe la crudeltà, tu dici?

Beh, in realtà … Dio lo fa. Secondo la Bibbia, Dio comanda le cose crudeli e ingiuste a destra ea sinistra. Ad esempio, Dio comanda di uccidere persone che hanno rapporti sessuali al di fuori del matrimonio (Levitico 20:10) e ordina che uccidiamo gli omosessuali (Levitico 20:13), così come le persone che lavorano nel Sabbath (Esodo 35: 2) . Dio comanda persino che interi popoli – come i Cananei e i Gebusei – siano sterminati (Giosuè 1-12). E, come professore universitario Philosopher dell'Università del Michigan, Elizabeth Anderson documenta perfettamente, quando si tratta di comandamenti genocidi e omicidi emessi da Dio, "questa è solo la punta dell'iceberg". Infatti, fornire un elenco completo di tutti i comandamenti efferati Dio le questioni comporterebbero la scrittura di un intero libro in sé e per sé – che l'ex parroco – diventato ateo pubblico Dan Barker ha già fatto nel suo Dio recentemente pubblicato: Il personaggio più sgradevole in tutti i romanzi.

Esporrò alcuni punti salienti qui, solo per chiarire il punto: in Deuteronomio, capitolo 20, Dio ordina ai suoi seguaci di porre l'assedio a varie città così: "Metti a ferro e fuoco tutti gli uomini che ci sono dentro. Per quanto riguarda le donne, i bambini, il bestiame … tu prendi questi come bottino per te stesso. "E per quanto riguarda l'assedio ad altre città:" non lasciare in vita nulla che respira. Distruggili completamente. "Quindi, tali azioni di genocidio sono morali perché Dio le comanda? In Numbers, capitolo 31, Dio comanda ai suoi seguaci di "uccidere tutti i maschi tra i piccoli e uccidere ogni donna che ha conosciuto l'uomo giacendo con lui". Quindi, è morale uccidere i bambini e le donne – a meno che non succeda quest'ultimo essere vergini? In I Samuel, capitolo 15, Dio comanda ai suoi seguaci di andare a colpire gli amalechiti, "e distruggere completamente tutto quello che hanno, e risparmiarli; ma uccidi sia l'uomo che la donna, bambino e lattante ". Quindi uccidere i bambini è morale perché Dio lo comanda?

Con una tale moralità, chi ha bisogno del male?

Ma forse non credi in quei particolari passaggi della Bibbia. Forse il tuo Dio non è quel Dio. Il Dio in cui credi non ordina alla gente di uccidere gli omosessuali o di commettere un genocidio. Abbastanza giusto (per ora). Ma anche se volontariamente scarti questi passaggi dalla Bibbia e sostieni che il tuo Dio è un Dio buono e amorevole che comanda solo cose che sono morali – devi ancora affrontare la logica della domanda di Wendy / Socrate: se il tuo Dio comanda le cose perché vede che sono morali, quindi la moralità esiste chiaramente indipendentemente dal tuo Dio.

Pensa alla torta di mele che Butch mangia, e poi dichiara che ha un sapore dolce: quella torta esiste, tutta crivellata di zucchero, che Butch lo noti o no. In altre parole, la torta non deve la sua esistenza – o la sua dolcezza – a Butch. Niente affatto. E così va con la moralità e Dio: il primo non deve il suo esistere a quest'ultimo.

Il dialogo filosofico di Platone, sebbene sia stato scritto più di due millenni fa, pone un duplice attacco scettico con forcone sulla nozione di paglia di fieno secondo cui la moralità viene da Dio. Il primo punto è questo: se un atto è morale semplicemente perché Dio lo comanda, allora ciò significa che qualsiasi atto – anche la macellazione dei bambini – è potenzialmente morale. E se questo è il caso, allora la moralità è intrinsecamente arbitraria, e la stessa parola "morale" perde ogni significato. Morale potrebbe facilmente essere chiamato male. E se la morale può essere cattiva e il male può essere morale, allora non ha senso nemmeno usare le parole "morale" o "male" per cominciare. Si cancellano a vicenda. Nel migliore dei casi, diremmo semplicemente che un'azione è qualcosa che Dio comanda; definirlo "morale" non significa più nulla. La seconda punta del forcone di Euthyphro di Platone è questa: se sei d'accordo sul fatto che qualcosa non diventa morale semplicemente perché Dio lo comanda, ma piuttosto, credi che Dio comanda azioni morali perché le vede o le riconosce come morali in sé e per sé , quindi la moralità esiste al di fuori di, e indipendentemente da, Dio. In breve, Dio diventa ridondante. Non è necessario per la moralità. Come conclude il filosofo Dartmouth Walter Sinnott-Armstrong, basato sulla sua interpretazione del dilemma di Euthyphro:

Supponi che Dio mi abbia comandato di non violentare. Dio aveva una ragione per comandare questo? Altrimenti, il suo comando era arbitrario e un comando arbitrario non può rendere nulla di moralmente sbagliato. D'altra parte, se Dio avesse una ragione per comandarci di non violentare, allora quella ragione è ciò che rende lo stupro moralmente sbagliato, e il comando stesso è superfluo. Quindi, i comandi divini sono arbitrari o superflui. In ogni caso, la moralità non può dipendere dai comandi di Dio.

* * *

Potresti ricordare che nella conversazione di apertura tra Butch e Wendy, non c'è una vera conclusione: Butch non sembra capire il punto delle domande di Wendy. Rimane confuso e, nella sua confusione, evita ed elude le loro implicazioni. E questo è esattamente ciò che accade nel dialogo greco originale di Platone: l'Eutifrone non sembra capire la domanda di Socrate: Dio comanda le azioni perché sono morali in sé e per sé, o le azioni diventano morali solo quando e se Dio le comanda? Forse non è che Eutifrone – o Butch – non riescano a capire il significato penetrante di questa domanda, ma piuttosto che non può o non vuole permettersi di capirlo. Perché capire è inspirare la verità della questione: che la moralità non può dipendere da un dio per la sua esistenza o il suo contenuto.

Il rasoio dello scetticismo filosofico è raramente così acuto e acuto come lo è nelle domande che Platone fece ad Eutifrone di Socrate. E per ben più di duemila anni, nessuna soluzione logica o plausibile è mai stata avanzata nemmeno dai più colti teologi o teologi. Come nota sinteticamente lo storico intellettuale Kenan Malik, "Non c'è modo di allontanarsi dal dilemma di Euthyphro".

Solutions Collecting From Web of "Dio non ha niente a che fare con la moralità"