Dinamiche co-dipendenti e il mito di ottenere quello che vuoi

Perché crediamo che, nel divorzio, il nostro ex marito sarà un padre migliore di quello che era in matrimonio? Oppure, se abbiamo la necessità di trattare una relazione come una relazione reale, il nostro amante farà lo stesso? Oppure, se il nostro ex-coniuge stava controllando nel contesto del matrimonio, sarebbe trasformato nel ritratto dell'altruismo come ex-coniuge? Ancora più importante, perché non riusciamo a riconoscere che le persone sono, nel complesso coerenti, e poi correre a capofitto nel comportamento nevrotico che perpetua la frustrazione di tali relazioni per noi?

Esercitare il desiderio intrinseco che le persone agiscono in un modo particolare per far fronte ai nostri bisogni è l'equivalente emotivo di spremere una spugna secca. Persino i più evoluti di noi operano da una qualche posizione di egoismo – a volte persino narcisismo (sono diversi) – e un'agenda che preclude l'agire sul comportamento degli altri.

L'agenzia è l'errata percezione all'interno di una dinamica co-dipendente che descrive la nostra convinzione che possiamo controllare il comportamento degli altri attraverso le nostre stesse azioni. Questo mito del controllo degli altri è in concomitanza con il mito di gestire le emozioni. Non possiamo controllare il modo in cui gli altri agiscono più di quanto possiamo controllare cosa o come pensano e sentono in virtù di ciò che facciamo. Qualunque idea contraria è semplicemente da macinare per il mulino pazzo.

Tornando indietro un po ', è importante notare che la co-dipendenza non è male. Tutte le relazioni, per loro stessa natura, sono co-dipendenti. È quando un partner in una relazione inizia a distorcere se stesso o il proprio comportamento – a "donarsi", per così dire – che questa co-dipendenza, naturale e necessaria, inizia sulla strada della patologia.

Ci impegniamo tutti in un certo grado di agenzia; è un aspetto onnipresente della condizione umana. In generale, piuttosto che una vera e propria manipolazione, questi sono semplicemente ciò che potremmo considerare "suggerimenti sociali". Le sfide sorgono quando il suggerimento non viene seguito. La patologia sorge quando la persona che viene ignorata inizia a gettarsi contro il muro nel tentativo di far sì che quel "suggerimento" – o, a quel punto, più probabile "istruzione" – avvenga.

In nessun luogo questo è più evidente rispetto al contesto delle relazioni; le differenze di genere e stilistiche rendono queste mature esattamente per questo tipo di tensione. Un partner – tipicamente il più archetipico maschile – entra in una relazione a livello fondamentalmente fisico. L'altro partner – tipicamente il più archetipicamente femminile – entra nella relazione a livello fondamentalmente emotivo. Questo porta alla nozione che l'archetipo maschile tende ad essere il primo fisico e il secondo emotivo, mentre l'archetipo femminile tende ad essere emotivo prima e fisico secondo.

Il rapporto si intensifica e, quando un partner inizia a chiedere di più, chiedendo fondamentalmente che la forma della relazione cambi in modo tale da soddisfare i suoi bisogni socio-emotivi, le cose cominciano a complicarsi.

Ci sono tre persone in ogni relazione: i due partner e la relazione. Ci sono anche tre relazioni in ogni relazione: la relazione dei due partner l'una con l'altra, che crea la relazione primaria e la relazione di ciascun partner con la relazione. Quindi, quando la relazione tra un partner e la relazione nel suo complesso cambia, ma l'altro partner non lo fa, non lo farà o non può, quel primo partner è aperto a un mondo di frustrazione e tumulto emotivo. Il grado di quel tumulto è ciò per cui volontariamente.

Spremere una spugna secca significa non riconoscere che, sebbene le circostanze di una relazione possano essere cambiate o che la relazione con la relazione possa essere cambiata, il sistema nel suo insieme non si è spostato. La nevrosi arriva nel tentativo di forzarla a spostarsi. La patologia arriva quando quella domanda si trasforma in ansia irrazionale, un collasso di limiti sociali sensati, aggrappati, bisogni, messaggi maniacali o email, cooptando gli altri per sfruttare le nostre intenzioni, e così via. Questo acting out del personaggio può anche essere un comportamento che, nel suo estremo, potrebbe essere caratterizzato come aspetto pseudo-borderline.

Ciò a cui tutto questo si riduce è un'attenzione a fare uno sforzo per comprendere la natura di una relazione e bilanciare ciò che può essere un bisogno errato e egoistico contro la realtà della situazione. Potremmo desiderare che il nostro partner sia diverso nel contesto di un panorama in movimento, ma ciò che vogliamo e ciò che otterremo potrebbe non corrispondere. La chiave per la sanità mentale qui è capire e accettare i limiti e i confini della relazione e poi decidere se è da qualche parte che desideriamo essere.

© 2010 Michael J. Formica, Tutti i diritti riservati

Contatta Michael per consulenza, coaching o consulenza a livello locale o nazionale via telefono o Internet

Iscriviti al sito Web di Michael per notizie e aggiornamenti

Twitter | Facebook | LinkedIn | Google+

Solutions Collecting From Web of "Dinamiche co-dipendenti e il mito di ottenere quello che vuoi"