Dinamica delle relazioni intime III

Nei primi post di questa serie ho discusso due delle tre dinamiche inconsce che più comunemente governano le relazioni infelici: domanda-ritiro e inseguitore-distanziante . La terza dinamica, pauravergogna, è quasi sempre alla base dei primi due.

Come la più pervasiva e più difficile da rilevare delle dinamiche relazionali intime, la dinamica paura-vergogna è innescata da reazioni antagoniste alle vulnerabilità principali. Ma le vulnerabilità principali (paura e vergogna) vengono raramente vissute direttamente. La maggior parte degli adulti ha forgiato abitudini radicate di evitarli. La dinamica paura-vergogna è in realtà uno scontro di abitudini contrastanti utilizzate per evitare la paura e la vergogna.

Nella dinamica paura-vergogna, il comportamento che evita la paura in un partner innesca il comportamento evitabile dalla vergogna (espresso come ritiro o aggressività) nell'altro e viceversa. Uno si preoccupa o si preoccupa o persegue; l'altro si spegne o si arrabbia. Uno si arrabbia, si risente o si calma, l'altro si preoccupa o si sente rifiutato o minacciato.

Su base giornaliera, le abitudini di evitare la paura e la vergogna sono più influenzate dagli ormoni estrogeni e testosterone. I seguenti effetti ormonali sono presenti in tutti gli animali sociali:

Il testosterone blocca la paura e guida la competitività e la ricerca dello stato (aumentando il timore di fallire).

L'estrogeno aumenta la paura e guida la creazione di nidi e alleanze (c'è sicurezza nei numeri e sicurezza nei nidi).

Gli effetti degli ormoni sono più complicati nell'uomo, ovviamente. A differenza di tutti gli altri animali sociali, siamo sistemati in tutto il pianeta, non dormiamo nella vera oscurità, prendiamo una varietà di farmaci, mangiamo molti animali che sono allarmati in modo allarmante con ormoni e sperimentiamo rapidi cambiamenti sociali. È perfettamente normale negli esseri umani (e più interessante) avere alte ragazze e donne testosterone, uomini e ragazzi con alti livelli di estrogeni e una ricca miscela di entrambi gli ormoni in entrambi i sessi. Tuttavia, sembra essere un elemento di attrazione il fatto che, in generale, persone con alti livelli di testosterone e alti potenziali partner di estrogeni siano attratti l'un l'altro, indipendentemente dal sesso e dall'orientamento sessuale.

Sopravvivenza

La dinamica paura-vergogna è un meccanismo basato sulla sopravvivenza osservato nella maggior parte degli animali sociali. Le femmine di animali sociali tendono ad essere più paurose e vigili rispetto ai maschi in generale, ma soprattutto quando hanno figli. Inoltre tendono ad avere un udito e / o un senso dell'olfatto migliori, rendendoli ideali sistemi di allarme per il gruppo. I maschi sono più grandi, più potenti, più aggressivi e più sacrificabili (il branco avrà miliardi di spermatozoi, ma solo una manciata di uova). L'anatomia dei maschi li rende più adatti a proteggere da intrusi e predatori. I maschi che non riescono a rispondere alla paura femminile e passano all'aggressione protettiva, sono soggetti ad attacchi da parte di maschi più dominanti. Sebbene l'antropomorfizzazione sia rischiosa, l'incapacità di proteggere causa una vulnerabilità nei maschi degli animali sociali che sembra vicina a ciò che chiameremmo vergogna.

Il cervello umano è più strutturato socialmente di quello di qualsiasi altro animale. In noi, questo meccanismo interattivo primitivo assume forme più complicate, che minano surrettiziamente le relazioni intime.

Di fronte all'ansia o alla paura di partner più elevati di estrogeni, i partner di testosterone più elevati rispondono istintivamente con protezione o supporto. Ma se non sanno come proteggere o supportare – o vengono ricordati i fallimenti nel sostenere o proteggere – è probabile che impieghino una delle due strategie difensive. Trasformano l'aggressione sui loro partner (di solito sotto forma di critica, "ragionamento superiore", controllo del comportamento, coercizione e così via), oppure rinunceranno a impulsi aggressivi ritirandosi (stonewalling o "tacere"). La rabbia o il ritiro da parte dei partner più alti del testosterone stimola l'ansia o la paura dell'isolamento nei partner con estrogeni più elevati, anche se la rabbia o il ritiro non hanno nulla a che fare con il partner ansioso. (A proposito, la paura dell'isolamento non equivale a trovare spiacevole essere soli. La paura dell'isolamento è la sensazione che a nessuno importa di te. La maggior parte degli estrogeni non si preoccupa di restare solo, a patto che non sentirsi isolati).

Un esempio comune della dinamica paura-vergogna si verifica sull'autostrada. Quando i partner di estrogeni più alti sono spaventati, i conducenti con alti livelli di testosterone si arrabbiano, percependo la risposta come un assalto al loro aurore. Terrorizzeranno o diranno qualcosa di sarcastico o si trasformeranno in Ben-Hur, pronti a cacciare gli altri carri fuori strada. Qualsiasi dei precedenti rende i passeggeri più ansiosi o spaventati e probabilmente arrabbiati. Ogni partner ritiene che l'altro sia esagerato, insensibile o sconsiderato, se non abusivo.

Ecco un esempio di come la vergogna stimola la paura. Rose poteva vedere nel comportamento cupo di Carlo che qualcosa accadeva al lavoro. Era stato infastidito dalle condizioni lì per un po ', ma non ha mai voluto parlarne quando ha chiesto. Questa volta, aspettò che si rilassasse con un drink, dopo una bella cena. Alla fine, le si aprì.

"Sta diventando davvero pessimo. Non so se potrò più sopportare l'insulto. È una schifezza infinita da parte del capo, e quello stronzo, Charlie. Perché continuo a sopportarlo? Il dannato lavoro non vale la pena. "

Voleva dire di più, ma notò l'espressione nervosa di sua moglie.

"Ma se abbandoni il tuo lavoro, come pagheremo il mutuo? Non possiamo farlo solo con la paga. "

Rose ha continuato a dargli consigli su come gestire il boss ei suoi colleghi in un "modo maturo". Hanno litigato per un po ', finché Carlo non l'ha conclusa,

"Non avrei dovuto inventarlo. Guardiamo il dannato film. "

Come per tutte le dinamiche relazionali intime, ciò che veniva detto non era il problema e non il problema in realtà. La vulnerabilità principale di Carlo – il terrore del fallimento – stimolò automaticamente la paura di Rose della privazione e dell'isolamento, che lo fece sentire più come un fallimento. Invece di collaborare con sua moglie per disattivare la dinamica della paura e della vergogna, cercò di evitare la sua vergogna chiudendola, cosa che, naturalmente, sollevò la sua ansia. Rose cercò di evitare la sua ansia dicendogli come avrebbero reagito "persone mature", cosa che, naturalmente, aumentò la sua vergogna.

L'equivoco è inevitabile

Siamo quasi sicuri di fraintenderci l'un l'altro in preda alla paura e alla vergogna per due ragioni convincenti.

Evitare la paura o la vergogna sembra molto diverso all'interno di come appare all'esterno. Se cerchi di evitare di sentirti ansioso, verrai probabilmente fuori controllo. Se stai evitando la vergogna, sembrerai aggressivo o rifiutante. È improbabile che i partner rispondano reciprocamente alle più profonde vulnerabilità; sono più propensi a reagire a ciò che vedono: controllo, aggressività, rifiuto.

Peggio ancora, per quanto riguarda la comprensione reciproca, la dinamica paura-vergogna è soggetta all'illusione dell'identità – l'assunto che eventi e comportamenti abbiano lo stesso significato emotivo per entrambi i partner. È un'illusione perché i partner quasi sempre differiscono in:

  • Temperamento
  • Metabolismo
  • Livelli ormonali
  • Vulnerabilità principale
  • Storia famigliare
  • Esperienze di vita
  • Traiettoria evolutiva (maturano a diversi stadi di sviluppo).

Tutto quanto sopra influenza notevolmente il significato emotivo che diamo agli eventi e ai comportamenti. Se ti aspetti (o richiedi) che comportamenti ed eventi significhi lo stesso per il tuo partner come per te, rimarrai deluso e frustrato il più delle volte, specialmente quando uno di voi sta cercando di evitare la paura, mentre l'altro è cercando di evitare il terrore del fallimento come protettore, amante o genitore.

Molti terapeuti sottovalutano enormemente il potere della dinamica paura-vergogna o, peggio, patologizzano. Proprio l'altro giorno ho ricevuto un'email da una donna sposata con un uomo arrabbiato, risentito e, a volte, emotivamente violento. Il loro terapeuta matrimoniale, un uomo, ha spiegato che la sua paura e la mancanza di fiducia di suo marito, che sta cercando di riformare, era una sorta di "ricatto emotivo" – una caratterizzazione guidata dalla vergogna, se mai ne avessi sentito uno. Le raccomandò di entrare nella psicoterapia individuale per scoprire le origini genetiche o infantili della sua paura. Allo stesso modo, i terapeuti femminili sono pronti a etichettare l'ego degli uomini e le battaglie con vergogna come evolutivamente immaturi o narcisistici e danno la colpa a genitori cattivi o al patriarcato.

Nel prossimo post, arriveremo finalmente a come possiamo cambiare le potenti dinamiche relazionali che causano così tanto dolore e angoscia.

Dinamica delle relazioni intime

Solutions Collecting From Web of "Dinamica delle relazioni intime III"