Dimenticare di rompere cattive notizie

Sono appena tornato dalle vacanze per trovare i messaggi e-mail di tre pazienti che hanno chiesto informazioni sui loro recenti risultati dei test. La prima email proveniva da un giovane che era svenuto e sottoposto a monitoraggio Holter, un test che verifica anomalie del ritmo cardiaco. Il secondo è stato da una donna che ho iniziato di recente sulla terapia per la modifica del colesterolo, che voleva sapere se il suo recente lavoro sul sangue ha mostrato un miglioramento soddisfacente nel suo colesterolo. Il terzo proveniva da un paziente che avevo sottoposto a screening per più infezioni sessualmente trasmesse. A differenza della maggior parte delle mie e-mail, sono stato felice di vedere questi messaggi. Per molte ragioni, accolgo con favore ogni sforzo che i pazienti fanno per assumere un ruolo più ampio nelle loro cure mediche, non ultimo è che aiuta a creare un altro sistema ridondante per assicurarsi che le cose non scivolino attraverso le fessure e che i risultati anormali del test vengano appropriatamente seguito – qualcosa che sfortunatamente accade più comunemente di quanto la gente pensi.

Nell'ultimo anno due importanti studi hanno dimostrato quanto spesso i pazienti non siano informati sui risultati anormali dei test. Nell'agosto del 2008, i ricercatori dell'American Academy of Family Physicians National Research Network hanno riferito che il 6,8% degli errori nei processi di test riportati dai medici erano errori nella notifica ai pazienti dei risultati dei test. (1) Il mese scorso negli Archivi di Medicina Interna, un altro gruppo di ricercatori ha scoperto che il 7,1% dei risultati dei test clinicamente significativi non sono stati segnalati ai pazienti né attraverso una conversazione documentata né attraverso azioni intraprese dal medico per seguire il risultato anormale. (2) Quest'ultimo studio riguardava in particolare il fatto che i test includevano analisi del sangue che a volte mostravano condizioni di pericolo di vita come alti livelli di potassio, mammografie e esami del sangue occulto nelle feci (un test di screening per il cancro del colon). Come pazienti spesso assumiamo che "nessuna notizia è una buona notizia", ​​ma come dimostrano questi studi può essere un'assunzione pericolosa.

Ci sono due problemi a portata di mano quando si considerano questi fallimenti. Uno è puramente un problema di sicurezza del paziente. Gli errori sono tenuti a verificarsi in ambito sanitario come in qualsiasi altro campo. La chiave è creare sistemi ridondanti per mitigare tale rischio. In caso di mancato follow up dei risultati dei test anormali, la maggior parte di questi sistemi ridondanti è all'interno del sistema sanitario. Ad esempio, nel sistema di cartelle cliniche elettroniche che il mio ospedale utilizza nuovi risultati, i risultati in grassetto e quelli anormali diventano rossi. Mentre questo da solo non è un sistema adeguato per garantire che i medici seguano risultati anormali, è uno dei tanti sistemi imperfetti in atto. (È interessante notare che siamo attualmente in procinto di convertirci in un nuovo sistema di cartelle cliniche elettroniche che non sembra avere questa caratteristica "audace".) Tuttavia, oltre a queste "all'interno delle soluzioni di assistenza sanitaria", vi è una grande opportunità per i pazienti costituiscono un altro sistema ridondante, ovvero assicurandosi di seguire i risultati di ogni singolo test effettuato. In effetti, se riesci a farlo al 100% del tempo, puoi essere certo che non solo sarai meglio informato sulle tue cure mediche ma anche che il tuo medico riconosce e segue in modo appropriato ogni test che hai fatto.

L'altro problema è la preoccupazione più ampia della responsabilità del paziente. Assicurati che il tuo medico ti dica che i risultati di ogni test che hai fatto riflettono il fatto che sei responsabile della tua salute, non di qualcun altro. Il tuo medico è un partner fondamentale per ottenere la migliore salute possibile ma alla fine sei responsabile. Mentre questa idea può essere travolgente, è anche potenziatrice. Nella maggior parte delle aree della vita quotidiana restiamo autisti indipendenti delle nostre vite – perché non in salute? Non andiamo da un venditore di automobili e ci aspettiamo che lui o lei deciderà quale macchina dovremmo comprare. Invece facciamo la nostra ricerca – andando ad altri concessionari di automobili, verificando le recensioni online, parlando con gli amici – prima di prendere una decisione. Questo non è fondamentalmente perché non ci fidiamo dei concessionari di automobili (anche se un sano scetticismo non fa mai male), ma piuttosto perché vogliamo il miglior risultato possibile per noi stessi e riconosciamo i limiti del fare affidamento su una sola persona. Una delle ragioni principali per cui non facciamo questo nella sanità, immagino, è perché il materiale in questione è percepito come troppo complesso e troppo specializzato.

Come prova aneddotica, il risultato del test più comune che mi viene chiesto dai pazienti è il loro peso. Ogni paziente che viene nella mia clinica viene pesato durante il check-in e spesso una delle prime domande che i miei pazienti mi chiedono in ufficio è "Doc, qual è il mio peso oggi?" Oltre a misurare i pesi dei nostri pazienti, i nostri infermieri di triage controllano battito cardiaco, pressione arteriosa e, per i diabetici, livelli di zucchero, ma di solito non mi vengono fatte domande su queste altre importanti misure sanitarie – eccetto che per pazienti particolarmente ben informati o coinvolti nella loro assistenza sanitaria. L'implicazione è che i pazienti sono fondamentalmente interessati alla loro salute – vogliono prendere un ruolo più ampio in essa – ma faticano a capire cosa sta succedendo e quindi si concentrano su quelle cose che sono più accessibili a loro come il peso. Quello che ho capito è che attraverso l'educazione è possibile coinvolgere le persone. I diabetici esperti non solo mi chiedono quale fosse il loro livello zuccherino in clinica oggi, ma anche sulla loro più recente emoglobina A1c (media di tre mesi di livelli zuccherini nel sangue). Allo stesso modo, i pazienti che hanno una conoscenza di base del colesterolo chiedono in particolare il loro colesterolo LDL e HDL e su come stanno facendo i loro trigliceridi.

Mentre la medicina è complicata, spesso può essere semplificata nei suoi componenti essenziali. Il cancro alla cervice è complicato ma la comprensione che Pap test per i primi segni di cancro cervicale, sono necessari nella maggior parte delle donne ogni 1 o 3 anni, e richiedono un follow-up se può essere prontamente comunicato anormale. Il risultato è che i pazienti informati non solo chiedono "Hey Doc, cosa ha fatto il mio ultimo Pap test show" o "Hey Doc, sono passati più di due anni dal mio ultimo Pap test. E 'tempo per un altro? "E in questo modo non solo diventano partecipanti più attivi nella loro assistenza sanitaria, ma servono anche come un sistema ridondante per assicurarsi che la loro assistenza sanitaria sia sulla buona strada.

Alla fine possiamo discutere sulla responsabilità di condividere importanti informazioni sulla salute e dare seguito a risultati di test anormali. Sì, i medici devono fare di meglio. Sì, il sistema sanitario deve essere riparato. Ma fino ad allora, ci sono passi che tutti possiamo prendere per lavorare insieme per minimizzare gli errori. Tutti possiamo prendere una lezione dai tre pazienti che mi hanno inviato per e-mail i risultati dei test: sapere quali test si stanno facendo, cercare di avere una comprensione di base di essi e assicurarsi di seguire i risultati.

Copyright Shantanu Nundy, MD

Se ti è piaciuto questo post, visita il sito web del Dr. Nundy BeyondApples o leggi il suo libro Stay Stay At Every Age.

(1) http://qshc.bmj.com/cgi/content/abstract/17/3/194?maxtoshow=&HITS=10&hits=10&RESULTFORMAT=&author1=hickner&andorexactfulltext=and&searchid=1&FIRSTINDEX=0&sortspec=relevance&resourcetype=HWCIT

(2) http://archinte.ama-assn.org/cgi/content/full/169/12/1123

Solutions Collecting From Web of "Dimenticare di rompere cattive notizie"