Diluire l'oro di analisi

Un collega di tutto rispetto una volta mi ha detto che la psicoanalisi classica è come un Rembrandt originale e le terapie più recenti basate sull'evidenza sono come un impostore a buon mercato, che pretendono di essere uguali (o addirittura superiori) all'originale, ma fallendo miseramente di fronte a qualsiasi controllo critico. Avendo visto centinaia di pazienti che sono stati trattati per anni con le droghe e le terapie più recenti solo per presentarmi in seguito per la psicoanalisi, posso dire che questa analogia è appropriata.

Public domain
Incontro delle menti alla Clark University: Sigmund Freud, Stanley Hall, CG Jung; Sul retro: Abraham A. Brill, Ernest Jones, Sandor Ferenczi.
Fonte: dominio pubblico

Se una persona dovesse consultare uno psichiatra negli anni '50 o '60, verrebbe probabilmente vista tre o quattro volte alla settimana per cinquanta minuti, si sdraierà sul divano e trasmetterà i propri sogni, i propri ricordi, le proprie fantasie: contenuto più intimo delle loro menti e vite. L'obiettivo era autocomprensione, libertà, autonomia. A volte veniva prescritto un farmaco, ma questa era di gran lunga l'eccezione piuttosto che la regola. Ed era solitamente un singolo farmaco, usato con giudizio, a breve termine, per aiutare il processo di analisi.

Oggi, naturalmente, uno psichiatra può vedere quattro o cinque pazienti all'ora, ogni paziente una volta ogni tre mesi, e non sa molto della vita personale e del background del paziente. Molti psichiatri non ricordano nemmeno i nomi delle persone che hanno affidato loro la loro "salute mentale". Il paziente può essere assunto con quattro, cinque, sei, sette o più psicofarmaci e riferito a un "terapeuta" per qualche tipo di una breve consulenza che oggigiorno consiste nel dire al paziente come pensare o cosa fare. Sono ormai lontani i tempi della psichiatria psicoanalitica, l'uso del divano e il processo di terapia introspettiva. O così hai pensato.

La psicoanalisi e la psicoterapia psicoanalitica continuano ad essere praticate in alcuni ambiti della psichiatria, del lavoro sociale e della psicologia, e recenti ricerche dimostrano che questi approcci sono più efficaci della terapia comportamentale cognitiva a lungo termine (Steinert, Munder, Rabung, Hoyer e Leichsenring , 2017). La psicoanalisi e la terapia psicoanalitica sono particolarmente utili, a mio parere, per i pazienti con problemi complessi, che si ritrovano a impegnarsi nello stesso comportamento problematico ripetutamente nonostante sforzi di cambiamento e per i pazienti che cercano un autoesame critico teoricamente e filosoficamente informato. Mi è stato ripetutamente detto dai pazienti che le terapie che si concentrano sulle "capacità di coping" e le strategie per cambiare il loro modo di pensare o di comportarsi sono mere soluzioni superficiali; ciò che stavano cercando – e ciò che in definitiva li aiuta – è una comprensione più completa della natura dei loro problemi nella vita. E questa comprensione può essere ottenuta solo attraverso una psicoterapia psicoanalitica-informata o la psicoanalisi.

Nonostante la tendenza del campo verso terapie più brevi e sintomatiche come la droga e la CBT, la psicoanalisi rimane in alcuni casi l'unico modo per concettualizzare alcune condizioni psichiatriche. Il problema più interessante in psichiatria, e forse tutta la medicina, è il paziente che presenta sintomi neurologici (ad es. Paralisi, cecità, convulsioni, disturbi dell'andatura) per i quali non esiste una causa neurologica. I problemi sono psicogeni e la manifestazione del conflitto psichico interno. Questo è il tipo di problema che ha portato Freud a sviluppare la sua teoria dell'inconscio e cambiare per sempre il corso della psichiatria e della medicina. Più di cento anni dopo, non rimane alcun trattamento per il disturbo della conversione se non la psicoanalisi, una testimonianza del genio duraturo di Freud.

Oltre alla conversione, il trattamento psicoanalitico rimane il trattamento di scelta per altre condizioni come i disturbi della personalità e altre sindromi psichiatriche croniche e inesorabili. È, secondo molti, il gold standard del trattamento psichiatrico, la forma più intensiva, più complessa e più completa di trattamento disponibile in psichiatria. Nonostante la propensione del campo verso la "correzione rapida" delle droghe e della terapia direttiva, la psicoanalisi continua a offrire ciò che gli altri approcci non possono – un esame completo e totale e la comprensione della vita mentale e dell'essere di sé di una persona.

Solutions Collecting From Web of "Diluire l'oro di analisi"