Dilemma DAAD

La depressione che inizia con rabbia affligge la mia vita e porta a pensieri di autodistruzione. Combatto con questi tre problemi ogni giorno. Essendo bipolare, la depressione è una sensazione comune. Negli ultimi mesi, mentre lottavo con disturbi fisici, il senso di perdita e di insensatezza mi ha spesso sopraffatto. Il 9 agosto 2017 ho compiuto 73 anni. Non avrei mai pensato di vivere così a lungo. Ho trascorso troppi anni in comportamenti distruttivi con un significativo tentativo di suicidio e, in molte occasioni, seriamente considerando di uccidermi, oltre a anni di tossicodipendenza e attività ad alto rischio. Ora sono anziano e il triste scorrere attraverso vari disturbi fisici spesso preoccupa i miei pensieri, e mi chiedo se valga la pena continuare.

Carl Davis
Fonte: Carl Davis

Mi arrabbio con un corpo che non ho mai amato. Durante tutta la mia vita, sono stato imbarazzante. Non ho mai avuto la sensazione di avere molto controllo sulla mia realtà fisica: braccia troppo lunghe con una portata sgraziata, gambe troppo pesanti per poter correre velocemente, un torso dato alla grassezza e una testa dove l'udito è spesso confuso dalla dislessia. La situazione mentale non era molto migliore. Sapevo di essere intelligente in qualche modo, ma molto stupido negli altri. La matematica è quasi impossibile per me, e il mondo digitale dell'accesso tramite pulsante è un abisso di errori in cui mi trovo con estrema frustrazione. Con l'età, questo corpo odiato è diventato un impedimento ancora maggiore. Il mio equilibrio è terribile; alzandomi barcollavo. La rabbia, sempre vulcanica per me, è scoppiata numerose volte, provocando oggetti rotti e attacchi di imprecazione.

Autoritratto 2016

C'è molto di cui essere arrabbiati oggi che va ben oltre l'insoddisfazione personale, un territorio di esperienza che conosco bene. Il mio ex psicologo una volta osservò che praticavo insoddisfazione molto bene. Lui aveva ragione. Ho praticato l'infelicità per molto tempo. Non mi ci vuole molto per pensare negativamente. Ed ecco dove voglio esprimere alcune considerazioni sulla situazione attuale riguardante il trattamento della salute mentale per i poveri, la crisi della tossicodipendenza e la crescente disperazione negli Stati Uniti. Questi problemi mi rendono irato. Questi problemi mi inducono ad affrontare, intellettualmente ed emotivamente, i tre elementi che sono al centro di questo articolo: depressione, rabbia e distruzione.

L'assistenza sanitaria pubblica in America è un disastro. Sono stato a conoscenza di questo problema da molto tempo, ma una recente storia piccola e non registrata e un'altra storia nazionale richiedono che io parli con veemenza. Conosco una giovane donna che è gravemente depressa e che ha smesso di prendere i suoi farmaci non solo per i suoi problemi psicologici, ma anche per il suo diabete. Ha guadagnato una quantità enorme di peso, ora pari a oltre 600 sterline. Sta chiaramente tentando un lento suicidio. Il suo piccolo appartamento è diventato così sporco e il suo aspetto così arruffato, i suoi amici l'hanno fatta ricoverare in un ospedale psichiatrico. Non aveva più vestiti. Ciò che possedeva non era più adatto o era troppo sporco da indossare.

Dopo tre giorni di istituzionalizzazione, l'ospedale l'ha rifiutata perché non esprimeva idea suicida. (I pazienti mentali possono essere subdoli: chi vuole ammettere di essere pazzi, cosa che fa perdere alla persona il controllo sulla propria vita? La donna è stata estratta in un camice da ospedale con un paio di pantaloni che mia moglie ha fatto per lei e mandati in un rifugio per senzatetto. Il rifugio per senzatetto era così pieno – un'altra triste realtà americana – che la donna fu trasferita in una chiesa, dove le fu dato un tappetino sottile per dormire sul pavimento. Lì rimane senza cure psichiatriche. Ci vogliono 10 minuti per alzarsi da terra. È ancora abbastanza giovane da poter crescere. I suoi amici cercano un altro posto per lei per ricevere un trattamento, che non riescono a trovare. Questo è vergognoso, e la sua malattia mentale mi porta a rimuginare su un problema ancora più vergognoso, la nuova visione dell'amministrazione federale nei confronti della dipendenza da oppioidi.

Internet
Fonte: Internet

In molti stati, come West Virginia, New Hampshire e Ohio, l'antidolorifico avvincente e la dipendenza da eroina sono dilaganti. Credo che questa emergenza nazionale sia un problema di salute mentale. Un articolo del New Yorker del giugno 2017 ha descritto la crisi degli oppioidi in West Virginia. Lo stato ha un tasso di mortalità per overdose di 41,5 per 100 mila, che è il più alto nella nazione. In piccole città in difficoltà, dove sono posti di lavoro che danno un senso di autostima

Overdose da oppioidi

pochi, persone, soprattutto giovani, cadono nella disperazione e cercano sollievo attraverso le sensazioni di soddisfazione indotte dalla droga, gli oppioidi "sono l'ultimo farmaco di fuga". Questo è il risultato della depressione e dell'automedicazione. Conosco bene l'automedicazione delle droghe illegali che si traduce nella distruzione definitiva del rispetto di sé. Le soluzioni proposte per l'emergenza sono le vecchie soluzioni di "Basta dire di no" e sanzioni più lunghe e severe per l'uso e la distribuzione. Quindi criminalizziamo un problema di salute mentale e perpetuiamo il problema. Molti altri uomini e donne si uniranno alla più grande popolazione incarcerata del mondo, dove un'enorme percentuale è malata di mente. Questa situazione disgustosa mi fa rabbia contro il mondo.

Nella mia rabbia, mi rendo conto di due cose. Uno, da lì, ma per la grazia di Dio, vado io, perché ero dipendente da una volta. Non all'oppioide o all'eroina, ma alla cocaina. Se fossi stato catturato e fosse davvero povero, avrei potuto ritrovarmi in una prigione e mi avrebbe completamente rovinato la vita. Due, devo sempre guardarmi attentamente e procedere con cautela, perché la rabbia porta alla depressione, che porta alla disperazione e al desiderio di morte. E ora sono arrabbiato, ma quello che ho, dopo l'aiuto, le medicine e un miglioramento significativo per me stesso, è la consapevolezza che ho bisogno di lasciare che la rabbia faccia il suo corso e aggrapparsi alla vita. Dovrà passare. La depressione svanirà per ora. Il desiderio di distruzione può essere gestito.

Non devo soffermarmi sul negativo. Faccio le cose che mi sento in dovere di fare. Io creo. Ho disegnato il mio autoritratto (sopra) per il 2016, con il quale ho cercato di trovare un'espressione visiva per la sensazione di impotenza contro le forze che cercano la mia distruzione, come l'aquila della mitologia che mangiava perennemente il fegato di Prometeo, o il tradimento di Delilah che Sansone accecato dalla lancia del soldato. Questa manifestazione esteriore silenzia l'inquietudine interiore.

E scrivo Scrivo su quali eventi mi infastidiscono e su come potrebbero essere risolti. Posso resistere al negativo e cercare il positivo per ciò che mi fa arrabbiare. Trovo soddisfazione per l'abilità fisica del disegno e l'agilità mentale da valutare. Il vulcano brontola e il fumo si riversa, ma per un momento prevale la pace. Suggerisco a chiunque di trovare la consapevolezza di fare altrettanto. Scopri il tuo percorso, seguilo e, come puoi, evita le rocce calde che piovono.

Solutions Collecting From Web of "Dilemma DAAD"