Dignity's Future

Ci sono ampie prove di "Disumanità dell'uomo per l'uomo". Orrori-guerra, torture, fame, traffico, schiavitù, migrazione di massa, sfruttamento, povertà, senzatetto, bullismo, abuso sessuale – riempiono i titoli dei giornali. L'orribile litania conferma il nostro cinismo e intorpidisce i nostri sensi. Lungi dal migliorare le cose, sembrano peggiorare.

Google Images/Labeled for Reuse
Fonte: Google Immagini / Etichette per riutilizzo

È facile affermare che l'Homo Sapiens è una creatura imperfetta: distruttiva, predatrice, irredimibile.

Eppure tutti conosciamo qualcuno che ha fatto qualcosa che smentisce questa dura valutazione. Qualcuno che dà invece di prendere, che include piuttosto che esclude, il cui istinto è quello di affermare la dignità degli altri – la loro intrinseca dignità.

E se questa risposta dovesse diventare universale? E se nessuno fosse stato lasciato fuori? E se la dignità diventasse la norma?

La ragione per cui questo sembra improbabile è che assumiamo che la natura umana sia fissa, che il modo in cui siamo stati prevede il modo in cui saremo per sempre.

Insieme a molte altre specie, la predazione è stata davvero la strategia di sopravvivenza dell'uomo. La nostra preda include altri umani e animali. I primi uomini si resero conto che la schiavitù pagava dividendi. Perché uccidere qualcuno quando il loro lavoro potrebbe arricchirti?

Negli ultimi secoli, il volto della schiavitù si è trasformato da coercizione a catena e a catena allo sfruttamento indiretto della schiavitù salariale: perdere un singolo stipendio e affrontare la vita per strada.

Quando proteggiamo la dignità degli altri, è stato spesso così da sfruttare in modo più efficace, o fare guerra, coloro che non condividono la nostra religione (o nazionalità, ideologia, ecc.). Cioè, noi abbracciamo la dignità per quelli nella nostra "tribù", ma umiliamo e disumanizziamo i non membri.

Perché percepiamo che qualcosa non va quando assistiamo ad un'abrogazione della dignità? Per quanto possiamo ignorare la piccola voce – la chiamiamo nostra coscienza – sussurrando che la dignità è universale e sacrosanta?

Nel cuore di ogni religione c'è una promessa di dignità per tutti i credenti. La religione ha intuito questa verità delle verità millenni fa e ha persuaso la maggior parte delle persone a darle almeno il massimo rispetto. Nonostante le insinuabili cadute, la Religione ha nutrito, ed è stata sostenuta da, la profonda consapevolezza che nessuno è indegno della dignità.

Questo nobile ideale sta per essere sostenuto universalmente, o sarà per sempre compromesso?

La negazione della dignità genera inimicizia, limita la creatività e impone la produttività. Anche se lo sfruttamento può dare ai predatori un vantaggio, c'è un'evoluzione statistica ineluttabile lontano dalle pratiche predatorie del passato e verso gruppi e società che affermano ed espandono la dignità.

Sta diventando chiaro che, nel tempo, l'indegnità paga dividendi peggiori della dignità. Una cultura di indegnità lascia i sabotatori insoddisfatti e alienati sul posto, e, non appena il bilanciamento del potere li favorisce, chiedono libertà, uguaglianza e dignità, spesso in modo tale da provocare gravi danni a coloro che ritengono responsabili della loro oppressione.

Fino a quando la sopravvivenza dipendeva da rivali in competizione per scarse necessità, gli umani ne escludevano alcuni dalla Confraternita dell'Uomo in modo da poterli preda senza una cattiva coscienza. L'accesso al potere si è ampliato. I progressi negli strumenti di distruzione di massa e disgregazione di massa hanno dato il potere abbastanza marginalizzato di rovinare la vita di tutti.

L'umanità è nella fase finale di una transizione epocale. La natura umana non è scritta nella pietra. Piuttosto, gli orrori che vediamo intorno a noi sono il residuo di una strategia di sopravvivenza predatoria che stiamo abbandonando in quanto il differenziale di potere su cui la strategia dipende si restringe.

Abbiamo conosciuto la risposta per molto tempo, ma solo ora siamo costretti ad accettarlo: possiamo ora – per la prima volta nella storia umana – rendere consapevolmente e sistematicamente operativa la dignità universale – e il suo corollario, la Regola d'oro – di trasformandoli in pietre miliari di istituzioni dignitose e un mondo dignitoso.

Con l'imminenza di cambiautori del gioco come il cambiamento climatico, la proliferazione nucleare e l'intelligenza artificiale super, l'umanità ha probabilmente, al massimo, un secolo per completare la transizione da una strategia di sopravvivenza a una dignitosa predatoria.

Quando adottiamo principi dignitari – nell'istruzione, negli affari, nella sanità e a tutti i livelli di governance – lasceremo andare una strategia di sopravvivenza che, mentre ci ha portato fino a questo punto, non può portarci oltre.

Cornerstones of a Dignitarian World
* La dignità è un tuo diritto. È anche di tutti gli altri.
* Difendi la dignità degli altri come se fosse la tua.
* La dignità è la pietra miliare dalla Libertà alla Giustizia.
* Costruire una società dignitaria è il prossimo passo della democrazia.
* Il rango è l'abuso del potere inerente al rango.
* Ciò che la gente vuole è la dignità. Il rango è una fonte di indegnità. Per garantire la dignità, non consentire il rango.
* Non dobbiamo sopportare il rankismo più di quanto le donne debbano sopportare il sessismo, le minoranze con il razzismo, i gay con l'omofobia, ecc.
* Nessuna società che razioni di dignità possono raggiungere il suo pieno potenziale, perché le minacce alla dignità inibiscono la creatività e la produttività fiscale.
* L'umiliazione e l'umiliazione sono pericolosi quanto l'uranio e il plutonio.
* L'unica cosa importante quanto il modo in cui trattiamo la Terra è il modo in cui ci trattiamo l'un l'altro.

Solutions Collecting From Web of "Dignity's Future"