Difendere il pigrone

Per molte persone, il signore della schiavitù – alias il ghetto padrone di casa e la spoglia affitto – è la prova che l'uomo può, mentre è ancora in vita, ottenere un'immagine satanica. Destinatario di vili maledizioni, puntaspilli per inquilini aguzzi con un debole per il voodoo, percepito come uno sfruttatore degli oppressi, il signore del sonno è sicuramente una delle figure più odiate della giornata.

L'atto di accusa è molteplice: egli fa pagare affitti irragionevolmente alti; lascia che i suoi edifici cadano in rovina; i suoi appartamenti sono dipinti con vernice a basso costo, che avvelena i bambini, e permette a drogati, stupratori e ubriachi di molestare gli inquilini. L'intonaco che cade, la spazzatura traboccante, gli scarafaggi onnipresenti, le tubature che perdono, le grotte dei tetti e gli incendi, sono tutte parti integranti del dominio del signore della morte. E le uniche creature che prosperano nelle sue sedi sono i topi.

L'accusa, per quanto altamente carica, è spuria. Il proprietario di ghetto è molto diverso da qualsiasi altro fornitore di merci a basso costo. In realtà, non è diverso da qualsiasi fornitore di qualsiasi tipo di merce. Caricano tutti quanto possono.

Innanzitutto consideri i fornitori di merce economica, inferiore e di seconda mano come una classe. Una cosa sopra ogni cosa spicca sulla merce che comprano e vendono: è costruita a buon mercato, di qualità inferiore o di seconda mano. Una persona razionale non si aspetterebbe un'elevata qualità, una lavorazione squisita o merce nuova di qualità superiore a prezzi convenienti; non si sentiva oltraggiato e imbrogliato se la merce con tariffa d'occasione avesse dimostrato di avere solo qualità di tasso di affare. Le nostre aspettative dalla margarina non sono quelle del burro. Siamo soddisfatti delle qualità minori di un'auto usata rispetto a una nuova auto. Tuttavia, quando si tratta di alloggi, soprattutto in ambito urbano, la gente si aspetta, anche insistendo, alloggi di qualità a prezzi stracciati.

Ma che dire del fatto che il pigrone abbia fatto un sovraccarico per il suo decrepito alloggio? Questo è errato. Tutti cercano di ottenere il prezzo più alto possibile per ciò che produce e di pagare il prezzo più basso possibile per ciò che acquista. I proprietari operano in questo modo, così come i lavoratori, i membri delle minoranze, i socialisti, le babysitter e gli agricoltori comunali. Anche le vedove e i pensionati che risparmiano i loro soldi per un'emergenza cercano di ottenere i più alti tassi di interesse possibili per i loro risparmi.

Secondo il ragionamento che trova spregevoli i signori, tutte queste persone devono essere condannate. Perché "sfruttano" le persone a cui vendono o affittano i loro servizi e capitali allo stesso modo quando cercano di ottenere il massimo rendimento possibile.

Ma, naturalmente, non sono spregevoli – almeno non a causa del loro desiderio di ottenere il più alto ritorno possibile dai loro prodotti e servizi. E nemmeno i signori. I proprietari terrieri di case fatiscenti sono scelti per qualcosa che è quasi una parte fondamentale della natura umana: il desiderio di barattare e scambiare e ottenere il miglior accordo possibile.

I critici del pigrone non riescono a distinguere tra il desiderio di caricare prezzi elevati, che tutti hanno, e la capacità di farlo, che non tutti hanno. I pignoli sono distinti, non perché vogliono caricare prezzi alti, ma perché possono farlo. La domanda che è quindi centrale nella questione – e che i critici ignorano totalmente – è il motivo per cui è così.

Ciò che di solito impedisce alle persone di addebitare prezzi eccessivamente alti è la competizione che si verifica non appena il prezzo e il margine di profitto di un determinato prodotto o servizio iniziano a salire. Se il prezzo di Frisbee, ad esempio, inizia ad aumentare, i produttori affermati espanderanno la produzione, nuovi imprenditori entreranno nel settore, i frisbee usati saranno forse venduti in mercati di seconda mano, ecc. Tutte queste attività tendono a contrastare l'aumento originale del prezzo.

Se il prezzo degli appartamenti in affitto improvvisamente ha cominciato a salire a causa di un'improvvisa carenza di alloggi, forze simili sarebbero entrate in gioco. Le nuove abitazioni sarebbero state costruite da proprietari immobiliari affermati e da nuovi proprietari che sarebbero stati attratti dal settore dall'aumento dei prezzi. I vecchi alloggi tendono a essere rinnovati; scantinati e solai sarebbero stati pressati in uso. Tutte queste attività tenderebbero a ridurre il prezzo degli alloggi e a curare la carenza di alloggi.

Se i proprietari tentassero di aumentare le rendite in assenza di una carenza di alloggi, avrebbero difficoltà a tenere i loro appartamenti in affitto. Sia i vecchi che i nuovi inquilini sarebbero stati tentati dagli affitti relativamente più bassi praticati altrove.

Anche se i proprietari terrieri si unissero per aumentare gli affitti, non sarebbero in grado di mantenere l'aumento in assenza di una carenza di alloggi. Un simile tentativo sarebbe contrastato da nuovi imprenditori, non aderenti all'accordo di cartello, che si affretterebbero a soddisfare la domanda di alloggi a prezzi inferiori. Comprerebbero case esistenti e costruiranno nuove abitazioni.

Gli inquilini, naturalmente, si affollano negli alloggi non di quartiere. Coloro che sono rimasti negli edifici ad alto prezzo tendono ad usare meno spazio, raddoppiando o cercando meno spazio di prima. In questo caso, i proprietari dei cartelli diverrebbero più difficili da mantenere affittati completamente.

Inevitabilmente, il cartello si romperebbe, mentre i proprietari terrieri cercavano di trovare e mantenere gli inquilini nel solo modo possibile: abbassando le rendite. Pertanto, è specioso pretendere che i proprietari paghino tutto ciò che desiderano. Fanno pagare tutto ciò che il mercato porterà, come fanno tutti gli altri.

Un motivo in più per chiamare la richiesta ingiustificata è che non esiste, in fondo, un senso veramente legittimo al concetto di sovraccarico. "Overcharging" può significare solo "addebitare più di quanto l'acquirente vorrebbe pagare". Ma dal momento che vorremmo tutti davvero non pagare nulla per il nostro spazio di dimora (o forse meno infinito, che sarebbe equivalente al proprietario pagando all'inquilino un infinito quantità di denaro per vivere nel suo palazzo), i proprietari che fanno pagare qualsiasi cosa possono dire di essere in eccesso. Tutti quelli che vendono a qualsiasi prezzo maggiore di zero si possono dire sovraccarichi, perché vorremmo tutti non pagare nulla (o meno infinito) per ciò che acquistiamo.

Ignorando come spuria l'affermazione che il pigrone si sovraccarichi, che dire della visione dei ratti, della spazzatura, dell'intonaco che cade, ecc.? Il pigrone è responsabile di queste condizioni?

Anche se è alla moda all'estremo dire "sì", questo non lo farà. Perché il problema degli alloggi in baraccopoli non è affatto un problema di baraccopoli o di alloggi. È un problema di povertà – un problema per il quale il proprietario non può essere ritenuto responsabile. E quando non è il risultato della povertà, non è affatto un problema sociale.

L'alloggio delle baraccopoli con tutti i suoi orrori non è un problema quando gli abitanti sono persone che possono permettersi alloggi di qualità superiore, ma preferiscono vivere in alloggi degradati a causa del denaro che possono risparmiare in tal modo.

Tale scelta potrebbe non essere popolare, ma le scelte liberamente fatte dagli altri che riguardano solo loro non possono essere classificate come un problema sociale. Se ciò potesse essere fatto, saremmo tutti in pericolo di avere le nostre scelte più deliberate, i nostri gusti e desideri più cari, caratterizzati come "problemi sociali" da persone il cui gusto differisce dal nostro.

Gli alloggi dei bassifondi sono un problema quando gli abitanti vi abitano per necessità, non volendo rimanere lì, ma non possono permettersi di meglio. La loro situazione è sicuramente dolorosa, ma la colpa non è del padrone di casa. Al contrario, sta fornendo un servizio necessario, data la povertà degli inquilini.

A titolo di prova, si consideri una legge che vieta l'esistenza di baraccopoli, e quindi di pigroni, senza fornire disposizioni per gli abitanti delle baraccopoli in nessun altro modo, come fornire alloggi dignitosi ai poveri o un reddito adeguato per comprare o affittare una buona casa. L'argomentazione è che se il signore della piaga danneggia davvero l'abitatore della baraccopoli, allora la sua eliminazione, con ogni altra cosa immutata, dovrebbe aumentare il benessere netto dell'inquilino della baraccopoli.

Ma la legge non lo farebbe. Sarebbe molto dannoso non solo per i signori della baraonda, ma anche per gli abitanti delle baraccopoli. Se non altro, danneggerebbe ancora di più gli abitanti delle baraccopoli, perché i signori avrebbero perso solo una delle forse molte fonti di reddito; gli abitanti delle baraccopoli avrebbero perso le loro stesse case.

Sarebbero costretti ad affittare uno spazio abitativo più costoso, con conseguente diminuzione della quantità di denaro disponibile per cibo, medicine e altre necessità. No. Il problema non è il signore della povertà: è la povertà. Solo se il signore della povertà fosse la causa della povertà, sarebbe stato legittimamente incolpato per i mali dell'alloggiamento degli slum.

Perché allora, se non è più colpevole di subdolo di altri mercanti, che il signore della povertà è stato individuato per denigrazione? Dopotutto, coloro che vendono vestiti usati ai barboni di Bower non vengono oltraggiati, anche se le loro merci sono inferiori, i prezzi alti e gli acquirenti poveri e indifesi. Invece di incolpare i mercanti, tuttavia, sembriamo sapere dove si trova la colpa – nella povertà e nella condizione senza speranza del vagabondo Bowery.

Allo stesso modo, le persone non incolpano i proprietari di sfasciacarrozze per le cattive condizioni delle loro merci o per le terribili difficoltà dei loro clienti. Le persone non incolpano i proprietari di "panetterie di un giorno" per la stoltezza del pane. Si rendono conto, invece, che se non fosse per sfasciacarriole e queste panetterie, le persone povere si troverebbero in una condizione persino peggiore di quella in cui sono ora.

Sebbene la risposta possa essere solo speculativa, sembrerebbe che esista una relazione positiva tra la quantità di interferenze governative in un'arena economica, e l'abuso e l'invettiva si sono accumulati sugli uomini d'affari che servono quell'arena. Ci sono state poche leggi che interferiscono con le "panetterie di un giorno" o le discariche, ma molte nella zona abitativa. Il collegamento tra il coinvolgimento del governo nel mercato immobiliare e la difficile situazione dell'immagine del signore della povertà dovrebbe, quindi, essere individuato.

Che non ci sia un coinvolgimento forte e vario del governo nel mercato immobiliare non può essere negato. Progetti di edilizia residenziale in spazi ristretti, edilizia "pubblica" e progetti di rinnovamento urbano, ordinanze di zonizzazione e codici di costruzione, sono solo alcuni esempi. Ognuno di questi ha creato più problemi di quanti ne abbia risolti. Più abitazioni sono state distrutte rispetto a quelle create, le tensioni razziali sono state esacerbate, i quartieri e la vita della comunità sono stati distrutti.

In ogni caso, sembra che gli effetti di spillover della burocrazia burocratica e del pasticcio siano visitati dal signore della povertà. È responsabile della maggior parte del sovraffollamento generato dal programma di rinnovamento urbano. È accusato di non aver mantenuto i suoi edifici agli standard stabiliti in codici costruttivi irrealistici che, se soddisfatti, peggiorerebbero radicalmente la situazione degli abitanti delle baraccopoli. L'irresistibile "custodia di Cadillac" può solo danneggiare gli abitanti di "abitazioni Volkswagen". Mette tutte le abitazioni fuori dalla portata finanziaria dei poveri.

Forse il collegamento più critico tra il governo e il discredito in cui è detenuto il proprietario è la legge sul controllo degli affitti. La legislazione sul controllo degli affitti cambia i soliti incentivi al profitto, che mettono l'imprenditore al servizio dei suoi clienti, a incentivi che lo rendono il nemico diretto dei suoi clienti inquilini.

Di solito il proprietario (o qualsiasi altro uomo d'affari) guadagna denaro servendo i bisogni dei suoi inquilini. Se non soddisfa questi bisogni, gli inquilini tenderanno a trasferirsi. Gli appartamenti liberi significano, ovviamente, una perdita di reddito. Pubblicità, agenti di noleggio, riparazioni, verniciatura e altre condizioni relative al ri-affitto di un appartamento significano spese extra.

Inoltre, il proprietario che non riesce a soddisfare le esigenze degli inquilini potrebbe dover addebitare canoni inferiori a quelli che altrimenti avrebbe potuto. Come in altre aziende, il cliente ha "sempre ragione" e il commerciante ignora questo motto solo a suo rischio e pericolo.

Ma con il controllo degli affitti, il sistema di incentivi viene ribaltato. Qui il padrone di casa può guadagnare il maggior rendimento non servendo i suoi inquilini bene, ma maltrattandoli, facendo il falso, rifiutando di fare riparazioni, insultandoli. Quando gli affitti sono legalmente controllati a tassi inferiori al loro valore di mercato, il proprietario guadagna il maggior rendimento non servendo i suoi inquilini, ma liberandosi di loro. Per allora può sostituirli con inquilini più pagati non inquilini.

Se il sistema di incentivi viene ribaltato sotto il controllo degli affitti, è il processo di auto-selezione attraverso il quale viene determinata l'entrata nel "settore" del padrone di casa. I tipi di persone attratte da un'occupazione sono influenzate dal tipo di lavoro che deve essere fatto nel settore.

Se l'occupazione chiama (finanziariamente) per il servizio ai consumatori, un tipo di proprietario sarà attratto. Se l'occupazione chiama (finanziariamente) per molestie ai consumatori, allora verrà attratto un tipo di proprietario molto diverso. In altre parole, in molti casi la reputazione del ciarlatano come astuta, avara, ecc. Potrebbe essere meritata, ma è in primo luogo il programma di controllo degli affitti che incoraggia le persone di questo tipo a diventare proprietari terrieri.

Se ai signori della baraccopoli fosse proibito di dominare le baraccopoli, e se questa proibizione fosse applicata attivamente, il benessere del povero abitatore della baraccopoli sarebbe enormemente peggiorato, come abbiamo visto. È il divieto di affitti elevati con il controllo degli affitti e una legislazione simile che provoca il deterioramento degli alloggi. È il divieto di alloggi di bassa qualità da parte di codici abitativi e simili che costringono i proprietari a lasciare il campo degli alloggi.

Il risultato è che gli inquilini hanno meno scelte e le loro scelte sono di bassa qualità. Se i proprietari terrieri non possono fare tanto profitto nel fornire alloggio ai poveri quanto possono in altri sforzi, lasceranno il campo. I tentativi di abbassare gli affitti e mantenere alta la qualità attraverso i divieti riducono solo i profitti e fanno uscire i signori dal campo, lasciando i poveri inquilini via via peggio.

Va ricordato che la causa fondamentale degli slum non è il signore della povertà, e che i peggiori "eccessi" del signore della povertà sono dovuti a programmi governativi, in particolare il controllo degli affitti. Il pigrone dà un contributo positivo alla società; senza di lui, l'economia andrebbe peggio. Che continui nel suo ingrato compito, tra tutti gli abusi e le denigrazioni, non può che essere la prova della sua natura fondamentalmente eroica.

Solutions Collecting From Web of "Difendere il pigrone"