Difendere i musulmani, criticare l'islam

Non riesco a immaginare come debba essere un musulmano negli Stati Uniti adesso. Deve sentirsi terribile: gli sguardi fissi e fissi sul negozio di alimentari, gli scherni sul cortile della scuola, gli abusi che ti hanno scaraventato sugli autobus, le caricature ignoranti della tua religione in televisione, l'ostile degrado della tua fede sulla radio parlata di destra , il vandalismo delle tue moschee, le parole odiose di Donald Trump e dei suoi scagnozzi e così via. Secondo i rapporti di Human Rights Watch, i crimini di odio contro i musulmani negli Stati Uniti sono aumentati vertiginosamente negli ultimi due anni. In un ambiente socio-politico così tossico, dove alcuni americani che non conoscono quasi nulla della storia dei musulmani, le credenze dei musulmani, il ricco e variegato patrimonio dei musulmani, l'enorme diversità delle culture e delle etnie musulmane, o i dibattiti interni, interpretazioni e scuole di pensiero conflittuali tra musulmani – questi stessi americani proclamano regolarmente ampie generalizzazioni e stereotipi malvagi, sputano condanne ignoranti e critiche riduzioniste … beh, deve essere piuttosto dura al momento. Come ho detto, non posso immaginare.

E questo è solo qui negli Stati Uniti. Non riesco nemmeno a immaginare come debba essere musulmano in questo momento in Myanmar – dove la minoranza della comunità musulmana è soggetta a rivolte violente, a repressioni e spostamenti forzati, e alla negazione della cittadinanza. Non riesco neanche ad immaginare come debba essere musulmano nella Palestina occupata, dove l'oppressione violenta e le violazioni dei diritti umani sono implacabili.

Quando penso a individui e famiglie musulmani – uomini, donne e bambini – che vivono in parti del mondo dove sono sospettati, stereotipati e negati, non provo altro che empatia e compassione. Quando penso ai miei amici musulmani, ai vicini e ai colleghi – e ascolto le loro storie di umiliazioni e preoccupazioni quotidiane – ho voglia di offrire qualsiasi consolazione e aiuto che posso.

Nonostante ciò, non riesco nemmeno a immaginare come debba essere un ateo in molte nazioni a maggioranza musulmana oggi – come la Malesia, il Pakistan e gli Emirati Arabi Uniti – dove semplicemente manca una fede in Dio che garantisce la pena di morte . In Arabia Saudita, l'ateismo è in realtà designato come terrorismo! Non riesco ad immaginare come debba essere un blogger scettico in Bangladesh, dove i miei parenti freestanding vengono uccisi regolarmente solo per esprimere le loro idee. Non riesco nemmeno ad immaginare come debba essere un omosessuale in molte nazioni a maggioranza musulmana – come Iran, Afghanistan o Qatar – dove anche l'omosessualità può giustificare la pena di morte. E non riesco neanche ad immaginare cosa significhi essere una donna nello Yemen o in Somalia, dove le opportunità di indipendenza economica o personale sono relativamente spaventose; infatti, secondo Wall Street 24/7, tra i 10 paesi peggiori al mondo per essere una donna, tutti tranne uno sono le nazioni a maggioranza musulmana. Non riesco neanche a immaginare come debba essere una donna in Arabia Saudita, dove mi sarebbe richiesto per legge di avere sempre un guardiano maschio che mi conceda il permesso di fare varie cose che potrei voler fare, come viaggiare, prendere un istruzione, avviare un'impresa o seguire una procedura medica. E non mi sarebbe permesso guidare . Non riesco nemmeno a immaginare come debba essere un musulmano vivere in una nazione a maggioranza musulmana che dubita dei principi della mia fede, o che ha perso la mia fede del tutto, o che vuole sposare qualcuno di fede diversa, o che vuole convertirsi in un'altra fede: la potenziale persecuzione legale potrebbe essere viziosa, per non parlare del potenziale ostracismo e dell'alienazione dalla mia comunità.

Infine, come umanista laico – ateo e naturalista – non riesco a immaginare come tante persone possano credere nella religione dell'Islam che – come le altre due fedi abramiche, ebraismo e cristianesimo – si fonda su affermazioni storiche traballanti, non vere. miti e esternalizzazione morale regressiva.

Tale è il dilemma per ogni progressista laico che sostiene i diritti umani, la libertà di pensiero e la libertà di religione – e che disprezza pregiudizio, nazionalismo, tribalismo, razzismo, ecc. – mentre allo stesso tempo è scettico nei confronti delle affermazioni religiose, critico di autorità religiose, discutibili di sistemi etici basati su supposizioni soprannaturali e ingiustamente ostili a qualsiasi scritture o sistemi religiosi che giustifichino la schiavitù, il patriarcato, l'omofobia, l'intolleranza o la violenza.

Da una parte, faccio dolere visibilmente le sciocchezze della Fox che accendono le fiamme della xenofobia, della paura, dell'intolleranza e dell'islamofobia. Questi stessi sapientoni negano il riscaldamento globale, bloccano la ricerca sulle cellule staminali, ostacolano i diritti riproduttivi delle donne, denigrano gli omosessuali, sostengono un uomo vile, razzista, incompetente come presidente e considerano le persone secolari come me immorali, mascalzoni non patriottiche. Esco dal loro fanatismo e non desidero unirmi al loro coro che è così critico nei confronti dei musulmani, causando così danni reali a uomini, donne e bambini. Voglio mantenere una lunga distanza da loro e il loro programma conservatore. Voglio far sentire i miei fratelli e sorelle musulmani sicuri, protetti, amati.

D'altra parte, personalmente non penso che il Corano sia da Dio, non penso che Muhammad fosse il più morale degli uomini, dubito sinceramente che molte delle storie degli Hadith siano vere, non lo so penso che ci sia un diavolo, non penso che ci siano jinn, non credo in un paradiso o in un inferno (e l'inferno nell'islam tradizionale è particolarmente antipatico, a proposito), e trovo molte delle Scritture specifiche , principi, dottrine e dogmi dell'islam tradizionale nel migliore dei casi, disumanizzante e distruttivo nel peggiore dei casi. Infine, le mie simpatie per gli ex-musulmani-apostati sono supremi, visto il doppio fardello che spesso non sopportano o diffidano dei non musulmani in Occidente che spesso li vedono come musulmani e contemporaneamente alienati e spesso odiati dai musulmani, che vederli come traditori, disertori, infedeli, o semplicemente disonorare le loro famiglie.

Quindi che si fa? Non ne sono sicuro. Per ora, cerco di fare una distinzione, per quanto possa essere precaria e porosa, tra il popolo musulmano e l'Islam dottrinale. Per "popolo musulmano", intendo gli individui e le comunità là fuori che meritano rispetto, diritti e protezioni, come tutte le persone. Hanno il diritto alle loro credenze, alla loro eredità, alla loro fede, ecc. Cerco di essere loro amico, come meglio posso. Con "Islam dottrinale" intendo le principali scritture (il Corano e l'Hadith), il vasto canone degli scritti filosofici islamici e gli insegnamenti e le supposizioni soprannaturali incorporati nella fede islamica. Per me, queste componenti dottrinali della religione dell'Islam sono aperte a critiche rumorose e rigorose, proprio come le componenti dottrinali di tutte le religioni. Cerco di sostenere quella critica. E sono grato di vivere in una società aperta, ben radicata nei valori del cristianesimo e dell'Illuminismo, che mi consente la libertà di farlo.

Solutions Collecting From Web of "Difendere i musulmani, criticare l'islam"