Dieci consigli per le persone che si immaginano

La più vecchia psicologia scherza nel libro:

Due psichiatri passano nella sala. Il primo dice "Ciao".
L'altro pensa: "Mi chiedo cosa intendesse per quello".

Una variazione:

Due persone passano nella sala. Uno dice ciao e poi pensa: "Mi chiedo cosa intendevo per quello".

Se ti auto-psicologhi, non sei solo. Tuttavia, potresti aver notato che non tutti lo fanno. Ecco alcuni consigli per noi secondo-indovini auto-psicologizzanti.

  1. La seconda ipotesi può essere positiva per la tua salute: quando ci piace, la chiamiamo autocoscienza o introspezione. Guarda prima di saltare: spesso ci impedisce di fare una mossa falsa. Una seconda ipotesi nel tempo risparmia nove, spesso ci rende studenti migliori, in grado di pensare a ciò che abbiamo fatto e se farlo di nuovo o qualcos'altro.
  2. La seconda ipotesi può essere dannosa per la tua salute: quando non ci piace, la definiamo auto-cosciente. Può distrarti dalle cose che contano, può renderci lenti e inefficienti, legati alla lingua e deboli – una sorta di follia, dato che il sopracciglio alzato di qualcuno può farci inclinare facilmente nel dubbio su di te.
  3. In un dibattito con quelli che non fanno ipotesi, perderai anche quando hai ragione: l'auto-sicuro sa di essere dalla parte della verità e della virtù. Nel dibattito sono solo la missione – anzi il loro solenne dovere – è vincere con ogni mezzo possibile. Sporco va bene, anche virtuoso, se consente loro di prevalere. Guarda Donald Trump per un maestro di autodeterminazione. Al contrario, i secondi indovini hanno due missioni, vincendo e sostenendo ciò che è giusto, il che significa chiedersi cosa è giusto. L'insicuro può aggrovigliare i secondi indovini con l'insicurezza semplicemente sfidandoli, ma i secondi indovini non possono vendicarsi dato che la sicurezza di sé svia tutte le sfide. I pubblici sono solitamente influenzati dalla fiducia più del contenuto. I Donalds del mondo vinceranno.
  4. Molte persone pensano di essere in secondo luogo, ma non lo fanno: i sicuri di sé seguono il loro naso verso ogni tipo di autoaffermazione. Con queste persone, è facile condurle per il naso fino a un reclamo secondo il quale indovinare se stessi, anche se non lo fanno. Basta chiedere loro: "Sei consapevole di te stesso?", Il che lo rende positivo. "Certo," diranno anche se non hanno mai veramente dubitato delle parole che escono dalla loro bocca o dei pensieri che fluttuano nelle loro teste. Non siamo tutti nati da secondi indovini. E per coloro che non pensano in modo naturale, ci vuole un sacco di educazione nel pensiero critico prima che facciano risplendere il loro potere di dubitare di se stessi. La maggior parte delle persone trasforma un'educazione nel pensiero critico in modi per dubitare degli altri in modo più efficace, il che rende l'auto-certezza molto più facile.
  5. Non possono sentirti pensare a meno che tu non li lasci: i secondi indovini possono sentirsi forti e chiari, ma altri no a meno che tu non lo mostri. Diventa bravo a modificare i tuoi dubbi vocalizzati. Sbarazzati di quella fronte da sei pacchi che innalzi quando stai per indovinare te stesso. Morditi la lingua piuttosto che sfogare i tuoi dubbi e poi dire "Oops. Stavo parlando? "L'insicurezza pubblicitaria incoraggia i dubbi degli altri. Attivare un controllo immagine per evitare di dover controllare i danni.
  6. Prova come potresti, non arriverai fino in fondo: "Perché indago me stesso?" È una terza ipotesi. "Perché mi chiedo perché riesca a indovinare me stesso?" È una quarta ipotesi, e puoi andare da lì, dubitando di ogni dubbio e ogni cosa. "Qual è l'unica vera ragione per cui faccio queste cose?" Non ti darà una risposta definitiva perché non facciamo mai nulla per una sola ragione, e anche se ne trovi una, potresti ancora dubitarne. L'auto-interrogazione non si ferma perché hai ottenuto le risposte, ma perché hai superato le domande.
  7. La parte inferiore di questo non è nella tua educazione: puoi assumere terapisti per aiutarti ad andare fino in fondo. Molti terapeuti sono stati addestrati a riversare i dettagli della tua educazione per trovare la vera causa dei tuoi comportamenti. Ma smetti di pensarci: quanto spesso trovi fratelli con lo stesso temperamento? Certo, l'educazione di ogni fratello è diversa, ma anche quando l'educazione è più o meno la stessa, i temperamenti fratelli variano molto. Spiegare te stesso a te stesso di solito non si riduce a qualcosa che è successo nella tua infanzia, anche se è successo molto.
  8. Studia la linea di fondo sottile: il più vicino a cui arriverai in fondo deriverà dal prendere confidenza con i dilemmi che affrontiamo tutti. Siamo esposti a questi dilemmi in un diverso ordine di accatastamento, ma dall'adolescenza li avrai incontrati tutti: dubbi su quando avere la serenità da accettare o il coraggio di provare a cambiare le cose, su quando prendersi cura e quando non preoccuparsi , su quando provare più duramente e quando arrendersi, su quando continuare a fare quello che stai facendo e quando fare qualcos'altro, su quando trattenersi per una gratificazione incerta ritardata e su quando aggrapparsi a quell'uccello nella mano piuttosto che provando per quei due nella boscaglia. Persino i dubbi su quando indovinare se stessi e quando tacere e mantenere ciò che stai facendo. C'è una linea sottile tra le situazioni che richiedono l'una o l'altra di queste opzioni opposte. Studiarlo
  9. Prende tutti i tipi: "Sto facendo questo giusto?" È una domanda più pressante quando c'è solo un modo giusto. Ci sono spesso molte giuste vie e comunque puoi solo indovinare su quale strada si rivelerà giusta in futuro, dal momento che il futuro non è qui oggi per guidare la tua decisione. Farai le cose in modo diverso dagli altri che hanno un temperamento diverso. Il più delle volte, va bene. Prende tutti i tipi. Il modo giusto di fare le cose non è definito in modo così preciso come potresti pensare.
  10. Puoi essere più efficiente nel giudicare in secondo luogo dove aiuta e non dove fa male: potrebbe essere più facile per gli auto-dubbiosi attenuare la propria auto-consapevolezza piuttosto che per la certezza di sottrarsi alla propria consapevolezza di sé. Il tempo perde il dubbio su se stessi. Spesso superiamo i dubbi su noi stessi attraverso esercizi fruttuosi e inutili, dubitando ripetutamente della stessa cosa senza alcun effetto positivo finché il dubbio non diventa evidentemente uno spreco che semplicemente lo interrompiamo. L'invecchiamento aiuta. Chiedersi se si dovrebbe cambiare qualcosa senza un modo pratico per cambiare è fare una montagna da una collina controvoglia. Occhi sul premio, dubbi su se stessi in cui è probabile che si ripagino con punti salvati e apprendimento veloce.

Solutions Collecting From Web of "Dieci consigli per le persone che si immaginano"