Dici cosa intendi?

Sono colpito dal potere del linguaggio.

Fa la differenza nel lavoro di uno scrittore come vengono presentate le idee. Le parole possono portare dolcemente all'impegno e alla comprensione o attirare il lettore verso la difensività e il rifiuto. Le stesse idee possono essere accolte con risultati molto diversi; tutto dipende da come. Guardo gli studenti di filosofia che rispondono ripetutamente tanto alla consegna quanto al messaggio di ciò che leggono. L'autore è condiscendente verso coloro che potrebbero non essere d'accordo? Mocking? Rifiutare qualsiasi altro approccio all'etica ambientale, ai diritti umani, alle priorità economiche? John Stuart Mill, Simone de Beauvoir e Friedrich Nietzsche fanno molte delle stesse affermazioni, ma le loro somiglianze rimangono spesso sepolte sotto la loro scelta di parole e tono di voce. Quante volte gli psicologi perdono ciò che condividono in comune a causa della rigidità della presentazione? E abbiamo un'esibizione micidiale di politici che si affidano a mordenti morsi di un sottoterra di antagonismo per affrontare questioni vitali che stanno affrontando il nostro paese oggi.

Negli scambi verbali, il nostro modo di cementare le relazioni, fa la differenza come vengono comunicate idee e sentimenti. Socrate nell'antica Grecia e Confucio nella Cina più antica insistevano entrambi sull'importanza dell'abilità di far sì che le tue parole dicessero cosa intendi. Per questi due filosofi che passeggiano, le parole incuranti creano un danno indicibile. "Pensa prima di parlare" non è un comando ovvio né comunemente praticato, rimprovera, allora e ora. Le parole arrivano velocemente e troppo facilmente; rallenta e assicurati che la tua lingua, la tua mente e il tuo cuore siano collegati. Cosa consigliano Confucio e Socrate fino a quando questa connessione tra la bocca e la mente non è buona? SILENZIO!

Dici cosa intendi? O è … vuoi dire quello che dici ?! Quanto spesso tu, io, penso o esclamo "Non posso credere di averlo detto?" Come possiamo addestrarci a usare il linguaggio con migliori intenti e chiarezza? Ecco un esercizio che i filosofi di tutte le età trovano illuminante. Alla fine di una lezione, di una riunione, di una festa o di un giorno, rifletti su ciò che hai detto. Impara ad ascoltare te stesso. Prestare molta attenzione alla tua voce e / o alla scrittura può essere il miglior insegnante. I filosofi bambini trovano questo esame esilarante e degno di grattarsi la testa. I filosofi più anziani spesso lo trovano sorprendente e allarmante all'inizio; sentono che un voto di silenzio temporaneo è in ordine!

Inoltre, mi piace leggere la scrittura nitida e pura come un buon promemoria. Ad esempio, "My Father's Suitcase" di Orhan Pamuk o "Ethan Frome" di Edith Wharton. E sono spazzato via dalla bellezza del linguaggio con una dose di poesia di Pablo Neruda: prova la sua "Ode al dizionario" e "Verbo". E Mary Oliver non mi delude mai con il suo linguaggio semplice e aggraziato: passa un po 'di tempo con le sue "Wild Geese" e "Acid".

Cosa hai detto? Lo intendevi?

Solutions Collecting From Web of "Dici cosa intendi?"