Diagnosi: dannoso o utile?

Recentemente ho letto un articolo che sbatteva il DSM (Manuale Diagnostico e Statistico), il libro di psicologia diagnostica psicologo e psichiatri. L'articolo sosteneva che non dovremmo avere un libro del genere: il libro era patologico e creato da una cultura culturalmente parziale. Ha citato esempi di modi, in passato, abbiamo patologizzato persone che erano diverse, etichettandole e chiamandole malate di mente, fuori dai pregiudizi e / o dall'ignoranza e / o dalla politica come l'omosessualità o gli schiavi che avevano il desiderio di essere liberi.

Prima lasciatemi dire: ci sono, senza dubbio, enormi problemi con il DSM . Alcuni sono incredibilmente frustranti, alcuni sono politici, altri semplicemente sbagliati. La mia collega Elizabeth Corsale, MFT, e io abbiamo persino deciso di cambiare la diagnosi di cleptomania. Dopo anni di ricerca e trattamento con persone che rubano, siamo fiduciosi che la diagnosi del DSM non è basata sulla ricerca e non è corretta.

Inoltre, il DSM non è un quadro completo della sofferenza umana, neanche lontanamente. Questo è vero in ogni scienza . Non capiamo veramente la fisica nei suoi livelli più minuti o cosmici. Per quanto riguarda la medicina, ho una figlia che ha avuto due malattie croniche che non possono essere diagnosticate tranne che "è la nostra ipotesi migliore che lei abbia …" e questo era nel più famoso centro medico del mondo. Potrei andare avanti e avanti ai limiti delle nostre conoscenze attuali in ogni scienza: quante volte le raccomandazioni nutrizionali sono state riviste sulla base di nuove scoperte, o quando nuove scoperte sulle piante fanno esplodere vecchi pensieri o paradigmi sull'evoluzione o sull'ambiente, ecc.

Ma ecco la linea di fondo: le persone soffrono profondamente e a volte significa che non possono funzionare . Sono stati sufficienti anni di misurazione dell'efficacia delle diagnosi e dei trattamenti per sapere che molte di queste persone possono essere aiutate quando comprendiamo schemi e abbiamo usato trattamenti abbastanza standardizzati con buoni risultati. Questo è il motivo per cui abbiamo il nostro (imperfetto) sistema di diagnosi. Potrei darti esempi di innumerevoli persone che sono state aiutate dall'ottenere una buona diagnosi e il trattamento appropriato.

Ho lavorato con persone affette da pedofilia o depressione o ansia o PTSD o schizofrenia che erano profondamente grati di avere una diagnosi e un trattamento che li aiutasse a vivere una vita più felice e più appagante (e che non danneggiava gli altri) . Perché alla fine della giornata, se sei così traumatizzato stai distruggendo ogni rapporto che hai attraverso l'acting out dei trigger, quando un terapista dice che hai PTSD e ti dà una terapia veramente buona (e forse prendi uno stabilizzatore dell'umore o L -theanine) e poi alla fine sei in grado di essere calmo e creare relazioni più amorevoli e intime, e goderti la vita più pienamente, e dormire la notte, non ti interessa come si chiama, sei solo una persona davvero, davvero grata sapeva cosa c'era di sbagliato in te e ti ha aiutato.

Personalmente ritengo che il problema più grande delle diagnosi non sia l'etichetta, o che abbiamo farmaci per aiutare le persone, o specifici tipi di trattamento che possono alleviare la loro sofferenza.

Il problema più grande è che la maggior parte delle persone nella professione psicologica – a meno che non siano veramente brave e abbiano fatto il proprio, più profondo lavoro – veda la diagnosi e i sintomi e cerchi semplicemente di alleviare la sofferenza . E non fraintendermi: è estremamente utile e importante.

Ma non è, penso, il punto di ciò che dovrebbe essere la terapia o quale sia il punto di essere vivi, del resto. Piuttosto, la malattia mentale può essere un'enorme opportunità per la persona (e per gli altri nella propria vita, se è per questo) di scoprire, imparare e crescere e diventare qualcosa di più grande di chi o cosa fossero prima.

Quando sono caduto in quello che pensavo fosse una depressione profonda, ma alla fine è stato diagnosticato come PTSD, è stato attivato lavorando troppo intensamente con un paziente che ha avuto un grave trauma. Sono stato secondariamente traumatizzato dal lavoro. Ma non ho preso medicine per alcuni mesi e alleviato le mie sofferenze. Quando sono entrato nell'ufficio del mio terapista, lui mi ha detto: questo non è solo un problema di oggi, è un'opportunità per te per cambiare la tua vita. Abbiamo scoperto che mi trovavo in quella situazione con la mia paziente perché mi stavo mettendo da parte per essere chi pensavo fosse necessario, il che era qualcosa che avevo l'abitudine di fare. Ho iniziato a vederlo in molti posti, e questo alla fine mi ha aiutato a scoprire che avevo messo da parte la mia vera passione – essere un'artista e una scrittrice – per prendermi cura di ciò di cui pensavo fosse necessario occuparsi. Da quel momento ho cambiato radicalmente la mia vita per riflettere in modo più accurato ciò che è importante per me, ciò che è vero per me. Di conseguenza, sono ancora più profondamente felice e soddisfatto di prima della mia depressione e PTSD.

Quindi la depressione e il DPTS erano reali. Sono grato per la diagnosi perché ho avuto un farmaco per diversi mesi che mi ha aiutato a stabilizzare me e un terapeuta specializzato in disturbi dell'umore in modo da poter apportare cambiamenti immediati che mi permettessero di uscire dal buco profondo. Ma da lì, sono diventato profondamente grato per la "malattia mentale" che ho avuto, perché mi ha permesso di vedere ciò che avevo bisogno di vedere di me stesso e di crescere in una persona che era più profondamente felice e soddisfatta nella mia vita .

In questo modo, la malattia mentale può dirci cosa c'è che non va in una persona, e anche nella genitorialità, nella cultura e nella società. È bio / psico / sociale – accade nel corpo, nella mente o nella psiche dell'individuo e nel contesto di una cultura o società. Potrebbe essere che per guarire la malattia mentale, dobbiamo affrontare il cambiamento su tutti questi livelli.

Quindi, piuttosto che buttare fuori un (imperfetto ma utile) libro di diagnosi, che ne dici se vediamo quelle diagnosi all'interno di un contesto più ampio e affrontiamo tutto questo? La dipendenza esiste. Distrugge corpi e vite. Avere tale diagnosi e trattamento è estremamente importante. Ma la dipendenza esiste per una RAGIONE – non solo una ragione personale, ma una ragione culturale e sociale. Anche queste ragioni vanno affrontate.

Continuiamo a lavorare per renderlo migliore. Continuiamo a cercare di capire in un modo sfumato e compassionevole, dove la nostra psiche va storta. Continuiamo ad imparare come affrontare queste diagnosi in modo efficace e attento. E mentre facciamo così, di sicuro teniamo d'occhio i modi in cui i valori delle società influenzano ciò che pensiamo come "patologia" – manteniamo la correzione per l'ignoranza e il pregiudizio.

Mentre ci siamo, continuiamo a lavorare per creare una società che abbia spazio e spazio per la miriade di modi in cui finiamo per essere umani. Guardiamo a lungo e con determinazione ai modi in cui la nostra cultura e la nostra società creano patologia e maladaptive come affrontare un mondo disfunzionale. E infine, proviamo a usare i modi in cui la nostra psiche ci tira fuori dalla vita come opportunità di crescere e diventare qualcosa di più arricchito e più profondamente realizzato e connesso alla vita .

Solutions Collecting From Web of "Diagnosi: dannoso o utile?"